Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Arturo Baggio

Zente de Padova

Antonio Baldissera

Antonio Baldissera, Comandante de Massaua.
Antonio Baldissera, Comandante de Massaua.
Finora no me gera vegnù fra le me carte el nome de un padovan che ghesse fato la cariera militare. Artisti, letarati, siensiati, de tuto un pochetin, ma soldài no.
E ’desso ghe ne go uno: Antonio Baldissera. Nato a Padova, cussì se dize, da na fameja puareta el 27 majo 1838. Ma le disgrassie no vien mai sole e da tozeto ghe more el pare. So mama lo porta a Udine dove el vien afidà, forse a mezo conossense, al Vescovo de chela sità. Tramite l’interessamento de sto alto prelato el 29 otobre 1849 el tozo a soli 11 ani el entra, secondo quanto xe scrito nel stato de servissio de l’“Imperiale reale esercito austriaco” (a chel tenpo gèrimo nel Lonbardo-Veneto), ne la Accademia Militare de Viener Neustadt.
Ve pensèo sto tozeto, cressùo in sta poara fameja a Padova, trapiantà a Udine da i preti e po’ mandà su na scola militare austrica dove xe fàssile imaginarse la dissiplina e la duressa de la vita.
Ma el ghe la ga fata. El ga fato tuto el so regolare corso de studi e superài i esami nel 1857 el scominsia la so brilante cariera militare col grado de “sottotenente di prima classe” nel Regimento de Fanteria de linea “Arciduca Ranieri”. Promosso “sottotenente di seconda classe”, el vien nominà el 27 majo 1859 “primo tenente” quando xe za scopià la guera contro el Piemonte e i so aleati francesi. No dovemo desmentegarse che alora lu gera sitadin asburgico, inquadrà ne l’esercito austriaco e cressùo in quel anbiente. Par la so condota coragiosa vuda nel corso de i conbatimenti sul fiume Sesia come uficiale de stato magiore agiunto al 7° Corpo d’Armata ghe vien concessa la Croce al Merito Militare.
Lapide murà su la faciata de la Caserma intitolà a Baldissera, sul lungarno Pecori Giraldi, a Firenze.
Lapide murà su la faciata de la Caserma intitolà a Baldissera, sul lungarno Pecori Giraldi, a Firenze.
Antonio Baldissera el continua la so cariera. Passà efetivo nel Corpo de stato magiore generale e promosso capitano de seconda classe el 20 lujo 1859, entra nel 7° batalion “Cacciatori da campo” el 1 lujo 1860 dove che el deventa capitano de prima classe nel 1864. Co sto grado el xe presente a la breve guera in Italia nel 1866, agregà al stato magiore del “Corpo d’Armata del luogotenente maresciallo di campo Maroicic.” Par la so bona prova su sto incarico a Custoza ghe xe stà fato el sovrano riconossimento de lode. Verso la fine de la guera el vien trasferìo al 37° batalion Cacciatori, ma sucessivamente el rientra nel so 7° batalion.
E qua finisse la so aventura ne l’esercito austriaco parché co la cession del Veneto a l’Italia el vien esentà dal giuramento de fedeltà a l’inperatore e el passa al nostro Regio Esercito dove, tirà su da la dissiplina tedesca el se distingue par professionalità e rigore. Nel 1886 el xe a Firenze col grado de Colonelo al comando del 7° Regimento Bersalieri e a da qua el vien mandà in Eritrea dove che ’l fa parte de la colona Asinari di San Marzano. Quando che Alessandro Asinari di San Marzano el mola el comando lo ciapa lu col grado de Generale de brigata co el preciso incarico de riorganizare la colonia. Dal 1888 al 20 dissenbre 1889 el xe comandante de Massaua. Dopo èssare rientrà in Italia, el 22 febraro 1896 el sostituisse Oreste Baratieri e el 4 marso del stesso ano el vien nominà Governatore Generale de l’Eritrea. Xe da ricordare che ste nomine le ga vudo che el gera ancora in Italia e che el xe partìo subito par l’Africa. Lu gera ancora in viagio che el Baratieri, no tegnendo conto de la nomina e dopo la batosta de Makalè e de Amba Alagi el ga organizà un ataco ai abissini che se ga risolto ne la tragedia de Adua. Antonio Baldissera el xe rivà a disfata za avegnùa.
El ga molà l’incarico de Governatore el 16 dissenbre 1897. El xe stà nominà Cavaliere di Gran Croce Ordine Militare di Savoia el 21 giugno 1896 co la motivassion “per la liberazione di Adigrat” e el xe stà creà Senatore del Regno ne l’ano 1904.
Soto le bandiere de l’Inpero austroungarico, oltre che la decorassion che go dito più sora, el xe stà fato “Commendatore dell’Ordine Militare di Maria Teresa”. El xe morto a Firenze el giorno 8 zenaro 1917.
Busto dedicà al Gen. Baldissera, in Viale Orologio, a Roma.
Busto dedicà al Gen. Baldissera, in Viale Orologio, a Roma.
Come el me solito mi ve go contà la vita de sto nostro padovan in poche parole, ma se podarìa scrivare un libro su la so vita. Come che el xe riussìo a farse largo ne le alte cariche militari asburgiche, no essendo ne nobile ne rico, e italian par zonta. Come che el xe riussìo a métarse in vista nel nostro Regio Esercito, pur ’vendo conbatùo contro de lu.
Xe sta scrito come che el fusse stà in considerassion al tenpo del Governo Crispi tanto da afidarghe l’inpresa africana in chel momento, co le batoste che el nostro esercito gheva ’vudo proprio in chei giorni.
Sensa dubio el ga da èssar stà un omo de valore al quale darghe la più granda fiducia.
Anca de sto nostro Padovan dovemo ndare orgoliozi e a so ricordo la nostra sità ghe ga intitolà na strada.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo L’unica xe la mama!
Co l’ingarbujo che se catemo davanti, in sto nostro tenpo, el punto de riferimento pi sicuro che podemo ’vere xe la mama, se la xe al mondo, o el so ricordo, se la xe za passà da la tera al celo
de Mario_Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Antonio Baldissera
de Arturo Baggio
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Xe s-ciopà la primavera!
de Gemma Bellotto
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo L’è rivà el Torototèa
de Renato Scarpi
 
Ciàcole visentine
Leggi l'articolo Villaraspa conpie 400 ani
El 14 Majo xe festa granda par la pìcola comunità rente al comune de Mason Visentin, poco soto Maròstega
de Giordano Dellai
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo La prima “Note bianca”
de Luigi Ederle