Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Renato Scarpi

Trieste austro-ungàrica in triestin

Un romanzo de Jules Verne

Quatro Ciàcoe
Lavandare al canale a resenzare la bugà. (da Un secolo fa, circa... de Pier Luigi Bagatin)
Se te vien sù da la calà de Marciori, te 'ncontri longo el canale, un bel filaro de plàtani che 'l finisse vizin al ponte de i Capuzini. Soto al ponte passa l'Adeseto che na volta gaveva i àrzari coerti de erba, ranpe de scaini par rivar a l'aqua e raquanti posti par tacar la barca.
A volte, quando torno da quele parte, me vien in mente ca sentivo, có jero pìcolo, el bacajare de le fémane che le 'ndava al canale a resenzare la bugà. Co in testa el fazoeto o un capelon de paja, le rivava a le tache più vizine, strapegàndose drio na sbrazà de nizòi o spinzendo un cariolon cargo de straze. Le se portava drio na masteleta par métarghe i pagni, na corda par sugare la roba lavà, le mojeche e raquante pèrteghe de legno. Dopo, le se meteva 'nzenocià su i scagni a sguaratare la bugà 'ndentro l'aqua, scanbiando de tanto in tanto qualche ciacoleta tra de lore. A la fine de la resenzada, le ciapava i nizòi e dopo averli strucà e 'npiroeà, le i meteva a sugare destirà su la corda.
La corda la jera longa e la podeva èssare ligà tra tre àlbori, distanti diese metri tra de lori, e la parte che faseva panza, par via del peso de i pagni, jera tegnù sù da le paine.
A chel tenpo vedevo tuto beo, e sti lavori i me pareva fati da zente contenta che pur lavorando, tra un scagno e chealtro, cantava e discoreva. Ciapà da la curiosità de savere calcossa de più sul lavoro de le lavandare, go sentìo me sorela, che più veceta de mi, la ga 'vù modo de lavare la nostra roba in te le aque de l'Adeseto. 'Desso ve conto quelo che la me ga dito.
"Dóncana, sora a la fornasela se ghe meteva un parolon, lo se 'npiniva de aqua ca se toeva da la ponpa più arente e po' se ghe zontava na parte de zénare. Par ùltimo, se 'npizava el fogo soto al gameon e cussì, bojendo, sta roba deventava lissia.
Da nantra parte se toeva un mastèo de legno che 'l gaveva un buso vizin al so culo, fato aposta par butar fora la lissia quando non la serviva più. Dopo, se ciapava la bugà che la jera stà bagnà co aqua freda, e la se destirava 'ndentro al mastèo, coaciàndoghe dessora un bugarolo. A ora de lissia parecià, manezàvino el parolon, stasendo 'tente de no broarse; robaltàvino el 'detersivo' dessora al bugarolo, de modo ca passasse solo aqua e non la zénare che la gavarìa sporcà la roba da lavare. La bugà staseva lì a ponsare par tuta la note e al dì dopo, rifasendo l'istesso lavoro, doparàvino nantro mastèo e ghe ficonàvino 'ndentro tuti i nizòi e straze, 'npinìndolo con altra lissia, che la gaveva più aqua che zénare. Non la jera miga finìa chì, parché se doveva tirar fora i pagni broà e lavarli co saon e co la brusca, tòco par tòco. Prima de finire sto duro lavoro che te rosegava le man, se toeva sù la bugà e se 'ndava al canale par resenzare la roba neta e destirarla su la corda parché la se sugasse."
"Boja de un can! I jera incuzìi pure assè!" go dito mi.
"Eh... dirìa de sì" dise me sorela. "Védito: tenpo 'ndrìo, d'istà, se faseva sto lavoro na volta ogni quìndase dì e in te la stajon bruta, passava anca raquanti mesi co la roba che se muciava senpre de più."
Scoltando le so parole piene de ricordi, rivedevo, destirà tra i plàtani, tele inpeneade da tanti colori, movesti dal vento, zente ca girava senza pressia, putini ca coreva su la strada e tuto par incanto deventava na festa.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Setenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo La colpa de èssare onesti
Ogni istà ga el so 'tormentone'. Quelo che st'ano ga inpinà le pàgine de i giornài e che ga fato ciacolare on pasto xe stà el sconto de pena par chi jera in preson
de Mario Klein
 
Storie estive
Leggi l'articolo Anguria, che passion!
de Maria Luisa Furin Zilio
 
Trieste austro-ungàrica in triestin
Leggi l'articolo Un romanzo de Jules Verne
de Luigi Perini
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Le lavandare del ponte de i Capuzini
de Renato Scarpi
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Fungomanìa
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo Aqua da tuti i cantoni
de Giacinta Dall'Ora