Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Giordano Dellai

El canton leterario, in visentin

Niccolò Machiavelli e i contadini de Vicensa
Sinquesento e sinquanta ani fà, el 3 majo 1469, nasseva a Firense l’autore de “Il Principe”, che ’nte na so lètara amirava la devossion de i visentini par Venessia.

Niccolò Machiavelli (1469-1527).
Niccolò Machiavelli (1469-1527).
Pianta de Vicensa del 1599 fata da Giacomo Monticolo (Biblioteca Marciana de Venessia).
Pianta de Vicensa del 1599 fata da Giacomo Monticolo (Biblioteca Marciana de Venessia).
Xe passà 550 ani da la nàssita de queo che ga inventà la siensa polìtica del dì de uncò, che co ’l so tratato “Il Principe” ga demostrà la rason de stato e la concession cìclica de la storia. Niccolò Machiavelli xe nato a Firense el 3 majo 1469, “ad hore 4” come che se lese ’ntel Libro de i Batesi rancurà ’nte l’archivio de l’Òpara de S. Maria in Fiore, terso fiolo del dotore in lege Bernardo e de Bartolomea Nelli, tuti dó anca scritori par dileto: el primo ga fato un “Libro de Ricordi”, da dove se ga notissie su Niccolò cò ’l gera pìcolo; la seconda ga scrito raquante laude sacre, dedicàndole propio al so caro putèo.
Dopo ’ver ciapà man co i clàssici ’nte la bibioteca de so popà e ’ver ’vùo come maestri i mejo insegnanti de la so cità, Machiavelli xe ’ndà rente a la polìtica, la so passion granda oltra a la leteratura, suìto dopo l’esecussion pùblica de Giròlamo Savonarola el 23 majo 1498, grassie anca a na man che ghe garìa dà Marcello Virgilio Adriani, professore rente al Studio fiorentin, so vecio maestro de latin e fursi anca de greco, che ’ntel stesso tenpo gera deventà capo de la prima cancelerìa. Fato sta che Machiavelli xe stà candidà a l’ufissio de secondo canceliere (o segretario) de la Repùblica de Firense, al posto de Alessandro Braccesi, che ghe ’ndaseva drio al frate domenican.
El 19 giugno el ga ciapà sto incarico, interessàndose soratuto de la corispondensa relativa a l’aministrassion del Stato, ma Machiavelli come capo de sta session gera anca considarà uno de i sìe segretari del primo canceliere, e donca el 14 lujo xe stà assegnà al Consilio de i Diese de la guera (o de libertà e de pace), sarìa a dire el comitato che ghe ’ndaseva drio a le relassion foreste e diplomàtiche de la Repùblica. Sti ufissi i ghe garìa dà la possibilità de rancurare raquanto materiale stòrico e polìtico che ’l sarà l’ossadura de tute le so òpare. Lu el se tegnerà streti tuti dó i incàrichi par quatòrdese ani e sinque mesi fin al 7 novenbre 1512, cò ’l xe cascà in desgrassia co ’l ritorno de i Medici a Firense.
Tra i tanti so viaji e relassion durante la so atività polìtica, da ricordare dal 21 novenbre 1509 al 2 genaro 1510 la so permanensa a Verona, par darghe a l’inperadore Massimiliano I el saldo del finansiamento fiorentin a l’aleansa de Cambrai che oltre a la cità in riva a l’Arno ciapava rento Francia, Spagna, Inperadore e Papa, tuti uniti contro la Repùblica de Venessia che a majo gaveva za scomissià a pèrdare tòchi, daséndoghe a l’Asburgo i so possedimenti de Lonbardia e Romagna e po’ a giugno tenporaneamente anca Verona, Vicensa e Padova. Massimiliano po’ xe stà messo in crisi da la rimonta de Venessia, che gera jutà da na rivolta popolare visentina contro i novi paroni todeschi.
Sta demostrassion de fedeltà ga parecio inpressionà Machiavelli, che ’nte na so lètara, invià el 26 novenbre 1509 al za mensonà Consilio de i Diese de Firense, parlava co amirassion del corajo de i contadini visentini che i voleva morire “marcheschi”, overo citadini de San Marco, così come i gaveva senpre vissudo, pitosto che finire soto l’inperadore: “…ieri vennero mille guasconi da Peschiera, e oggi sono arrivati dugento uomini d’arme, pure Francesi; e a Peschiera si dice è assai gente a piè e a cavallo, le quali devono venir qua infra due dì con il Gran Mastro, al qual tempo ci si aspetta anche l’Imperatore; dopo la venuta de’ quali si dice che passeranno avanti a purgare i peccati di Vicenza. Ed è questa gita aspettata con desiderio dai soldati, per la speranza della preda e per la debolezza del luogo, dove sperano con poca fatica e meno pericolo fare grandissimo guadagno. Nè s’intende che i Viniziani la fortifichino, nè che facciano alcuno straordinario provvedimento: ma stannosi con le loro genti all’intorno di quella città in certe castelletta: e costoro attendono a rubare il paese, e saccheggiarlo, e vedesi e sentesi cose miserabili senza esempio, di modo che negli animi di questi contadini è entrato un desiderio di morire, e vendicarsi, che sono diventati più ostinati e arrabbiati contro a’ nemici de’ Viniziani che non erano i Giudei contro a Romani: e tutto dì occorre che uno di loro preso si lascia ammazzare per non negare il nome viniziano. E pure iersera ne fu uno innanzi a questo vescovo, che disse che era marchesco e marchesco voleva morire, e non voleva vivere altrimenti; in modo che il vescovo lo fece appiccare, nè promesse di camparlo, nè d’altro bene lo possè trarre di questa opinione…”

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo On monumento a la Mama
Anca solo par rispetare le regole del vìvare civile, sto mese dovemo dedicarghe on pensiero a la figura de la Mama, viva nel ricordo de tuti e inmortalà in ogni canpo de l’arte. Però ne pare che la Mama la se meritarìa calcossa de pi... Magari on monumento, ma in ogni cità, in ogni paese…
de Mario Sileno Klein
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo Sposi de jeri
de Roberto Soliman
 
Da Ponzano Veneto (TV)
Leggi l'articolo Bestie in carovana
de Silvano Salvi
 
Da Venezia
Leggi l'articolo El specio venessian
de Armando Mondin
 
El canton leterario, in visentin
Leggi l'articolo Niccolò Machiavelli e i contadini de Vicensa
Sinquesento e sinquanta ani fà, el 3 majo 1469, nasseva a Firense l’autore de “Il Principe”, che ’nte na so lètara amirava la devossion de i visentini par Venessia.
de Giordano Dellai
 
Da San Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Naja: la branda
de Antonio Corain