Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Tenpo de selte
Quelo che che ne se para davanti el xe on tenpo de selte. Naremo mèjo o pezo? No se sa! Xe oncora presto par dirlo. La pi parte dipendarà da quelo che ghemo inparà te i dì de clausura. Dovaremo ’bituarse al canbiamento, rinunciando a zerte esagerazion e comodità che prima le ne paréa robe normali.

No xe fàssile, ma xe tenpo de sèliare.
No xe fàssile, ma xe tenpo de sèliare.
La convinzion de dover canbiare tante robe ne la vita de tuti i giorni, la xe deventà “pensiero universale”.
Sarà in casa par òbligo, par paura o… par salute, a ghemo ’vu tanto tenpo par pensare. Fra poco dovaremo métare in pratica quelo che ghemo pensà.
La corsa a spronbatù te ’l fare, te ’l dire, te ’l conquistare traguardi senpre piassè alti, paréa che la ne portesse a la piena felicità, al sucesso, a la sicureza… e inveze la n’à portà su l’orlo del buron. Par fortuna on bao invisìbile, potente e prepotente, el ga blocà i cavài apena in tenpo, salvàndone dal precipizio.
Certo che ghemo vissù e stemo vivendo (e no se sa fin quando!) on tenpo incredìbile, anca se tuti savévino che prima o dopo el sarìa rivà. Se pensava sì a calcossa de grando, ma a na roba difarente, na gran burascada, on tenporalon da coèrzare tuto el pianeta e snetare fora la cativeria che ga infetà l’umanità. Inveze nò.
Intanto la primavera l’è vegnù ’vanti come gnente fusse, co i so colori, fiori e profumi. El sole el sèita a iluminare e scaldare la nostra clausura e el sfota chi jera ’bituà a ’ndare a ciapàrselo anca prima de l’istà.
Epure, la rinuncia a sti regài de la natura, la se trasforma in te na dura lezion par imaginare e ripensare el nostro futuro. Dopo i tanti segni de generosità umana, ghemo l’òbligo de pensare a novi orizonti, che va oltre le paure, anca se sarà tuto diverso da come ’l jera stà prima del colpo gobo.
No savemo se ’l coronavirus el sparirà, magari da solo con l’arivo de l’istà o neutralizà da on vacino, e no savemo in che condizion el lassarà l’economia del mondo, ma faremo ben a ricordarse che gnente sarà pi come prima. De conseguenza le robe da canbiare le sarà tante, come singola persona e come socetà.
Intanto no stemo métarse a contare i giorni “critici”, fissando na scadenza, parché da quelo che ga dito on grupo de sienziati inglesi, che ben la ne vaga, ghe vorà on ano e mezo e forse più, prima de avere la medicina che còpa el virus. E cussì le limitazion che ghemo conossù e patìo fin ’desso le podarà deventare da provisorie a stàbili.
Le coe a i supermarcà, la polizia par le strade a controlare chi va fora de casa, le scole ferme, i treni e i aerei che non parte, la lontananza da i nostri cari… ghe vorà tenpo parché le possa canbiare. Na rason in più par convìnzarse che “gnente sarà pi come prima”.
El dopo coronavirus – tentemo qualche esenpio – el ne farà doparare on novo stile de vita e de consumo: basta bar, ostarìe e pizzerie colme de gente, basta discoteche stracolme de tosi, co musiche a tuto volume, co bevaroni “strani” che i va via de testa; par fare la spesa, gavaremo da ’bituarse a ordinarla e i ne la portarà a casa; la tecnologia la ne controlarà in tuti i nostri spostamenti, in modo che, chi che no sta ben parché el ga ’ncora el bao in corpo, el vègna subito blocà, prima che l’infeta altre persone; la salute ga da vegnere prima de tuto, e ’lora sarà aplicà el “distanziamento sociale” che ne pararà inpossìbile de no podere pi saludarse a brazi verti come prima.
Purtropo sti discorsi qua i ne fa tanto vegnere in mente la situazion del tenpo de guera, quando tuto jera razionà, conpresa la libertà personale; in conpenso la gente jera manco egoista e piassè generosa. Par difèndarse da sti bruti ricordi e par inviarse a l’idea del canbiamento generale, dovemo tirar fora el corajo e la speranza che le rinunce e i sacrifici i serva a ricostruire on mondo piassè giusto, soratuto verso chi ga manco.
Ripetemo: xe tenpo de selte, parché da qua in avanti se cataremo a dover vìvare te on mondo difarente!

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Tenpo de selte
Quelo che che ne se para davanti el xe on tenpo de selte. Naremo mèjo o pezo? No se sa! Xe oncora presto par dirlo. La pi parte dipendarà da quelo che ghemo inparà te i dì de clausura. Dovaremo ’bituarse al canbiamento, rinunciando a zerte esagerazion e comodità che prima le ne paréa robe normali.
de Mario Sileno Klein
 
Rovigo viva
Leggi l'articolo El teritorio de la Grande Quercia
de Lidia Maggiolo
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Nessun gavarìa mai pensà…
de Antonio Giraldo
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo On tratore salva pecatori: el Landini
El Landini a testa calda el ga rivoluzionà l’agricoltura dopo i poco afidàbili tratori a petrolio, che i morìa de colpo in mezo al canpo, tiràndose drio tante maledission!
de Roberto Soliman
 
Robe de Ciósa (VE)
Leggi l'articolo I modi de dire
de Angelo Padoan
 
“La Sguaratà” - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo Case ca ride
de Romano Beltramini