Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Storia veneta in triestin

Trieste asburgica

J. Varoni, La Stazione meridionale (ogi Centrale) di Trieste, 1857 (litografia colorata; Farbendruck v. Riefenstein & Rosh in Wien)
J. Varoni, La Stazione meridionale (ogi Centrale) di Trieste, 1857 (litografia colorata; Farbendruck v. Riefenstein & Rosh in Wien)
Inte ’l 1820 el sicilian cavalier Matteo Di Bevilacqua, dopo èsser stà a Vienna e a Venezia, el càpita a Trieste, indove el se ferma per un muceto de mesi, godendo de la belezza de la zità e su questa el scrivi un libreto in otava rima, che l’editor-tipografo Andreola de Venezia ne proponi in prosa.
El libro, intitolado “Descrizione della fedelissima imperiale regia Città e Portofranco di Trieste” el xe diviso in trentaquatro capitoleti che ’desso esamineremo.
El Bevilacqua scominzia col dire che la zità la xe governada da un Governatore eleto da S.M. l’Imperatore d’Austria “suo legittimo sovrano.” Ghe xe dopo el Comandante militare, abitualmente un prode generale austriaco; tra le autorità civili e i vari Consilieri se trova un Capitano del Circolo, un Pretore e un Diretore de Polizia; ghe xe po’ un Comandante de la Marina, col grado de colonelo, un Capitano del Porto, un Priore de i Lazareti, un Diretor de le Finanze e de le Dogane e un Diretor de le Poste. Ma fermémose un momento su quel “fedelissima, imperiale, regia Città” del tìtolo del libro: sto superlativo compari fin dal 1382. Prima i Veneziani sorveliava che Trieste no disturbassi i su possessi adriatici; po’ nel 1369 vien dichiarada una guera, perché Venezia se meti a ampliar i forti triestini e istriani. Subito dopo vien la guera con Genova e Trieste vien ciapada in mezo co Ciosa e la vien assalida e la devi far ato de sotomission al Patriarca de Aquileia, Marquando, e a la Patria del Friùli. Naturalmente salta fora i interessi del duca d’Austria Leopoldo su sto borgo de pescatori, de salinatori e de naviganti de pìcolo cabotagio nel golfo de l’Adriatico. Te vol méter i viagi de i Veneziani su le rote de l’Oriente! Ma ai duchi d’Austria ghe andava ben cussì: i jera prevegenti; i Veneziani invece aveva paura che Trieste andassi incontro a un grande destin come porto maritimo e la diventassi una su concorente.
Dopo tanti sbalotamenti fra Venezia e i duchi d’Austria, fra el Patriarcato e i conti de Gorizia, fra le beghe de i duchi de Carinzia e quei de Duino, e ghe se meti anca el re d’Ungheria e i Carraresi de Padova e altri ancora, nel 1382 el Comun de Trieste manda a Graz, nel castel del duca d’Austria Leopoldo III, i procuratori Adelmo Petazzi, Antonio de Domenico e Nicolò de Picha a firmare l’ato de dedizion a l’Austria, notai Paolo de Castelrut e Bukardo de Stoin. L’ato siglado el 30 setembre no se lo trova in nissun de i archivi austriaci, anca se se ghe ne parla in documenti minori; par che la roba sia partida da una richiesta del Comun de Trieste.
Nel 1882, in ocasion del sinquesentésimo ano de la “dedizione di Trieste all’Austria”, a l’inaugurazion de un monumento in Piazza de la Stazion meridionale (ogi Centrale), consistente in un obelisco co incise scrite che ricordava la romanità, ghe xe stà grandi festegiamenti co sfilate militari e concerti de bande , ricevimenti e bali. Anca se in zità ghe jera tute le nazioni de l’Impero: austriaci, ungheresi, cechi, polachi, serbi, croati, ruteni, sloveni, slovachi e italiani, oniduna parlava la su lingua, secondo la lege de l’imperator Francesco Giuseppe in data 21 dissembre 1867. I Italiani, che jera poco meno de la metà de la popolazion, (72 mila contro i 165 mila complessivi, a la metà del 1800) i mastigava poco el tedesco che se insegnava in tute le scole insieme co l’italian, a seconda de le zone de la cità. Fin el 1865, i studenti che voleva far l’università, i andava a Padova, dopo i ga dovù iscrìverse a Graz, a Innsbruck, o a Vienna, indove te acolieva la grande statua de Cecco Beppe. Tanti i tajava la corda e i andava a studiar a Firenze. A Trieste se parlava tute le lingue del mondo e i su relativi dialeti, a seconda del grupo de apartenenza. Pati, fati ancora al tempo de Leopoldo III, i stabiliva e i dava la garanzia che i citadini gaverìa avù el rispeto de i Statuti del Comune e de le usanze de la zente. A parte la rissosità de i sècoli passài, se forma dopo siesento ani do movimenti contraposti: i austriacanti e i iredentisti, i quali ultimi, entusiasmài dal spìrito de Giacomo Venezian, prof. universitario che gaveva ciapà la laurea a Bologna, il quale in t’una longa lètera al Carducci che jera stado a Trieste diese ani prima, nel 1878, el ìndica come oboetivo l’italianità de Trieste, che va de pari passo co l’unificazion de la nazion italiana.
Nel stesso tempo se forma in Italia ’na associazion per la difesa de la lingua italiana a la quale el Carducci dà el nome de Società Dante Alighieri. In sto momento nassi anca el vero dialeto triestin atraverso la poesia e se manifesta la vena musical de i triestini co le canzonete che vien fora da i concorsi fati apositamente: “Lassè pur che i canti e i subi / e che i fazzi pur dispeti / ne la Patria de Rossetti / no se parla che italian” (parole de G. Piazza, musica de S. Negri; 1° premio del Concorso 1893 de la S. Previdente).
Dito questo, tornemo a l’elegante libreto del Di Bevilacqua che parla de i Consoli de i paesi stranieri, del Rango de i Nobili, senza far nomi, co un aceno a le quìndise casade, de la Guarnigion formada da granatieri, fucilieri e artilieri. El parla del Porto, del Castelo, de la Cattedrale, de i Lazareti, de i Negozianti, de la Sanità, del molo S. Carlo, del Bastimento a vapore (a roda) che porta a Venezia. E dopo el fa un giro per tanti loghi de la zità, concludendo col Gabineto de Minerva che no xe solo ’na biblioteca, ma che ’l se ocupa anca de la vacinazion de i putèi e de altri argomenti sociali.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Cussì semo rivà a Nadale…
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Nadàe soto el camin
de Gemma Bellotto
 
Storia veneta in triestin
Leggi l'articolo Trieste asburgica
de Luigi Perini
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo Rico de Bosaro
de Gianni Sparapan
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Cantar la Stela
Un canto de amore e de pace che anunsia el Nadale e ne invita a volerse più ben
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo Quando era de moda i “Salani”
de Wanda Girardi Castellani