Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mirco Castellani

Da Verona

L’ultima bandiera

Quatro Ciàcoe
Veduta de Perasto.
Veduta de Perasto.
Quatro Ciàcoe
Il Bacio di Perasto al Gonfalone di San Marco, in un quadro de Giuseppe Lallich.
Il Bacio di Perasto al Gonfalone di San Marco, in un quadro de Giuseppe Lallich.
In fondo a la costa dalmata, quasi de fronte a Bari e riparà da un streto promontorio, scominçia uno de i fiordi più longhi de tuta l’Europa meridionale. Par 25 chilometri el mar el se infila tra i monti del Montenegro in un complicato percorso a forma de “esse”, fin a rivar nel punto dove dó grande insenature triangolari le crea ’na figura che par ’na farfala. ’Na farfala larga 12 km! Proprio dove el fiordo el se divide, e pronta a tegner de ocio tuti quei che riva dal mar, ghè la çità de Perasto.
Proseguendo sul ramo a destra, 10 km più avanti e incastonà ne la piera come un diamante ne l’anel, eco n’altra çità… Càttaro. Càttaro, Kòtor par i slavi, l’è la çità che ghe dà nome a tuto el fiordo. Le “Bocche di Càttaro”, come i ’é ciamà, vèrte sul mar solo ’traverso ’na via streta e facilmente difendibile, i è stà par secoli el “porto sicuro” de tuti quei che navigava in Adriatico. Illiri, Greci, Bizantini, Romani e Veneziani i à sistemà lì le so nave da guera… ma i è stà proprio i Veneziani quei che à lassà le fortificassioni più maestose; e che à lassà anca el ricordo più belo! Tornemo alora a Perasto.
A i giorni nostri, vista dal mar, la çità la par pìcola… Nel Seteçento però la contava quasi domila abitanti, e ’na flota inportante.
Ma soratuto Perasto la gavéa el privilegio de averghe in consegna el “Gonfalo ne de guera” de la Serenissima! La çità la s’avéa guadagnà ’sto onor ancora nel lontan 1368 quando, con l’aiuto de le so navi, Venezia l’era riussì a vinsar ’na guera contro la vissina Trieste. Così da alora originari de Perasto i dovéa èssar i 12 “Gonfalonieri”… cioè quei che in guera, a costo de la vita, i difendéa el Doge e la bandiera (a Lepanto su 12 gonfalonieri ghe n’era morti 8) e che finì la guera con ’na solene procession i scortava el Gonfalone al sicuro ne la so çità in fondo a le “Bocche di Càttaro”.
I Gonfalonieri i avea giurà che MAI la bandiera la sarìa finì in man nemighe… Ma, quando el 12 magio 1797 la Repùblica de Venezia, dopo 1.100 ani de splendor, l’à dovù arèndarse a le armate de Napoleone, i perastini à dovù decìdar cosa far. E così i à deciso de resìstar.
Perasto l’è stà l’ultima çità de la Serenissima a tirar zo la bandiera de San Marco. Ma prima o dopo anca lì dovéa sucédar… e el resoconto de quela storica giornada del 23 agosto 1797 a Perasto la n’è stà tramandà. Quel giorno tuta la çità l’era riunì atorno al capitan de la guardia, Giuseppe Viscovich, che poco prima de piegar el Gonfalone e consegnarlo a l'Abate del Domo l’à pronuncià un discorso… un discorso che è deventà famoso che è passà a la storia co ’l titolo “Ti con nu, nu con ti”.
"In sto amaro momento, che lacera el nostro cor; in sto ultimo sfogo de amor, de fede al Veneto Serenissimo Dominio, el Gonfalon de la Serenissima Repubblica ne sia de conforto, o Cittadini, che la nostra condotta passada che quela de sti ultimi tempi, rende non solo più giusto sto atto fatal, ma virtuoso, ma doveroso per nu. Savarà da nu i nostri fiòi, e la storia del zorno farà saver a tutta l'Europa, che Perasto ha degnamente sostenudo fino all'ultimo l'onor del Veneto Gonfalon, onorandolo co' sto atto solenne e deponendolo bagnà del nostro universal amarissimo pianto. Sfoghemose, cittadini, sfoghemose pur; ma in sti nostri ultimi sentimenti coi quai sigilemo la nostra gloriosa carriera corsa sotto el Serenissimo Veneto Governo, rivolzemose verso sta Insegna che lo rappresenta e su ela sfoghemo el nostro dolor.
