Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

Caro el me Festival

E Celentano se fa avanti co el so Il ragazzo della Via Gluck…
E Celentano se fa avanti co el so Il ragazzo della Via Gluck…
Quando da la television o da i giornài sento parlare del Festival de Sanremo, me riva in mente na snuvolà de ricordi, na spece de tenporàe “benefico” che buta zo l’aqua par bevarare la tera secà dal caldo.
A casa mia sto momento el se vivéa tuti insieme, inpienando la casa de alegrìa, scumissiando da mi, da senpre inamorà de la musica de tute le qualità, e de le cansonete. Col me bel libreto in man, dove ghe gera tute le paròe de ste canson, mi spetava lì, sentà rente al fogolaro, par inpararle tute e cantarle dopo a squarciagola, quele co i toni alti, e co tanto sentimento st’altre. Quante canson ghemo cantà, anca tuti insieme, a la sera rente al fogo. I primi ani che me ricordo mi, le se scoltava par radio, e par la strada, da i tosati che passava a piè o in bicicreta, o da i s-ciapi de gente che lavorava magari a vendemare la ua, drio la piantà del canpo: Vola colomba bianca, vola… Grazie dei fior… Quanto la me piaseva!
Pi tardi eco che gera rivà anca a casa nostra la television, magari usa, che de le volte, parché la partisse, bisognava darghe sora on par de pugni. De la seconda se gavéa incantà el boton e bisognava tegnerlo fermo col déo, a turno, on tòco paron. Ma el Festival de Sanremo no se podéa perdarlo. Me par de védarla la me fameja lì che la scolta incantà, sentà rente al fogolaro. Se gera in nove a chel tenpo, tuti passionà de musica. La canson che gavéa piasso de pi me ricordo che na volta la gera stà L’Arca di Noè de Sergio Endrigo: Partirà, la nave partirà, dove arriverà, questo non si sa; sarà come l’Arca di Noè, il cane, il gatto io e te… Quanto se gavéa cantà sto ritornèo!
Nantra la gera stà quea de La prima cosa bella. Anca con quea se faseva coro: I prati sono in fiore, profumi anche tu... la ne piaseva proprio a tuti. La zia Mania, co i so quasi novant’ani, la se gavéa quasi inamorà de Antoine (Antuan), el cantante francese, che ’l cantava: Se sei bello ti tirano le pietre. Se sei brutto ti tirano le pietre… E l’ano dopo invesse, el gavéa cantà “La tramontana”: E per colpa di una sottana ho perduto la tramontana… Penseve che i la gavéa censurà e in posto de per colpa di una sottana i gavéa messo per colpa di quella lana. Penseve on po’, come che xe canbià i tinpi!
Tornando al nostro discorso, eco che la zia Gilda faséa conbàtare e anca rabiare la zia Germana, ciamà Mania, disendo che Antoine (Antuan) el ghe somejava al so moroso vecio, morto in guera. A penso in sto momento da quanto lontan me riva sti ricordi e de quanto sia pressiosa la nostra mente. Eco che riva Modugno co la so canson Ciao, ciao bambina… e piove, piove sul nostro amor. Quanto sentimento! E Claudio Villa, col so Buongiorno tristezza, amica della mia malinconia… Me lo vedo davanti i oci, quando a la fine de sta canson, le so amiratrici le ghe xe saltà arente par strénzerghe la man e le lo ga strapegà zo dal palco, in mezo a na siesa de fiuri bianchi, che gera lì davanti al microfono. Eco Milva col so Tango italiano e po’ Il mare nel cassetto. E l’ano che xe rivà la Gigliola Cinquetti? Cussì sènplice, co na canson cussì dolse: Non ho l’età, non ho l’età per amarti… Mi la vardava da la television de on bar a Pordenone, dato che gero in vacanza da parenti.
