Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

Xe qua la primavera: verzemo le finestre!

Na seresara fiorìa, tuta on ricamo de fiuri bianchi, che a vardarla pareva on incanto. (foto G.Bellotto)
Na seresara fiorìa, tuta on ricamo de fiuri bianchi, che a vardarla pareva on incanto. (foto G.Bellotto)
Poco fà, on amico de quei co na sensibilità rara, che a dire el vero de sti tinpi se ghe ne trova pochi – almanco mi ghin conosso pochi − el me diseva de èssere ’ndà a fare na caminada in tel nostro bosco de i Coli Euganei, dato che gera na bela giornata de soe, e de aver visto tuto on lévare, na distesa, de bucaneve. Che ben me ga fato sto discorso! Come che ’l me ga smissià i ricordi in fondo al core.
Bisogna anca dire che in mezo a sti ricordi go trovà qualche muceto de malinconia.
I bucaneve! El primo fiore che vien fora, sbusando le ultime mace de neve, ’torno i confini del bosco o drio le siese del canpo e so le rive. A mi sti fiuri me ga senpre incantà. Li go senpre vardà come on qualcossa de beo, come on regalo lassà lì da l’inverno prima de partire. Sto fioreto bianco, fato a canpanèa, co la testa in zo, che quando che spalanca le so fojete arente a la neve, par che sona proprio come na canpana. E sta spece de musica par che la libera in te l’aria on messajo: xe qua la primavera, xe qua la primavera!
Quando che mi ’ndaseva in tel bosco a man del popà e in conpagnìa de i me pìcoi fradèi e me catava in te la vale − cussì se ciamava chel tòco de bosco − me sentìa drento in te on sogno, na spece de Alice in tel paese de ’e maraveje. Sì, gera drento in te na fiaba. Che belessa córare in mezo a i fiuri quando qua e là ghe gera restà mace de neve ancora da desfare. Me pareva de sentire odor de primavera e, gnanca a dirlo, sentìa drento na contentessa senpre grande. I tusiti passava a s-ciapi a piè par ’ndare a scola co ’l so traverson moro, el coletin bianco e on ciàpolo de seda in testa (le tosete) e in man strenzeva tuti on masseto de bucaneve par le maestre. Come che i ciacolava continti, i pareva tanti oseiti sora le rame de le seresare in fiore.
Dopo poco tenpo eco che rivava sù dal canpo el popà, disendo: “Go visto là in fondo al vegnaleto, drio la riva, le prime violete: vedemo chi riva a trovarle par primo.” Che corse, gente! “’Ndè pian che ve rebaltè”, diseva la mama. Sì, gera rivà la primavera.
Quante viole profumate ’torno la riva del canpo. Quante margheritine picenine, ciamà in italian pratoline. Quanti fiuri de tante quaità on poco a la volta vegnéa fora dal nostro pìcolo canpo. E se zugava co i fiuri, co l’erba e co la tera, co le farfàe che coreva da on fiore a l’altro, co i paejuni, tentando de ciaparli, ma, na volta rivà arente, frrr… e i scapava via, zolando sora nantro àlbaro, magari sora na seresara fiorìa, tuta on ricamo de fiuri bianchi, che a vardarla pareva on incanto. El celeste del ceo faséa da cornisa e tuto l’insieme deventava on gran quadro de la natura incornisà dal celeste del ceo. Mi, da soto sti àlbari de sarese spiava i tochetini de celeste che se vedeva tra le rame de fiuri bianchi e inprofumè, tuto on ricamo de la natura, scoltando le ave che rivava ronzando a s-ciapi par portarse via el miele da ogni fiore.
Chi no ga mai visto ste belesse o no ’l ga mai fato caso pur passàndoghe arente, no sa cossa che ’l ga perso, tuta la belessa che sa dare la canpagna. No ghe xe paraguni co altre robe e parlemo senpre de persone co l’animo sensibile, che sa védare e scoltare. In te na pagina de on libro de Cesare Pavese go trovà on dì on discorso su la canpagna e da alora ogni tanto me lo lezo parché el me ga incantà, trovàndolo reale. Ècolo: “Cieli e piante, stagioni e ritorni, ritrovamenti e dolcezze; la vigna è fatta anche di questo, un miele per l’anima. E qualcosa nel suo orizzonte apre plausibili vedute di nostalgia e speranza…” E subito go capìo che lì drento ghe gera on qualcossa che ghe somejava a le me emossion, davanti a ste vedute de primavera.
Là in mezo al me canpo, a le me vegne, ghe gera on àlbaro che mi lo considerava amigo e, quando gavéa in core qualcossa de grande, mi gera banbina, sia de contentessa o de dispiassere, mi andava là soto el me àlbaro grande a confidarme in silensio, posàndome so la so scòrsa de mus-cio che paréa de veludo. “La Gemma – diseva el grande Piero Franceschetti − la xe un tut’uno co la natura…” Sì, lu me gavéa capìo. Digo ste robe parché me piasarìa che anca altri capisse quanto de beo podemo avere in ogni stagion, ma in special modo in primavera. Noantri che vivemo in canpagna bastarìa solo vardarse ’torno, fermarse, fermarse on minuto e ringrassiare el ceo, la vita de quanto ne vien regalà ogni dì. Qualche ano fà vegneva premià in te on Festival de Sanremo na canson che se ciamava Aprite le finestre che la diseva:” Aprite le finestre al nuovo sole, è primavera, festa dell’amor…”
L’inverno de che l’ano gera stà duro, fredo giassà e sta canson, a sentirla cantare, la pareva proprio na liberassion, come se da sta finestra vegnesse fora proprio la primavera co on s-ciapo de petirussi e na snuvolà de fiuri e profumi.
Mèjo finirla qua senò, se continuo a parlare de primavera, la deventarìa massa longa. Tanto se ga capìo che mi ghe vojo ben a la primavera e vorìa che la fusse cossì anca par tanti altri. Finimo senpre con le paròe de na vecia canson che diseva: “E se te rivarà na bonboniera, è tuta colpa de la primavera.”

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo On mondo de mame
Senza on mondo de popà, no pol èssarghe on mondo de mame: so questo no ghe piove sora! Tra i du mondi, però, ghe xe na difarenza enorme: el primo xe el granaro co i semi da semenare al momento giusto, el secondo xe la tera che li farà nàssare, créssare e deventare VITA.
de Mario Sileno Klein
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Biologico
de Antonio Giraldo
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Xe qua la primavera: verzemo le finestre!
de Gemma Bellotto
 
Da San Giorgio in Bosco (PD)
Leggi l'articolo Veci mati in orto
de Luigi A. Zorzi
 
Da Lugo de Vicensa
Leggi l'articolo Me xe esplosa l'autostima
de Giuseppe Segalla
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo Cargar montagna
de Luigi Ederle