Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

Chi xe che ga paura de le done?
Ogni ano a sto tenpo, ghe dedichemo na riflession a la question feminile. Xe senpre massa poco!

Festa de la dona
"Vardeme te i oci! E mi sarìa on peso par la società?"

Sarala na stajon, sarala na scusa, ma ogni volta che riva primavera, insieme co la natura se sveja anca el problema che ne toca da vissin e che no riguarda solo l'altra metà del cielo, la dona, ma anca l'omo!
Quante parole, massa parole! Quanti sbrodolamenti par un giorno, quasi tuto finto, quelo de la "Festa de la dona". A gavì rason: co ste tante parole se conclude ben poco! E credìo che senza parole a se concluda de pi? Manco che manco! Se "boca sarà no ciapa mosche", boca sarà no conclude afari! Bisogna continuare a vèrzare boca, non par dire putanade, ma par afrontare la sfida che da tanto tenpo la dona la ga lancià a l'omo par catare un punto de acordo sul riconossimento del ruolo de la dona ne la società moderna.
El problema el xe vecio che mai, ma 'l xe anca senpre novo, parché la soluzion la va 'vanti a du passi s'on coarelo!
Pare parfin che qualchedun gabia paura de la dona, paura che la ghe frega el posto, el baston del comando, la carega del potere.
No xe fàssile capire parcossa càpita ste robe. Forse la mentalità carateriale de l'omo che 'l se sente te le vene el sangoe del potere. Forse se trata de na tradizion: "In casa son mi el mas-cio!". Se sa che le tradizion no xe fàssile farle morire. E questo xe un fato positivo. Ma se pole mantegnerle in vita adatàndole al momento che se vive, agiornàndole parché no le sapia da mufa!
Lavori ùmili, assistenza a malà e veci, volontariato de ogni tipo, responsabilità de la fameja... Basta che le parla: tuti lavori che pol farli le done.
Pol darsi che l'ategiamento de l'omo el sia anca el risultato de on rajonamento. Ghe xe sete done par ogni omo te 'l mondo: se 'assemo comandare la dona...; le done le vive in media diese ani pi de l'omo: via mi... la fa ora comandare... Naturalmente, el xe on pensare inquinà da l'egoismo.
Anca ne la Ciesa stessa, no xe che la religiosa la gabia più responsabilità, più cònpiti inpegnativi o la possa métare a fruto el so carisma, la so sensibilità, pi de la dona comune. Anca da sta recia no se ghe sente mia massa!
Na volta jera parché la dona no la domandava gnente de pi del poco che la gheva, ma 'desso che, par vari motivi, la s'à fato 'vanti, no xe giusto inpedirghe de partecipare a la costruzion de on mondo dove la ga da starghe drento anca ela!
La dona, par so precisa natura - le ecezion le ghe sarà senpre e le conferma la règola - la vole on mondo dove la maternità la sia considerà la misura de la società, dove, in altre parole, sta società la gabia da considerare un fato normale - non on peso, on dano, na pèrdita - quando la sta casa dal lavoro parché sona la sveja del so ruolo de "portatrice de vita".
Quando la società la rivarà a far suo sto principio sacrossanto, la dona la podarà finalmente dire de avere ragiunto la parità. Tuto el resto vegnarà da solo e finirà tanti privilegi che 'ncora 'desso porta aqua solo al molin de l'omo. Da la valorisazion de la dona se passarà a la rivalutazion de la persona, quindi de la società.
Pensare a questo co corajo e speranza, vol dire dimostrare che la dona no la fa paura a nissun. Anzi!


[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Marso:
Editoriale
Leggi l'Editoriale Chi xe che ga paura de le done?
Ogni ano a sto tenpo, ghe dedichemo na riflession a la question feminile. Xe senpre massa poco!
de Mario Klein
[torna sopra]

Fotografare par védare
Leggi l'articolo Queo che l'ocio varda e no'l vede. Sergio Sartori, marostegan co' la passion de la fotografìa come conpletamento culturale.
de Milosc Voutcinitch
[torna sopra]

El griso
Leggi l'articolo Da Adria (RO)
de Sergio Bedetti
[torna sopra]