Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Arturo Baggio

Zente de Padova

Gerolamo Tessari

Girolamo Dal Santo, Madonna con Bambino. (Scoletta del Carmine, Padova)
Girolamo Dal Santo, Madonna con Bambino. (Scoletta del Carmine, Padova)
Girolamo Dal Santo, Pietà (sec. XVI).
Girolamo Dal Santo, Pietà (sec. XVI).
Gerolamo Tessari xe nato a Padova, chi dize intorno al 1490, chi dize fra el 1485 e el 1490 e chi dize circa nel 1480. Gninte se sa de come el gabia scominsià a piturare. I dize che el so primo maestro sia stà so pare Battista che el fazeva anca lu el pitore. El xe passà a la storia col soranome de Girolamo Dal Santo parché el stava de casa vissin la Basilica de S. Antonio. El xe praticamente vissù senpre a Padova anca se la so fama se ga difusa fora de la sità anca par el fato che el xe stà ciamà a realizare de i afreschi a S. Maria di Castello a Udine.
No se poe considerarlo un pitore primario ne l’anbiente artistico padovan del XVI secolo però el xe stimà bon artista, de òtimo mestiere, diligente e anca nel modo che interpreta la so pitura che vien definìa in “dialeto padovan”.
In prinsipio de la so atività artistica el risente l’influensa del stile tardo quatrocentesco, però dopo el xe motivà, anca se in modo relativo, dal stile de Tiziano, Girolamo da Romano dito el Romanino e Domenico Campagnola, che i va par la magiore in chel momento.
Girolamo Dal Santo, cussì continuemo a ciamarlo, el ga partecipà in larga parte a i lavori decorativi de le cese e de i oratori de Padova. La so prima òpara documentà xe el “Miracolo del bicchiere” che trovemo a la Scoletta del Santo, fata nel 1511. Senpre nel stesso posto nel 1513 el ga realizà la “Morte del Santo”, nel 1515 el ga realizà el “Miracolo della mula” e nel 1524 el ga fato el “Sant’Antonio resuscita un bambino caduto nella pentola dell’acqua bollente” e po’ anca el “Miracolo dell’avaro”. Ne l’antisacrestia del Santo altri so afreschi fati nel 1519 ciamài “Il miracolo di Aleardino” e la “Predica ai pesci”.
Intorno al 1520 la decorassion de l’abside de la cesa de Santa Maria in Vanzo con l’incoronassion de la Vergine sul cain e na serie de tondi co el busto de el Padre Eterno e i sìnboli de i Evangelisti e dei Profeti.
Ne la Basilica de S. Giustina, in prà de la Vale, el ga fato na serie de afreschi, uncò squasi scancelài. L’unico che xe restà, la “Deposizione dalla Croce” el xe stà portà a i Musei Civici de Padova.
Altri cicli fati da Gerolamo xe le sène de la “Vita della Vergine” che se pol védare ne la “Scoletta” de la cesa del Carmine.
Nel 1537 el ga realizà i episodi de “Passione di Cristo” ne l’Oratorio del Redentore che xe vissin la cesa de S. Croce, senpre qua a Padova.
Fora de la sità, ne l’Abassia de Praglia, podemo védare un altro so lavoro, la “Deposizione nel sepolcro”.
Nel Museo Poldi Pezzoli a Milano xe conservà la “Madonna in trono con il Bambino, angeli e santi” che vien atribuìo al nostro pitore par l’afinità stilistica co le altre piture presenti a Padova.
Bisogna ricordare anca la decorassion de la capela de Santa Maria ne la cesa de San Francesco che ghe xe stà afidà da la “Scuola della Carità” e dove che vien contà le storie de la vita de la Madona.
Tra i ani 1547 e 1549 el ga decorà el chiostro magiore del convento de S. Giustina con de le sène ispiràe da la vita de San Benedeto.
Malgrado tuto el lavoro fato, intorno al 1561 el more qua a Padova, puareto in cana, seminfermo de mente e fisicamente malà.
Padova lo ga ricordà intitolando na strada a Girolamo Dal Santo.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo I mèjo i ne scapa via
Na volta a faséino de tuto par tegnérseli streti: artisti, poeti, inventori, sienziati, canpioni sportivi, insoma le mèjo teste che gavéino in casa, che oncò vien ciamà “cervelli”. Se no lo faséa l’autorità, ghe pensava qualche “mecenate” inamorà de l’arte e de la bela figura che ’l faséa, jutando sti òmeni e ste done “speciali”. E oncò?
de Mario Sileno Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Gerolamo Tessari
de Arturo Baggio
 
Da San Giorgio in Bosco (PD)
Leggi l'articolo Persone e fati strani del me paese
de Luigi A. Zorzi
 
Da Legnago (VR)
Leggi l'articolo La fòla de i du pessi
de Franca Isolan Ramazzotto
 
Da Tombazosana (VR)
Leggi l'articolo A vendemare
de Carolina Guerra
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo La senpre festa de Otobre
de Luigi Ederle