Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei (PD)

Cantè, gente! Xe qua Sanremo!

Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Quando ca sento nominare Sanremo o mèjo el Festival de Sanremo, eco che in tel celo de ’a me mente sento rivare na spece de tenporàe e i colpi de ton i se trasforma in note de musica. Subito me riva davanti a i oci el Festival.
Sì, parché ghe xe stà on tenpo che mi del Festival de Sanremo a gera proprio inamorà, ma, dopo tuto, sto avenimento ghe piaseva proprio a tuti in fameja, essendo ’passionà de musica. El popà, a tenpo perso, el sonava la so chitara rossa. El zio Gioanin invesse el sonava el mandoin “a recia”, i diseva, non avendo studià musica, però el sonava ben i tanghi e le mazurche che andava de moda alora.
Tornando a Sanremo, noantri in fameja, có rivava la prima serata, a l’ora giusta, se gera tuti schierà davanti a la television; arente al fogolaro dove s-ciocava on bel fogo, se gera tuti atenti e siti. Mi lo seguìa co ’l libreto in man, dove che ghe gera tute le paròe de le canson par inpararle a memoria.
Par primo la mente me dà Modugno. Che bèe canson, che musica romantica, gente! “Ciao, ciao, bambina! Un bacio ancora e poi per sempre ti perderò… E piove, piove sul nostro amor.” Eco la volta de Claudio Villa. Le so canson gera senpre belissime: “Buongiorno tristezza, Binario, ec.” Me ricordo la serata che le so amiratrici, par darghe la man, da la contentessa le lo ga tirà zo dal palco sora chela siesa de fiuri che ogni ano incornisava el palco. Adesso me vien in mente Milva; la so canson la me piaseva a mi: “Vieni a vedere il mio mare, io lo tengo nel cassetto…” Che bea canson! E che bea la Milva co la so scavejara rossa. Po’ me riva in mente la Mina co la so canson de le “Mille bolle blu” e la so alegrìa la inpienava tuta la nostra vecia cusina.
No ’l gera de manco Sergio Endrigo; no le gera alegre le so canson, ma par mi le gera senpre mèjo de tute. Po’, có ’l ga cantà “Io che amo solo te…” la gera na meraveja.
Ma la me memoria continua a farme védare altri Festival, parché i xe stà tanti quei visti fin adesso. Me ricordo ben quando Achille Togliani cantava co na vose che gera na caressa “La signora di trent’anni fa”, che diseva: “Nel millenovecentodiciannove, vestita di voile e di chiffon… Poi vi condussi... non ricordo dove, e mi diceste... non ricordo più. Nel millenovecentodiciannove vi chiamavate forse... gioventù.” Quanto sentimento gavéa sta canson, tanto che a scoltarla te sentivi el core che ’l se faséa dolse, ma co on pocheto de nostalgia.
Adesso la me mente la me regala la canson de Giliola Cinquetti: “Non ho l’età” la se ciamava. Sta toseta, co on museto neto e na voseta bassa, la gera riussìa a incantare tuti. Ma chel’ano mi gera a Pordenon co na parente e se gera ’ndà al bar San Marco par scoltare el Festival. Ghe gera tanta gente, tuti atenti, e in ultimo ste paròe: “Non ho l’età, non ho l’età per amarti…” tuti gera d’acordo che gera proprio quea la vincente e cussì xe stà.
Intanto core in tel tenporàe de la me mente tante altre canson e cantanti. E mi cantava, cantava parfin sentà a tola davanti al piato de menestra. “Basta – diséa me mama – no se canta fin che se magna.” “E no rìdare massa – diséa zio Gioanin – parché el proverbio dise che il riso abbonda sulle labbra degli stolti. Gheto capio!?” Ma el tenpo gera queo: pochi ani e tanta alegrìa. Quanto mi goi cantà: “Son tutte belle le mamme del mondo.” E le canson de Antuan (Antoine): “Se sei bello, ti tirano le pietre. Se sei brutto, ti tirano le pietre…” “La te piase vero? – diséa la zia Gilda a quea pi vecia, pi che otantene. – Disi la verità che Antuan ghe someja al to moroso da na volta, morto in guera.” E st’altra la se rabiava e cussì gera on spasso sentirle.
