Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gigi Vasoin

Memoria viva

La fine amara de Lombardo della Seta
La casa a Padova dove che viveva la fameja della Seta. El scritore e umanista padovan xe deventà segretario del Petrarca. I ani de conpagnìa al Poeta a Arqua e a Padova. El grande sbalio fato contro i Carraresi

Quatro Ciàcoe
Un ritrato de Lombardo della Seta, fato da Altichieri de Zevio.
Go za contà su le pàgine de 'sta rivista che 'l Comune de Padova, dopo la costrussion del grandioso Palazzo della Ragione fra le do Piasse de i Fruti e de le Erbe, ga 'vudo el bon senso de capire i destini de la economìa de la sità. Fin da i tenpi lontani de l'Impero Romano, Padova gaveva la vocassion par el comercio e la gera stà bona de continuarla anca dopo le invasion de i bàrbari distrutori de tuto.
In te i primi trenta ani del 1200, el Comune gaveva disposto dentro al Salon, al piano tera, e intorno, ne le Piasse, i vari loghi del comercio. In 'sta maniera i padovani e i foresti seveva dove che i podeva senpre trovare el pan, el vin, la carne de tute le bestie, i pessi, i artìcoli de fero, de legno, de pano, de seda e via discorendo. Tuto gera al so posto, co 'l controlo del Comune che gaveva l'intaresse de contentare la so zente e, in te 'l stesso tenpo, gavere la conossensa de come che 'ndava la so economìa.
Più tardi, in te 'l 1300, ghe sarìa stà anca un grande movimento industriale, soto el governo de la Signoria Carrarese, in particolare de la lana e de la carta, fasendo de Padova 'na vera e propria potensa.
Fra la bontà e la inportansa de la nostra Università, la industria e el comercio, Padova sarìa stà ciamà la porta de l'Italia verso l'Europa Orientale. Purtropo, co' la vitoria de Venezia su Padova ai primi del 1400, la industria sarìa a poco a poco finìa ma el comercio sarìa restà vivo come prima, continuando in te i sècoli fin ai nostri tenpi.
Ma, tornando al discorso de prima de i vari posti de vèndita, dizemo che i artìcoli de seda vigneva tratà in quel canton de la Piassa de i Fruti dove che 'desso ghe xe el sboco de via Marsilio da Padova. In te l'àngolo fra via Marsilio e via Gorizia, ne l'àngolo che varda la Piassa, ghe xe 'na casa. El me amigo e bravìssimo studioso de i monumenti padovani, Andrea Calore, ga dimostrà che quea casa gera de Lombardo della Seta, scritore, leterato, studioso de l'antichità clàssica. Ma la razon più inportante de la so vita xe stà el fato de essare stà el segretario, l'amico e el confidente de Francesco Petrarca quando che 'l grande Poeta gera a Padova e a Arquà.
Parlando de la casa de Lombardo, che 'desso al piano tera ga 'na botega de capèi e che mantien solo in parte i caràtari de un tenpo, dizemo che, vardando la fassada da via Marsilio da Padova, ghe xe sora al pilastro de canton 'na targa a forma de retangolo co' el stema de la fameja, siè stele a oto ponte, prima tre, dopo do, dopo una. In te l'interno del capitelo del pilastro centrale del portego se vede "in rilievo un drappo di seta annodato nel mezzo".
La fameja della Seta che co' ogni probabilità ciapava el nome dal tipo de comercio che la faseva, doveva èssare de orìgine foresta, trapiantà a Padova da tanto tenpo. El comercio gera fato dal pare, Jacopo il Vecchio, po' dal fradèo Domenico e dal fiolo de questo, Jacopo il Giovane.
No se sa de sicuro co' precision quando che Lombardo della Seta gabia scominsià a fare el segretario del Petrarca. Serto che el Poeta, vignudo a Padova in te 'l 1349 su invito del Principe Jacopo II da Carrara e del Véscovo Ildebrandino de' Conti, xe stà in continuo viajo in Italia e fora fin al 1369. El ga 'vudo ne la nostra sità l'uso "vita natural durante" de 'na bea e grande casa drio al Domo (ancò ghe ne resta un tòco) e la nòmina de canònico de la Catedrale, che ghe dava ogni ano 'na rèndita de tanti schei. Xe stà in te 'l 1369 che 'l ga acetà de fermarse senpre a Padova, soratuto dopo che el Principe Francesco I da Carrara, dito il Vecchio, ghe ga donà tera e casa a Arquà.
Quatro Ciàcoe
Petrarca in un afresco in te la Sala dei Giganti. El Poeta xe visto nel so studio a Arquà.
Xe da pensare che, quando dal '69 al '74, el grande Poeta no' se ga mosso da Padova e soratuto da Arquà, Lombardo della Seta fassa sicuramente parte de la fameja del Poeta, che vedeva senpre la presensa de un vecio prete, del fedele servo Pancaldo, de altri do servidori e de 'na pìcola squadra de "copisti". Più tardi, a Arquà, se zontarà anca la fiola naturale del Petrarca, Francesca, el gènaro milanese e la nevodina Eletta, el nome de la bisnona.
