Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Trieste austro-ungàrica in triestin

Un romanzo de Jules Verne

Quatro Ciàcoe
El castel cinquecentesco de S.Giusto con, in primo piano, el colombo viagiator.
No sò se Verne in te la crocera del 1884 co la molie Honorine el sia sbarcado col su "yacht" Saint-Michel III anca a Trieste, al molo S. Carlo; ma lesendo el romanzo che 'l ga publicado l'ano dopo in 28 dispense dal tìtolo "Mathias Sandorf" presso el so editor e grande amico Hetzel, par proprio de sì. Infati el raconto scominzia da sto molo (quel che 34 ani dopo diventerà el molo Audace) e che l'ilustrator L. Benett ga disegnado per ben; no sò quanti triestini ghe gabi fato caso, qualchedun de i veci certamente, perché i me ga regalado una copia, de la quale parlerò. Bisogna dir che nel 1970 l'Editrice triestina "La Cittadella", atraverso i su colaboratori Carpinteri e Faraguna, la lo ga presentado col tìtolo "La congiura de Trieste, un giallo politico"; mi go in man, inveze, l'ùnica traduzion autorizada da sto incredìbile scritor che ga precorso le invenzioni de la tècnica, publicada da la Casa ed. Sonzogno de Milano, s.i.d., co na bela copertina che inlustra le più celebri òpere del Verne: la mongolfiera, un navilio, l'orso bianco, el razo; in prima pàgina se legi la dèdica de l'autor al fìo de Alessandro Dumas (Alessandro anca lu, come del resto su nono) per ricordarghe che 'l se ga mosso su la falsariga del paterno "Conte di Montecristo".
"Trieste (cusì scominzia el libro) è il capoluogo di quella regione che dicesi Litorale" e la xe fata de do cità diverse: la nova e rica Theresienstadt e la cità vecia e pòvera su i pendìi del Karst, "collinetta la cui cima è incoronata da una fortezza molto pittoresca." Sul molo, pien de gente, perché in quella parte dell'Impero Austro-Ungarico, differenti razze si trovano in contatto, tedeschi, slavi, italiani", andava su e zo do tipi, un poco mèjo vestidi de i altri, un tunisin, Sarcany, che sarà l'ànima nera de tuta la storia, e Zirone, un malandrino siciliano de poco conto; i do compari, senza gaver in scarsela un soldo per el pranzo, i se ga agirà per le piaze e per le spiage fin al "gran canale che attraversa Trieste, dove si agita nella furia degli affari, una popolazione di centomila abitanti d'origine italiana, la cui lingua, affine al dialetto veneziano, si mantiene inalterata". Certo no tuti xe richi come "quei negozianti inglesi, armeni, greci, ebrei che tengono il mestolo a Trieste", godendo "dei favori di un porto franco, felicemente disposto a fondo dell'Adriatico!"
Quatro Ciàcoe
El molo San Carlo, podopo Audace.
Dopo aver gironzolado per la piaza de la Borsa, che in quel momento stava serandose, vizin al Tergesteum "ove il Lloyd ha insediato i suoi uffici, le sue magnifiche sale, ove si apre il Gabinetto di Lettura, ove la Camera di Commercio vive", rasentando el Teatro Comunal, i xe rivadi in "Piazza Grande... presso il monumento di Carlo VI, che è abbellito da una sontuosa fontana", i ga ciapado el Corso fin Piaza de la Legna e, dopo aver girado intorno a la cesa de S. Antonio, i xe 'ndadi drento a la cità vecia. Vizin a S. Maria Maggiore, i do figuri i èvita el su albergo, per no incontrar el paron, che ghe gaveva fato credenza, e i riva su la teraza da dove "lo sguardo spazia, attraverso il golfo di Trieste, in alto mare; contempla il porto animato per il movimento dei battelli da pesca, l'ingresso e l'uscita degli steamer e delle navi mercantili; abbraccia la città intera"; podopo i riva "presso la cattedrale bizantina di S.Giusto". Là vizin, in un prà pien de piere butade su l'erba, i se senta su un grande roson romano e i scominzia a parlar del banchiere Silas Toronthal, ricatado da Sarcany per certi lavori sporchi che 'l ghe gaveva fato, ma che 'desso no 'l voleva più sotostar al ricato. In quel che i ciàcola, i vedi rivar un colombo, esausto da un longo volo, perché el xe un viagiator. El bilieto che 'l porta xe in cifra e qua scominzia el romanzo: el conte Mathias Sandorf che abitava in te la Transilvania, sai rico per el sfrutamento de le miniere de fero e rame su i Carpazi, restado da poco vèdovo co la fioleta Sava, el xe a capo de na congiura per la liberazion de l'Ungherìa da la corona absburgica; i congiurati xe sparsi per tuto el Paese e no se sa chi che i xe. Quei che tira le fila insieme col conte iera un lontan parente de i prìncipi magiari, el prof. Stefano Batory e Ladislao Zathmar, che meteva a disposizion de i amici la su casa insospetabile de via de l'Acquedotto; el bilieto del colombo dava istruzioni per l'insurezion, ma bisognava aver la "griglia" per decifrarlo. Sarcany, in combuta col banchiere Toronthal, che 'l sperava de diventar paron de i soldi che el conte ghe gaveva afidado, el se intrùfola in te la casa de Zathmar, el trova la "griglia" e, sperando in un guadagno, el denuncia el comploto a la polizia austriaca. Aresto de i tre congiurati (ma anca del delator Sarcany, che vien tegnudo a parte) che i vien portadi in te la forteza de Pisino e condanài a morte: Sandorf e Bathory i riessi a scampar per mezo de la corda de fero del parafulmine e i vien salvadi da un pescador. E qua no se pol contar tute le aventura che se legi in te le sinque parti del libro; venimo solo a la conclusion: passa i ani, Sava la fia del conte Mathias vien tegnuda prigioniera a Tripoli da Sarcany che 'l la vol sposar per aver l'eredità del conte che 'l credi morto e inveze Mathias Sandorf xe vivo soto altro nome e intanto el gaveva fondado una nova comunità ciamada Antekirtta. Noze fra Sava e Pietro, el fio del pòvero Stefano Batory, che 'l vien vendicado insieme co l'altro fucilado, Ladislao Zathmar.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Setenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo La colpa de èssare onesti
Ogni istà ga el so 'tormentone'. Quelo che st'ano ga inpinà le pàgine de i giornài e che ga fato ciacolare on pasto xe stà el sconto de pena par chi jera in preson
de Mario Klein
 
Storie estive
Leggi l'articolo Anguria, che passion!
de Maria Luisa Furin Zilio
 
Trieste austro-ungàrica in triestin
Leggi l'articolo Un romanzo de Jules Verne
de Luigi Perini
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Le lavandare del ponte de i Capuzini
de Renato Scarpi
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Fungomanìa
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo Aqua da tuti i cantoni
de Giacinta Dall'Ora