Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Persone, in triestin

Don Camillo Suman
pàroco de Noventa Padovana

La Parochiale de Noventa Padovana, dove go incontrà Don Camillo Suman.
La Parochiale de Noventa Padovana, dove go incontrà Don Camillo Suman.
Eco Ugo Suman, uno de i dó nevodeti che faséa deventar mata la perpetua.
Eco Ugo Suman, uno de i dó nevodeti che faséa deventar mata la perpetua.
Go conossudo el reverendo Don Camillo Suman, pàroco de la cesa de i Santissimi Apostoli Pietro e Paolo de Noventa Padovana, in una caldissima giornata de lulio 1942.
Vado a messa de la domenica co mio cognà Dario. In cesa tuto xe in ordine, òmini a destra, done a sinistra; i putèi xe andadi a quela funzion dedicada a lori a le dieci e trenta, co le cure de la signorina Rebasti. Apena vegnude fora de la cesa, le ragaze se cavava el velo e anche certi manicoti longhi che ghe coverzeva i brazi e le spale; qualcheduna se cavava anca le calze, aprofitando de un mureto che in quel tenpo jera tuto intorno al sagrato.
El mio nuovo amico Pinucio me contava altre robe, come che el dispiazer de el pàroco fussi grande nel veder i contadini de Noventa èsser costreti a portar gratis el material per la costruzion de la casa del Fassio, uguale a quela che l'architetto Quirino De Giorgio gaveva costruido a Vigonza. Da questi discorsi de Pinucio capivo el modo de pensar del pàroco, ma anche quel contrario de el mio amico.
In te la predica el pàroco se lamenta che trope putele se sta sposando co el futuro marì al fronte e che quele che no ga el moroso le se lo vol procurar, diventando “madrine di guerra”. Dopo che xe passado el nónzolo co la cesta per l'òbolo, passa un nonzoleto per el pagamento de la sedia; dopo el “Missa est”, vien el pàroco stesso a serar el porton e in sto momento, mio cognato Dario me presenta al sacerdote che me dà el benvenuto e che el me domanda come che se vivi a Trieste. Mi ghe conto che el 1941 xe stado ancora più bruto per la morte de mio papà. Andando a casa, el mio amico Pinucio me conta che in quei giorni Don Suman ga ospiti due nevodeti de 14 e 15 ani, Ugo e Franco, provenienti da la su fameja de Conselve, che i fa deventar mata la perpetua.
Don Camillo pianzi i morti de la seconda guera mondiale, perché el li conosseva tuti cò i andava a la Dotrina cristiana, come l'aviatore Gastone Mazzucato e i dó sergenti Attilio Moscato e Giuseppe Paviola. El pàroco ricorda anche quei che xe morti per i bonbardamenti, come i dó fidanzati Clara Cestari e Angelo Ciatto, che da Padova i se gaveva rifugià a Noventa. Quel che lo gaveva ancora de più comosso xe stà el caso de Eugenio Celin de 21 ani che, no esséndose presentà al reclutamento de la Repùblica Sociale Italiana de Mussolini, el xe stado fucilà.
Dopo qualche ano da la fine de la guera, el ga celebrà el mio matrimonio e ga batezà i me quatro fiòi e inpartido la comunion a dó.
Cò el ga dovù lassar la parochia de Noventa, lo go incontrado a Padova in una giornada calda come quela che tanti ani prima lo gavevo conossudo: el me xe parso un poco disorientà, ma l'incontro xe stado ’sai felice per tuti dó.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Vìvare el tenpo
La pare na roba da gnente. Inveze la xe dura èssar boni de inpegnarse a vìvare la parte de tenpo che ne xe stà stabilìa dal Padreterno el dì che semo vegnù al mondo, anca se no capìvino gnente. Adesso la responsabilità la xe tuta e solamente nostra.
de Mario Sileno Klein
 
No se pol desmentegarse
Leggi l'articolo Al de là del mare e de le montagne
de Luigi Frosi
 
Persone, in triestin
Leggi l'articolo Don Camillo Suman
pàroco de Noventa Padovana
de Luigi Perini
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo Orassion da gita
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo La brognara
de Sergio Bedetti
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo Montesèi come ortesèi
de Luigi Ederle