Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Xe ora de dire basta!
Basta a tute le guere, a i massacri, a le violenze de ogni tipo, a la distruzion de l’anbiente, a la coruzion, al scàndalo de le “molestie”… ma soratuto, basta a la strage de le done. E, pi se ghe ne parla, pi aumenta i deliti contro “l’altra metà del cielo”. Cossa dire? Cossa fare? Cossa sperare?

Quatro Ciàcoe
Ormai xe ani che anca noantri, te ’l nostro pìcolo, a zerchemo de riflètare e de parlare de sta situazion preocupante in tuti i sensi. Sto mese po’, ghemo on motivo de più, par urlare el nostro sdegno par tuta la violenza che vien fata su la dona.
Ghe xe poco da dire e tanto da fare e da sperare. Con più metemo da parte la morale, i valori veri, la religion, la fede, i boni propositi, le tradizion… più se sveja e salta fora la bestia che ogni omo se porta drento, sconta tel sotoscala de l’anima. Far finta de gnente, no parlàrghene, vardare da st’altra parte vol dire slargare el buso e lassare che la belva vègna fora da la tana e la faga el massacro che xe soto i oci de tuti.
Nel tenpo e in quasi tute le socetà, la dona la xe senpre stà sotomessa e discriminà. La storia ne insegna che nel “diritto romano” la mojere la jera proprietà del marìo, no la jera parona né de i fiòi, né de le tere, ne de i schei e gnanca de se stessa. Anca dopo, nel Medioevo, i canpi vegnéa eredità solo in scala de dissendenza maschile.
Anca nel nostro civile Paese, par tanto tenpo la dona bastava che la inparesse a far da magnare, a lavare, a métare al mondo e slevare i fiòi, a curare i veci e po’ anca a laorare te i canpi, e basta. No la gavéa posizion de “comando”; catarse on omo e maridarse xe senpre stà considerà na necessità e on mezo par garantire a la dona el sostegno e la protezion.
Ne i Paesi industrializà, nel Novesento, se ga ’vù l’inpression che par la dona fusse rivà el momento de stare a la pari co i diriti de l’omo; questo, purtropo, solo so la carta, ma no’ co i fati.
Drio sto sconpenso – anca par efeto de i mezi de comunicazion – xe deventà de atualità el fenòmeno de la violenza, senpre pi in créssare, su la dona. Solo ne i primi 10 mesi del 2017 in Italia xe stà copà 114 done: una ogni tri giorni, e quasi senpre a fare sti deliti xe i marìi, i ex conpagni, morosi gelosi, amanti respinti, comunque persone de l’area familiare, par on modo sbalià de considerare la dona, par na incultura generale che, purtropo, oncora dòmina nel raporto omo-dona.
La cronaca xe piena de sti casi de l’omo che vien bandonà da la so conpagna e che ’l deventa prima “persecutore” e dopo “omicida”, parché el xe oncora convinto che… el potere xe de l’omo! Anca se vien fate la denunce che porta a l’aresto del delinquente, dopo tri dì el xe fora, pronto a vendicarse pa ’l torto subìo. Po’ ghe xe el fato che 8 done su 10 no denuncia la violenza subìa, forse par paura, par mancanza de corajo de acusare la persona che le ghe ga vossùo ben, forse parché le se vergogna e le ga on senso de colpa. Bisogna che le done le taca a urlare la verità che se sconde drio le porte sarà de la so casa!
Cussì la strage continua, e non solo tra i adulti: ’desso se ga messo anca i zóvani. La gramegna del cativo esenpio, la distruzion de la fameja, la perdita de valori de riferimento, la droga, l’alcol, el branco, el bulismo… i xe drio trasformare na parte de i nostri tosi in pìcoli lupi. Manca quela che viene ciamà “educazione morale e civica”, a partire da l’infanzia. Par massa tenpo, xe stà trascurà l’educazion de l’individuo. Basta vardare tuta la publicità rivolta a i putini che ga da consumare el tal prodoto!
Questo vale anca par l’omo adulto che ’l ga da inparare a èssare omo e non bestia, el ga da capire che amare no vole dire “possesso, sesso e potere”. Stare insieme vol dire poder contare so chela persona che ne sta vizin, ma che ga da poder godere de la so libertà.
Concludendo, disemo che la violenza su la dona disonora l’omo e che, se volemo salvare la dona, dovemo canbiare l’omo e sperare che la giustizia faga ben el so dovere, senza rivare massa in ritardo!

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Xe ora de dire basta!
Basta a tute le guere, a i massacri, a le violenze de ogni tipo, a la distruzion de l’anbiente, a la coruzion, al scàndalo de le “molestie”… ma soratuto, basta a la strage de le done. E, pi se ghe ne parla, pi aumenta i deliti contro “l’altra metà del cielo”. Cossa dire? Cossa fare? Cossa sperare?
de Mario Sileno Klein
 
Da Piove de Saco (PD)
Leggi l'articolo Monsignor Claudio Bellinati
de Umberto Marinello
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo A Marzo ogni mato naséa descalzo
de Roberto Soliman
 
Òpare d’arte venessiane
Leggi l'articolo ’E porte de aqua
de Armando Mondin
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Tanti auguri, papà!
de Laura Viaro
 
Da San Stefano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Scaldarse de inverno
de Antonio Corain