Da i documenti, da i scriti xe ciaro che dal 1369 fin a la morte del Petrarca in te 'l 1374, Lombardo della Seta no' fa solo el segretario, ma anca l'amigo, el "colaboratore" del Poeta, che, più de qualche volta, lo ciama "figlio". Lo sveja a la matina, lo conpagna fora a passejare, el ghe fa da "copista", el conserva le so confidense, i so pensieri, le so intension; el ghe fa conpagnìa quando che, anca a note fonda, el Poeta leze e scrive.
Ghe xe un documento del giugno del 1370 che vede Lombardo della Seta quale procuratore del Petrarca, davanti a un notaio, che compra un tòco de tera a Arquà par zontarlo a queo che ghe gera za stà donà.
Man a man che ne i ani el Poeta sta pezo de salute, senpre de più se fa amorévole la cura che Lombardo della Seta ga verso de lu. Un ano prima el gera stà dà par morto, ma la forsa de la so "fibra" gaveva resistìo. Ma in te la note fra el 18 e el 19 lujo del 1374, i lo gaveva trovà morente co' la testa posà sul so lavoro; el gera drio scrìvare la biografìa de Giulio Cesare, el grande eroe romano.
Lombardo lo gaveva ciapà e portà sul so leto, ma el gera spirà fra i so brassi. Dopo el grandioso funerale fato el 24 del stesso mese, co' 'na partecipassion a altìssimo livelo del Principe Francesco I da Carrara, de i Véscovi de Padova, Vicenza e Verona, de i docenti e de i studenti de l'Università, de i dignitari de la Corte, de preti, frati, nòbili, popolani, Lombardo della Seta xe stà invità dal Principe a conpletare le do òpere che el Petrarca gaveva lassà sensa finirle. Se tratava del "De viris illustribus" un conplesso de trentasiè biografìe de grandi romani da Romolo a Traiano, e del "Compendis" de l'òpera principale. Le ga finie entro el 1379.
Lombardo della Seta in te i ani dopo, oltre a controlare le varie copiadure de le òpere del Petrarca, ga scrito un inportante tratato "De laudibus aliquot foeminarum gentilium aut litteris aut armis illustrium".
De Lombardo della Seta ne resta tre ritrati originali. El primo in te la splèndida Cappella di S. Felice de fronte a l'Arca de S. Antonio, fata dal scultore Andriolo de Santi e afrescà da i pitori Altichieri da Zevio e Jacopo Avanzi. I afreschi xe dedicà a S. Giacomo di Campostella, e in te 'l primo riquadro a sanca se vede el Petrarca, Lombardo della Seta, Francesco I e Francesco II da Carrara in te l'episodio quando Ramiro, Re de Leon, dopo aver sognà S. Giacomo, comùnica a la Corte che 'l conbatarà i Mori.
El secondo ritrato se trova in te l'Oratorio de S. Giorgio su la sanca, 'pena fora da la Cesa del Santo. La ceseta xe dedicà a S. Giorgio, S. Lucia e S. Caterina di Alessandria. I afreschi xe senpre de Altichieri da Zevio e Jacopo Avanzi. Su 'l muro de sanca, in te 'l riquadro dove se vede S. Giorgio che batiza Sevio, Re de Cirne, fra el pòpolo presente ghe xe el Petrarca e Lombardo della Seta, fassilmente riconossìbile parché el ga 'na tònega e 'na bareta bianca.
El terso ritrato del leterato padovan xe afrescà su 'l muro orientale de la Sala de i Giganti, che faseva parte de la stupenda Reggia Carrarese, quasi del tuto distruta dal picon venessain e da queo padovan. 'Na disgrassia!
Quando che in te 'l dissenbre 1388 i Visconti milanesi ga conquistà Padova, Lombardo della Seta ga fato un grosso sbalio. El se ga butà da la parte del traditore Bonifacio de i Conti Lupi di Soragna, che gera stà uno de i comandanti de l'esèrcito cararese e che se ga messo d'acordo co' i nemissi. Forse Lombardo pensava che i Visconti restasse par senpre a Padova. Ma in te 'l giugno de'l 1390 el Principe Francesco II Novello da Carrara co' 'na straordinaria e corajosa assion militare ga riconquistà Padova e la Signoria. Bonifacio di Soragna xe stà copà in duelo dal Carrarese e, co' razon, Lombardo della Seta xe stà mandà in esilio a Venezia, dove che 'l xe morto l'11 de agosto del stesso ano, forse de crepacuore.
El fiolo de Lombardo ga domandà de sepelire el corpo de so papà a Arquà, vissin al Petrarca, ma el Principe da Carrara ga dito de nò.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Giugno:

Editoriale
Leggi l'articolo Salvemo i zóvani!
Se continua a 'vere na vision inconpleta e na idea sbalià de i zóvani: no i xe el futuro, ma el presente del mondo!
de Mario Klein
 
Memoria viva
Leggi l'articolo La fine amara de Lombardo della Seta
La casa a Padova dove che viveva la fameja della Seta. El scritore e umanista padovan xe deventà segretario del Petrarca. I ani de conpagnìa al Poeta a Arqua e a Padova. El grande sbalio fato contro i Carraresi
de Gigi Vasoin
 
Da Belun
Leggi l'articolo Le me pedonade
de Luigina Tavi
 
Da Ìsola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo Nostalgìa che ricorda
de Gianni Fioretto
 
Da Verona
Leggi l'articolo La febre del "barachin"
"'Na quarantina de ani fà, al posto de quela de i telefonini e videofonini, scopiava l'epidemìa de i "barachini"
de Wanda Girardi Castellani
 
Da S.Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo A volèino fare i mecànici
de Antonio Corain