Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de de Giordano Dellai

Ricorense storiche, in visentin

La bataja de Friola
Setantasinque ani fà ’nte i ultimi giorni de aprile 1945 el passajo de le trupe todesche pi sderenàe ga provocà morte e destrussion ’ntel paese in riva al Brenta.

L’ingresso uficiale del novo pàroco don Giuseppe Fabris a Friola ’ntel 1938.
L’ingresso uficiale del novo pàroco don Giuseppe Fabris a Friola ’ntel 1938.
Le trupe ’mericane sta rivando a Friola, domènega dopomezodì 29 aprile 1945.
Le trupe ’mericane sta rivando a Friola, domènega dopomezodì 29 aprile 1945.
Un scontro duro, co na brentana de sangue, che ga segnà le ultime ore de guera ’ntel pedemonte visentin vissin al Brenta. La bataja de Friola, come la xe mensonà da i storici, xe un episodio de la fine de la seconda guera mondiale, sucesso propio setantasinque ani fà, tra sabo 28 e domènega 29 aprile 1945, cò i todeschi stava scapando verso le montagne, lassando mejari de morti, e partigiani e aleati i ghe stava co ’l fià ’ntel colo par liberare prima possìbile i teritori visentini.
A pagare le conseguense de sto scontro xe stà desine de morti tra i sùditi de Hitler, ciapài da le mitralie de i aerei aleati o dal s-ciopo de i partigiani, ma anca raquanti paesani de Friola, za ’lora frassion de Pozzoleone, tra cui oto òmani copài par rapresalia o cativeria pura ’nte la corte de i Toaldo, in via Ca’ Diàvolo, vissin al Brenta. Bon testimone e pena storica de l’acaduto xe stà el pàroco de Friola, don Giuseppe Fabris, che dal 1938 cò ’l gera rivà da ste bande no ’l gaveva mai vissùo na giornada pi bruta.
Xe stà lu che ’ntel libro Cronistòrico de la parochia de Friola el ga parlà cussì de i soldà nazisti: I tedeschi passano a colonne, rubano biciclette, entrano nelle case e vogliono cibarie, bevono vino a piacimento. La gente dà tutto quello che le viene chiesto pur di aver salva la vita. Si capisce che i soldati di Hitler hanno uno spirito vandalico.
Òmani e done de Friola in chela note tra el 28 e ’l 29 no ga mia da ’ver dormìo tanto, i todeschi i continuava a passare, i faseva i sparonsoni rente a le case e la zente gera preocupà. Don Giuseppe continua cussì la so cronistoria: Alcune famiglie sono costrette addirittura allontanarsi dalla loro abitazione, per rifugiarsi presso altre più lontane dalle vie di comunicazione. […] Al mattino non si aprono nemmeno le porte della Chiesa. Gli aerei inglesi sono qua appena diradate le ombre della notte. Continuano susseguirsi squadriglie e squadriglie. Mitragliano dapertutto, sul Brenta, in via Chiesa, San Michele, Segavecchia, Casonetto, Bassanese; ci sono ondate di fumo che s’innalzano dagli automezzi fuggiaschi colpiti che bruciano. Pare che tutto Friola sia in fiamme, fra i colpi di mille cose che scoppiano. In più alle ore 9 cominciano arrivare granate provenienti da Grantorto e S. Piero in Gu, dove sono arrivati gli Americani e non cessano fino alle ore 14. I Tedeschi fuggono con una celerità mai vista. Sicuro!
Dopomezodì de chela domènega là, come dise don Giuseppe, tuti sperava che la liberassion fusse domenti drio rivare: Giungono le voci che gli Americani hanno oltrepassato Longa e a marcia forzata avanzano su Bassano. E a Friola quando verranno?
Ma colcossa de parecio grave stava per sucèdere: Mentre così ci si domanda, erano le 4 pomeridiane e i patrioti vengono in fretta a chiamare il Parroco che si porti subito a Belvedere (na località ’nte la parochia de Friola) dove ci sono dei morti e dei moribondi. Il Parroco Don Giuseppe ci va e ne trova tre in Via S. Michele, i due fratelli Maragno Andrea e Giuseppe e Grison Antonio. In Via Cadiavolo nell’ultima casa presso il Brenta ve ne sono altri cinque: Toaldo Federico Attilio, i fratelli Toaldo Giuseppe e Luigi, Miotti Andrea sfollato di Bassano e Castagneri Giuseppe soldato della Xª Mas di Balme (Torino). Degli otto morti solo il Grison e il Castagneri non sono sposati, gli altri sono padri di famiglia: 24 figlioli rimangono orfani del loro papà. Da chi furono uccisi? Dai Tedeschi, gli ultimi che passarono per Friola. Udirono il colpo di fucile e a loro sembrava che là vicino ci fosse un covo dei partigiani e allora entrano nelle case ed i primi che trovano sono fucilati. E sono degli innocenti!

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo “Coronavirus”. Na benedizion?
In tenpo de crisi, el teremoto de le nostre abitudini, provocà dal “coronavirus”, el deventa na bona ocasion par canbiare tante robe che le stava deventando pericolose par la vita personale e sociale de ancò. Jera on bel tòco che se diséa che cussì no la pol nare ’vanti. Ben: ’desso xe rivà l’ora de canbiare!
de Mario Sileno Klein
 
El filò de i Wigwam
Leggi l'articolo Ilaria Vellar
In arte Veila, cantante cimbra de l’Altopian
de Efrem Tassinato
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Don Domenico Barbaran
de Arturo Baggio
 
Da l’Alta Padovana
Leggi l'articolo ’E rogazhion
“No se bate i àmui co ’l crocefisso!”
de Luigi A. Zorzi
 
Da Venezia
Leggi l'articolo I tapéi voeanti
de Armando Mondin
 
Ricorense storiche, in visentin
Leggi l'articolo La bataja de Friola
Setantasinque ani fà ’nte i ultimi giorni de aprile 1945 el passajo de le trupe todesche pi sderenàe ga provocà morte e destrussion ’ntel paese in riva al Brenta.
de de Giordano Dellai