Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Angelo Padoan

Robe de Ciósa

La chiàbita

Eco el momento de la benedizion del bragosso.
Eco el momento de la benedizion del bragosso.
Nel “Vocabolarieto vèneto” (“Parole drio man”) curà co tanta diligensa mensilmente da l’amico Mario Sileno Klein, nel nùmaro 1 de genaro 2020 de la nostra rivista trovo la parola “chiàbita” che in dialeto polesan me dise che vuol dire “rimprovero, lavata di capo”. ’Sto significato no à proprio gnente a che fare co quelo in dialeto ciosòto, che, come vedaremo fra poco, à invesse a che fare co le storpiature che avemo ilustrà ne i numeri precedenti de ’sta rivista. Combinassion fra dialeti?
Infati, tra le preghiere classiche contegnùe nel “catalogo” de le tradission popolari ciosòte, insieme a la “Giassìla”, figura anche la “Chiàbita”, macroscopica storpiatura da parte del popolo de ’na volta de le parole inissiali del Salmo 90 in lingua latina “Qui habitat”.
Da “Qui habitat” el “volgo” l’à trasformà in “Chiàbita”! ’Sta preghiera veniva ressità sia da le done “questuanti” in giro per le cale, sia dal prete durante la benedission de un bragosso niovo, prima de procedere al varo e po’ dopo a la relativa classica ganzèga (= rinfresco). ’Sta preghiera gera seguìa co devossion da tuti i presenti co un’infinità de storpiature, che à dà origine a ’na singolare “version” in lingua italiana mista a la lingua dialetale ciosòta del salmo sudeto.
El testo, infati, ze pien de vocaboli arcaici de le volte inventài de sana pianta o de difìssile interpretassion, ma a resta pur sempre un documento de valore non solo sóto el profilo lessicale, ma sopratuto religioso, testimonio de ’na religiosità che gera conaturà nel popolo ciosòto anche se sèrte volte mista a superstission e a magia.
Dopo la rèssita del “Qui habitat” e la benedission, seguiva el classico sigo che compagnava la “sbrissà” del natante in aqua, fiero come un campion: “A ze su i vasi (= binari di scorrimento), a ze molào, tiréve in là, a va, a va, a vaaaa!...”
Dopo tuti gera invitài a la ganzèga, al bufé, oferto dal paron del bragosso nel capanon del squero (cantiere), ’na ganzèga fata de sardele salàe, canoce e buli.
Sia per la belessa del salmo sia perché a veniva spesso ressità dal prete in persona, el popolo gera pitosto atirà da ’sta preghiera, tanto che a soleva ressitarla durante i maltempi o altre disgrassie, come le burasche o i bombardamenti.
A titolo de sèmprice curiosità, riportémo anche un déto popolare su la chiàbita: “El diavolo no vuò sentire la chiàbita” (il diavolo non vuole ascoltare preghiere: chi è colpevole non ama sentirsi rinfacciare la colpa).
Trascrivémo, per motivi de spassio, solo ’na parte del testo, composto da 16 verséti, de la “Chiàbita” trato dal libro de G. Tesserin, “Preghiere e canti del popolo di Chioggia”, Chioggia, 1977.
1 - Culìo che ripose ne l’agiuto de l’Altissimo a vivarà la protession del Dio del sielo.
2 - Elo a dirà al Signore, mio difensore, vu sé el mio consilio, elo ze el mio Dio, in elo sperarò,
3 - imperoché m’avé liberào da l’insidia del nemigo, e da le male lèngue dei perversi.
4 - Vu me coverzaré co l’ombra vostra, e soto le vostre ale trovarò la fé.
5 - La vostra verità me sircondarà a l’ombra del scudo,e sarò seguro da ogni parte; no me spaventarò in te la morte…
El salmo se conclude co el verséto 16°:
Te saziarò per lunghi ani e giorni e te farò védare el Salvatore.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Dovemo salvare la dona!
Siè done copà in te na setimana: la xe na roba che no sta né in celo né in tera. La xe na guera che ne incioda tuti a le nostre responsabilità. L’omo xe drio deventare el “coronavirus” de le done. Dovemo afrontare seriamente el problema, senza “se” e senza “ma”. Ma subito!
de Mario Sileno Klein
 
Bruti scherzi
Leggi l'articolo A le porte del Paradiso
de Luigi Frosi
 
Da Ponzano Veneto (TV)
Leggi l'articolo El soranome speciava la so storia
de Silvano Salvi
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo La chiàbita
de Angelo Padoan
 
Da Verona
Leggi l'articolo Far pratica
de Giacinta Dall’Ora
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo Bruscar le vigne
de Luigi Ederle