Drento la me snuvolà de ricordi ghe xe adesso na confusion de ritornèi e de paròe che se spenze, una co l’altra. Ghe xe Le mille bolle blu de Mina che se confonde co La signora di trent’anni fa, cantà da la me passion de alora, Achille Togliani. E Celentano se fa avanti co el so Il ragazzo della Via Gluck. Eco Amore ritorna, le colline sono in fiore che se incontra co L’uomo in frac de Modugno. Ma Ventiquattromila baci, senpre de Celentano, la gera cussì piena de voja de vìvare, che la me faséa alsare da tola: se gera drio magnare, par cantarla insieme anca mi, co na alegrìa e de le mosse che faséa rìdare tuta la fameja. E quel Blu dipinto di blu?...
Ma la nùvola rivà col me tenporàe de canson la xe ancora sgionfa de ritornèi e ’desso la me mostra l’ano, forse uno de i pi lontani, che Consolini ga cantà: Il mare co na melodìa che no se pol far capire quanto la gera bea. El popà, me ricordo che ’l me xe vegnù arente disendo: “Doman ’ndemo a Pàdoa mi e ti parchè vojo regalarte sto disco.” No se pol descrìvere la me contentessa. Semo partìi al dì dopo in coriera e, a man de me popà. ghemo girà fin che ’l disco lo ghemo trovà. Sentà in coriera, tornando a casa, mi me lo tegneva streto co le man, su i zenoci, come se lì ghe fusse stà on gran tesoro. A casa se gavéa on giradischi fato da on amigo marangon e no ve digo l’alegrìa a scoltarlo: Il mare è la voce del mio cuore… Nò, no ghe gera, penso, persone pi contente de mi in te chel momento.
Ma a sto punto, forse continuare a contare la storia de i me Festival, penso che sarìa esagerato. E cussì lasso lì da parte Fausto Leali che ’l vorìa dire A chi, a chi sorriderò, se non a te?... E Lucio Battisti co la so scavejara de rissi mori e el so fular al colo, che ’l vorìa dire No, non sarà un’avventura… Lasso lì Son tutte belle le mamme del mondo… e Modugno che par ultimo vorìa cantarme Meraviglioso… Ma come feto a non acòrzarte, diséa sta canson, de tuti i regài che te fa sta vita? El ceo, el mare el soe, el ben de on amico, i oci de on toseto… Ma la note de sta persona sola, cantà in te sta canson, la gera finìa. Gera tornà la speransa insieme col profumo de la vita.
Eco, mi lo speto senpre come on amigo che torna ogni ano. Se po’ no ’l ga tanto de bon da darme, verzo la me nùvola de ricordi sanremisi. Drento lì ghe xe anca la canson premià l’ano passà, on vero capolavoro, secondo mi, che la dise, traduséndola in dialeto: Ciàmame ancora, amore, ciàmame senpre, amore, par el poeta che no pol cantare, par l’operaio che no ga lavoro, pa la nostra memoria butà al vento. Ciàmame ancora, amore. Difendi sta umanità, anca se restasse on omo solo, parché sta note la inpienaremo noantri de musica e de paròe. Ciàmame senpre, amore, parché noantri semo amore.
Sì, semo amore, semo stà creà co amore e par l’amore. E se ogni omo se rendesse conto de questo, invesse che guere el farìa tuti Festival e come tema la parola “AMORE!” par far cantare el mondo intiero parché el diventasse pi bon e pi alegro.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo 30 ani de dialeto
“Quatro Ciàcoe” la xe rivà al bel traguardo de i trenta ani de vita. Questo xe la dimostrazion che el dialeto no ’l xe na lingua de scarto e che se pol scanbiarse idee, rajonare de questo e de queo, far “quatro ciàcoe” a la bona, ne ’a lingua che ghemo inparà par prima in fameja
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Caro el me Festival
de Gemma Bellotto
 
Da Verona
Leggi l'articolo Pajassi
Storia de gente seria che fa el pajasso, cioè el clown
de Lucia Cozzolino Masotto
 
Da la Marca
Leggi l'articolo Nane Caregheta
’na màscara trevisana
de Emanuele Bellò
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Proverbi e modi de dire
rancurà par el Polesine
de Renato Scarpi
 
Na storia d’altri tenpi (in visentin)
Leggi l'articolo On fiore drio na strada
de Antonio Maraschin