Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Laura Viaro

Da Lendinara (RO)

Regali de Nadale

Métarse a tola par el pranzo… mai prima del rituale scanbio de pachéti.
Métarse a tola par el pranzo… mai prima del rituale scanbio de pachéti.
… la vardava chele zavate de pano: dove le gavévela za viste?
… la vardava chele zavate de pano: dove le gavévela za viste?
I parenti più vizini i xe tuti inmucià in saloto, spetando da métarse a tola par el pranzo più inportante de l’ano. Mai prima del rituale scanbio de pacheti, na usanza che la deventa senpre più fastidiosa parché, no se sa più cossa tòre ca no vegna ciapà e butà inte un canton. A jera da un bel tòco che la Lorena la ghe diseva a i so parenti de doparare i schei destinà a i regali par fare opere bone, ma a qualcuno ghe pareva destranio e cussì la jera senpre la stessa solfa:
“Che bel pensiero, grazie, el me ghe voleva propio…" o sinò: "Come fasévito a savere che l΄è un colore ca me piase purassè?" e via de sto passo par no΄ parere vilani. Chela volta lì, come che la ga descartozà la confezion, la ga ’vù un minuto de maraveja. Co’ la facia stravanìa, la vardava chele zavate de pano: dove le gavévela za viste? Inte na botega no de sicuro; dirò, più che viste, che ghe pareva da ’verle za ciapà in man e ’diritura provà. De sicuro el jera quelo ca se ciama "dejà vu", na roba del zervelo ca no se sa ben come spiegare ma che la pole capitare anca quando ca se xe strachi orbi. Par conto quelo, la Lorena, la ghe n’aveva na bela dose in corpo, de sfinimento… La contava i mesi che ghe mancava par ’ndare in pension, senpre che le robe le ’ndesse par el verso giusto. La ga ringrazià par el regalo:
"Massì, a se sa che par stare comodi la zavata la va tolta de un nùmaro in più…" la ga risposto difronte a l’inbarazo de so cognà, vedendo la difarenza co ’l piè de la Lorena. A la quale, ora de sera, ghe xe vegnù in mente, sentì questa, che ste zavate n. 41 la le gaveva ’vù in regalo, qualche ano prima, da la so amiga Giovanna. E donca, la conclusion no la podeva che èssare una: anca ela la gaveva "riciclà" el regalo! Sì, ma a chi? La ga ciapà mentalmente in esame tuti i fetoni che la conosseva, parché, va ben tuto, ma no’ la jera zerto cussì inbranà da regalarghe a una co ’l piè da cenerentola na pantofola co΄ le misure de na valisa. Anca se "a caval donato non si guarda in bocca", a ghe vole senpre na s-cianta de quel che se ghe dise… O no? L΄unica che ghe vegneva in mente la jera so nevoda Stefania che la gaveva un piedestalo de tuto rispeto; sì sì, la ghe le gaveva dà propio a ela, senza che ghe fusse na ocasion, diséndoghe la verità:
"Le vòto? I me le ga regalà ma ghe ne vanzo tre quarti in ponta." E dopo, chissà che giri che le ga fato senza mai tocar tera, tant΄è vero che le xe tornà indrìo, nove, al primo (forse) paron. Par farla curta, la Lorena la spetava che i la ciamesse da l΄ospedale, passà le feste, par drizarghe el deolon del piè e tirarghe via chela gnoca che ormai la ghe inpediva de métarse le scarpe normali; co΄ tuto l΄infassamento dopo l΄operazion poldarse che le ghe fusse servìe. La ga pensà che "quelo ca xe destinà a noaltri no ne lo porta via nissuni" e ghe xe vegnù da rìdare, pensando a sta frase, sentìa zinquant΄ani prima da la voze infasolà de na putelota che nissuni voleva e che la xe ’ncora sposà co΄ l΄omo che el destin ga volesto par ela. (Q.C., giugno 2011).
Vorìa precisare che ogni riferimento a fati o a persone el xe puramente casuale senza par questo èssare inventà, e fare na considerazion: se na volta a jera considerà maleducazion dar via la roba ricevù in regalo, a i giorni nostri no se scandalizza più nissuni; al contrario, se parla de arte del "riciclo" de i regali. Bisogna èssare organizà, conóssare i gusti de parenti e amighi e, soratuto, pensare che quelo ca no va ben par noaltri el pole piasere e far contento qualcun altro. In più, xe ormai usanza zercare de far cassa co΄ i regali ca no serve o co i dopioni, grazie a zerti siti internet che intel periodo natalizio, i dà anca la possibilità da no pagare le inserzion. Mi penso però che se un omagio l΄è fato co ’l cuore (pararà inpossìbile ma se capisse) a xe difìzile che ’l sia sbalià e che no ’l tegna vivo el ricordo de chi che ga pensà a noaltri.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Nadale insieme e… piassè boni
Eco l’ocasion pi adata par pensare, volere e donare la pace, l’armonia, l’amore, la solidarietà… Ma no la xe na roba da fare da soli: ocore volerlo e farlo insieme. Senò, che Nadale xelo se ’l vien pensà, visto e vissùo come quelo de on polastro sarà da elo solo in caponara?
de Mario Sileno Klein
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo Spetando Nadale, tra fòle, storie e stracaganasse
Prima de l’arivo de la corente elètrica anca ne le canpagne, bastava uno bon de contar storie par tegnere sveja ’na contrà, ma senpre con ’na morale. ’Desso l’eletricità e la television ne tiene sveji, ma con la morale del Grande Fratello Vip!
de Roberto Soliman
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo Cioca rosa e cioca celestina
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Venezia
Leggi l'articolo I nizioeti
de Armando Mondin
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Regali de Nadale
de Laura Viaro
 
Da San Stefano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Mas-cio e dintorni
de Antonio Corain