Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
a cura de Angelo Padoan

Robe de Ciósa

El "Cristo"

Quatro Ciàcoe
Stanpa devozionale (cm 18x11,5) del "Cristo".
El Crocifisso scolpìo in legno
"El Cristo" o "el Cristo dei pescaori"; co sta denominassion xe cognossùo a Ciósa un grande Crocifisso che se pole védare ne la cièsa de San Doménego, proprio in fassa a la laguna. E proprio nel mese de aprile, precisamente la doménica otava de Pasqua, se cèlebra ogni ano la "Festa del Cristo".
La xe un'imàgine gigantesca, che misura in altessa 4 metri e 87 e in larghessa 3 metri e mezo; 'a pesa press'a poco 180 chili. La crose xe a forma de àlbaro co i brassi fini curvi e pieni de gròpi. In sima se vede un pelican co soto la scrita: "Mors Christi dura monstratur in ista figura. Jesus Nazarenus Rex Judeorum. Passio Domini" (La dura morte del Cristo xe mostrà in sta figura. Gesù Nazareno Re dei Giudei. Passione del Signore). La forma de l'aurèola messa sora la testa e i fregi che abelisse le fimbrie e i orli del perizoma, dove che se leze in caràteri orientali-latini "... Cisie (Christe) ... Iesis (Gesù) ... Cifix (Crucifige) ... Krie (Kyrie)" (Gesù Cristo Crocifisso, abi pietà de nu), podaràve rivelare la provenienza da 'na scuola bizantina. L'imàgine de sto Cristo, amirà de continuo da visitarori e turisti, in legno de salgaro coverto da 'na sotile tela de lino piturà a colori naturali, la xe vòda drento, forse per fassilitare el trasporto. La testa xe mondo piegà su la spala destra e come incassà ne la cassa toràcica. El viso esprime el strassio del Crocifisso co un realismo che rivele 'n'aria espertìssima, insieme a 'na incomparàbile belessa. La corona de spine la pare quasi un cordon solo, i cavéi vien zo fluenti e quasi simètrici, el corpo xe diverso del tuto da la testa no solo perché a xe fato in maniera grossolana, ma anche per la scarsa atension ai particolari anatòmici. I brassi xe come stirà, fini, le còstole xe in rilievo, el ventre gonfio. I zenoci sporge 85 sentìmetri, el fèmore xe mondo scurtà. Ste difarense à fato nàssare in serti studiosi el sospeto che la testa, belìssima, sia stà adatà al corpo che forse esisteva za, anche se no se cognosse le orìgini.

Misteriosa orìgine del "Cristo"
Infati poche xe le notissie sicure de sto Cristo e su la storia vera prevale la legenda. Ansi, se tramande do version de legenda. La prima conta che el dissépolo «oculto» de Gesù, Nicodemo, dopo aver fissà el Maestro picà a la crose, a s'à messo a rapresentarlo e a scolpirlo nel legno; ma senténdose mancare le forse al momento de cavare dal legno i lineamenti de la testa, l'à invocà l'agiuto del sièlo e po' a s'à indormensà. Quando che a se ga svegià, l'à trovà l'imàgine de la testa scolpìa miracolosamente da i ànzoli.
Sta prima version xe stà trasmessa anche per iscrito atraverso 'na incision in rame che se vede ai pie del Crocifisso. Sta incision ne dize che sto Cristo xe stà da i confradèi de la Società del Santo Sepolcro trasferìo a Iesi ne le Marche. A s'à animà davanti a la contemplassion de S. Pietro martire e l'à scomissià a parlare co lu. Per esortassion del Santo a xe stà trasportà su 'na nave in teritorio vèneto. Durante un naufragio, sta nave xe fundà e el Crocifisso galezando xe arivà fin al porto de Ciósa. I Padri Domenicani, che i aveva la cièsa omònima vissina, i l'à visto e co tanta venerassion i l'à tirà sù e i l'à custodìo per sècoli ne la so cièsa.
Ma sta version contien do erori. El primo: S. Pietro màrtire xe stà copà in odio a la fede nel 1252, cioè 35 ani prima che i Domenicani venisse a Ciósa. El secondo: se sa de seguro che el Crocifisso xe stà a Iesi fin al 1479. La seconda version legendaria dize come che el Cristo, in tempo imprecisàbile, xe stà trovà vissin a le palafite de l'antico ponte de San Doménego, sul fare de l'alba.
A xe stà portà in procession in Catedrale, dove i ciosòti aveva pensà de custodirlo per sempre. Ma durante la note el Cristo s'à trasferìo sul stesso lògo dove che a gera stà trovà, sichè el Véscovo de la sità à pensà che a volesse restare ne la cièsa de i Padri Domenicani, che i l'aveva salvà. A saràve stà scolpìo da San Luca evangelista. A xe restà a Costantinopoli fin al 1453: in sto ano Maometo II, imperatore de i Turchi, à conquistà la sità. I so soldài avaràve butà in aqua tuti i ogeti sacri e pressiosi. Per volontà divina la imagine galezando su l'aqua saràve vegnùa fin a Ciósa. Sto ritrovamento ne le aque sarìa in serto qual modo giustificà dal verseto 14 del salmo 76, che xe stà inciso pi volte nel corso del tempo, come pure nel 1812 sul fronton de l'altare: "Nel mare è la sua vita, e il tuo sentiero nelle grandi acque, ma le tue vestigia non si conoscono".
Artisticamente parlando, sto Cristo, secondo serti studiosi che l'à esaminà, a saràve 'na fusion tra el Crocifisso "renano e strasburghese", perché de stile renano xe la passionalità espressa nel viso, ma de scuola strasburghese xe la sàgoma curva de i brassi superiori de la crose, la forma de la corona formà da 'na sola grossa corda e i cavéi che ghe somégia a quei de serti apòstoli del portale ocidentale de la catedrale de Strasburgo. I crìtici concorde tuti nel fato che sto Cristo no sia sta scolpìo mondo prima del 1350-1360. Per finire 'na curiosità. Chi varda el Crocifisso da sinistra lo vede agonizante co la boca meza serà; chi lo varda da destra à l'impression che sto Cristo sia za morto.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Majo:

Editoriale
Leggi l'articolo Da la parte de mame e putini
Da i tremendi deliti de sti ůltimi tenpi parte un segnale preocupante da ciapare sul serio, prima che sia massa tardi
de Mario Klein
 
Cultura orale
Leggi l'articolo Na onza e meza de speranza
Da un insustoso sgrugnoto desbrocà fora da i denti in malo modo e co insolensa rabiosa, t'un logo pùblico pien de zente, xe nata l'ocasion de ficare el naso te na pelagnara, un inserto modesto custodìo con cura, come na risorsa pressiosa, ne le fameje contadine de na volta
de Dinerio
 
Tradission e folclore in Lessinia
Leggi l'articolo La festa de i tronbini
de Mario Galdiolo
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo El "Cristo"
a cura de Angelo Padoan
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Intorno al fogolaro
Ne 'e longhe e frede sere de inverno, al caldo del fogolaro se faséa filò
de Bepin Daecarbonare
 
Da S.Stefano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo El luamaro
de Antonio Corain