Per trecentosettantasette anni la nostra fede, el nostro valor l'ha sempre custodìa per tera e par mar, per tutto dove ne ha ciamà i so nemici, che xe stai pur queli de la Religion. Per trecentosettantasette anni le nostre sostanze, el nostro sangue, le nostre vite le xe stae sempre per Ti, o San Marco; e felicissimi sempre se semo reputà Ti con nu, nu con Ti; e sempre con Ti sul mar nu semo stai illustri e vittoriosi. Nissun con Ti n'ha visto scampar nissun con Ti n'ha visto vinti o spaurosi! Se i tempi presenti, infeicissimi per imprevidensa, per dissension, per arbitrii illegai, per vizi offendenti la natura e el gius de le zenti, no Te avesse tolto dall'Italia, per Ti in perpetuo sarave stae le nostre sostanze, el sangue, la nostra vita, e piutosto che vederTe vinto e desonorà dai Toi, el coraggio nostro, la nostra fede se avarave sepelio soto de Ti! Ma za che altro no resta da far per Ti, el nostro cor sia l'onoratissima To tomba e el più puro e el più grande elogio, Tò elogio, le nostre lagreme."
Dopo finì el discorso, sfilando tra dó ale de perastini in làgrime, la trista procession l’è partì verso el Domo par sepelir el Gonfalone soto l’altar magior.
Come un santo. L’era ormai da çento giorni che i francesi i era entrà a Venezia, ma in tuto quel tenpo a Perasto la bandiera de San Marco l’avéa continuà a sventolar.
E quando in otobre, co ’l tratato de Campoformio a i francesi è subentrà i austriaci, i è stà solo lori a entrar in çità.
A la richiesta de consegnar el Gonfalone de guera tuti però i à fato finta de cascar da le nuvole: i austriaci alora i s’à messi a scavar da soli soto l’altar, i à scavà in giro, i à torchià la gente… ma la bandiera no se l’à trovà.
Parfin durante l’ultima guera i soldà italiani, su ordine de Mussolini, i à proà a çercar. Sensa catar gnente!
Qualche ano fà a Perasto ghe son stà anca mi, durante ’na bela crocera nel Mediteraneo che la m’à portà a conóssar anca la vissina Càttaro: un stupendo gioiel de architetura venessiana! A la guida che ne spiegava la storia de Perasto go domandà se a la fine el famoso Gonfalone el sia mai saltà fora:
“Nò!” el m’à risposto…
“Però savemo tuti che l’è ancora qua, e nissun mai le catarà!”

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Fare pace co ’l creato
Parole grosse cofà la valanga de 300.000 metri cubi de giazzo, neve, tera e piere, precipità el 3 de lujo passà, su la Marmolada, causando la morte de 11 alpinisti e feréndoghene altri 8. Xe el momento de ’ndare oltre el dolore e oltre le parole, ma con i fati.
de Mario Sileno Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo El dì de san Lorenzo
de Gemma Bellotto
 
Da Roma, in diaeto de Este (PD)
Leggi l'articolo I ultimi dinosauri
de Mario Piccolo
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo Antichi “squeri” ciosoti
de de Angelo Padoan
 
Da Gavello (RO)
Leggi l'articolo Cavatine da tratorìa
de Gianni Sparapan
 
Da Verona
Leggi l'articolo L’ultima bandiera
de Mirco Castellani