Intanto el Festival ’ndava avanti sonando e cantando. “Sinti questa che bèa” diseva el popà, cantàndoghe drio: “I prati sono in fiore, profumi anche tu…” Ma subito ghe gera st’altra, proprio on incanto: “La prima cosa bella che ho avuto dalla vita / è il tuo sorriso giovane / sei tu. / I prati sono in fiore, profumi anche tu…” Dopo dó, tre strofe, se scumissiava a inpararla, e se cantava in conpagnìa.
Ghe gera tanto sentimento in te le canson de na volta. Adesso pare che no gh’interessa pi gnente a nessun. Epure, se manchesse i sentimenti, tuto el resto, secondo mi, contarìa poco. E tuti cantava: el fornaro, el latarolo, quei che vegneva fora da l’ostarìa dopo aver zugà na partiola de carte. Chi no cantava alora Grazie dei fior, Vola colomba, Campanaro della Val Padana, Papaveri e papere, ec. Alora la regina de la canson la gera Nilla Pizzi e la ghe piaseva a tuti. Mi ste canson le sentìa par la radio, no avendo ancora la television.
Me riva in mente che pi tardi gera (passà i ani) rivà come on ciclon Celentano. On cantare diverso dal solito, ma che gavarìa fato inamorare tanta gente. E mi, zóvane come ca gera, lassava da na parte el magnare qualche volta par starghe drio, vardando la Tv, cantando anca mi: “Con ventiquattromila baci / felici corrono le ore...” e dopo: “ogni secondo bacio te… E stai lontana da me.” “Varda, pìcola – diseva la mama – che fin che la piègora sbèrega la perde el bocon. Magna invesse de cantare!” Ma mi co ste canson sentìa l’argento in te le vene, come se diseva alora.
Finisso ricordando che, finìo el Festival, ne la me fameja de alora se cantava insieme: “Partire: la nave partirà, / dove arriverà / questo non si sa. / Sarà come l’Arca di Noè: il cane, il gatto, io e te.”
Anca adesso se varda ancora Sanremo, ma tuto xe canbià, no ghe xe pi fiuri che incornisa el palco. I cantanti i xe bravi, ma de sentimento o de alegrìa, te ghe ne trovi poca. No i canta pi i tusi che passa in bicicreta, vegnendo zo da la colina: no i ga pi bicicrete ma la màchina o el motorin. E po’, che canson ghe sarìa adesso da cantare par la strada? Chi che sentirìa el dirìa: “Queo xe mato!” I tinpi xe canbià e adesso se scolta de pi le notissie tut’altro che alegre. Alora, cantè, gente, cantè! Quando le robe va ben, na bea canson vecia o nova, a mi la me scalda el core. Provè anca valtri e vedarì che anca na canson pol avere la so inportansa.
Viva el Festival, alora! Eviva la musica!

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Sognare par èssare felici
I dise che el Carnevale el dura massa poco: forse bisognarìa slongarlo parché, co la so confusion e le so matane provocatorie, l’inpiza la voja de felicità, che ghe n’avemo tanto de bisogno. No podendo canbiare le règole de sta festa, sarà ben dedicarse a la cultura de le bone intenzion par inparare a èssare felici.
de Mario Sileno Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Alessandro Varotari
de Arturo Baggio
 
Da i Coli Euganei (PD)
Leggi l'articolo Cantè, gente! Xe qua Sanremo!
de Gemma Bellotto
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo El libro de i ricordi
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo A go on sosia!
de Renato Scarpi
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Tanti inverni fà…
de Lucia Beltrame Menini