Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Renato Scarpi

Da Lendinara (RO)

El batiman

Ghe xe senpre un sbraghesson che par primo el bate le man…
Ghe xe senpre un sbraghesson che par primo el bate le man…
Sto pùblico sa, che quando un pezo musicale finisse, el xe ancora carico de musica che vibra…
Sto pùblico sa, che quando un pezo musicale finisse, el xe ancora carico de musica che vibra…
Chissà quante volte ve sarà capità de vardare i programi de la television, quei che i ga par cornise la zente sentà intornovìa al condutore e invitati (poìtici, jornalisti esperti…).
De solito, sti spetàcoi i parla de politica, de schei e tuti i dise verità, tuti i xe contro tuti, nissun però informa la zente che a casa la sta a scoltare, come le robe le sta veramente. (Passa qualche ano da quel ca xe stà dito e, vien fora la vera verità). Ognun el tira l’aqua al so mulin, fa propaganda par el so partito, lassando inte la zente un senso de amareza e de disorientamento.
Dóncane, go notà, soratuto in dó canài televisivi inportanti, che quando parla qualcun ca dise par esenpio, che el xe bianco, el pùblico ghe bate le man e, quando chel’altro ghe risponde che inveze xe nero, i ghe bate le man istesso. E go anca notà che el pùblico tuto, bate le man, no solo par el “bianco” ma anca par el “nero” cussì no te capissi gnente a chi i ga dà rajon.
Po’, ghe xe anca quei che, quando un invitato el parla, fasendo savere chel sa el fato suo, no i ghe lassa finire la frase. I ghe bate le man dessora de le so parole, segno, digo mi, de poco rispeto pa chi sta parlando, e chi da casa, sta scoltando.
Nantra maniera de bàtare le man ca trovo poco coreto, xe quando te vè a scoltare un concerto, soratuto de musica classica, oparìstica, da càmara, che ghe xe senpre un sbraghesson che par primo el bate le man, proprio quando la sinfonia o el canto de ’na partitura musicàe no xe ancora finìa.
Altra zente no sa che i musicisti ga scrito pagine de bela musica, fasendo de le interuzion drento la stessa òpara, par esenpio: Antonio Vivaldi ga scrito el concerto n. 7 in re minore pa’ violin e archi, dividéndolo in Alegro, Largo e Alegro, sperando che el pùblico el bata le man solo a la fine de tuti e tre i tenpi. Ma no xe cussì, purtropo. Finìo l’Alegro, tanti i bate le man e po’ i ribate anca pa el Largo e i strabate anca pa l’Alegro. Capirì che cussì, no se pòe gustarse tuta l’òpara che Vivaldi ga scrito co sentimento e ingegno. E questo lo go notà quando scolto dal vivo o par television i concerti fati in Italia, ma, s’a scolto un concerto de musica classica sonà in Germania, o altro Paese del nord Europa, sento che el pùblico el sa rispetare, sia el mestro de orchestra che i musicisti strumentisti, stando ’tenti de no disturbare. Sto pùblico sa, che quando un pezo musicale finisse, el xe ancora carico de musica che la vibra par nantro tòco inte la sala-concerto. Partanto, i scuminzia a bàtare le man raquanti secondi dopo la fine de la sinfonia.
Zerta zente la dise che lori i xe più fredi de noiantri e che inveze noiantri semo più caldi e, partanto, se femo ciapare da l’emozion. Sarà pur vero, ma mi penso che lori i xe musicalmente più preparà de noaltri taliani che, se pur vivemo nel Paese dove la musica e el melodrama i xe nati e, tanta bele pagine musicali xe stà scrite da i nostri grandi conpositori, ghemo tanto da inparare. Amen.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo No basta piànzare…
No digo che xe inùtile, ma che no basta comóvarse par la tragedia de la discoteca de Corinaldo, durante la festa de le zinque scole superiori de Senigallia e del concerto del rapper Sfera Ebbasta. Le xe tante le riflession da fare, co calma e a… boce ferme: partendo dal 1° de GENAR a ghemo a disposizion on ANO INTIERO. Ma fémolo!
de Mario Sileno Klein
 
Ricordi de vita
Leggi l'articolo El nono e so nevodo
de Luigi Frosi
 
Da San Giorgio in Bosco (PD)
Leggi l'articolo Fredo
de Luigi A. Zorzi
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo El batiman
de Renato Scarpi
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo I buratini
de Sergio Bedetti
 
Da Verona
Leggi l'articolo Ocio a i colori
de Giacinta Dall’Ora