Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bruno Rossetto Doria

Da Maran Lagunare (UD)

Alessia

La Elda e la Carla... int'i ani Sinquanta...
La Elda e la Carla... int'i ani Sinquanta...
"Nona Carla, cónteme de quela volta che se ga roto el giasso e che deboto te te neghivi drento el canal."
"Ma, Alessia, te varo contò sta roba un miliòn de volte!" veva scumissiò contà Carla Regeni, l誕miga che dopo maridò Giancarlo, na finanza de Firense, la xe 地dada a stà par le so bande.
Come tanti maranisi anca la Carla e so marìo i xe rivài a Maran par vede la Trienale, la festa che ghe femo a la Madona. Xe rivada un saco de zente in sti zurni; de Curitiba del Brasil ghe ne xe rivài adiritura quatòrdese. Sul doman de la festa che Valter Colle, l誕migo dotor li ga 地tervistài, davanti la telecamera, duti i veva qualcossa de dì de la festa e del paese. Serti che gera tanti ani che no i vigniva a Maran i xe restài con la boca verta, vedèndolo cussì bel. Lassò int段 primi ani Sinquanta, colpa la miseria, i xe rivài de dute le bande del mondo, e duti i xe restài maravejài del grosso ganbiamento.
La Carla intanto che la parleva, ghe rideva i oci. Siben che la ga sol qualchi ano manco de mi, la par ancora na zoveneta. Forsi gera la contentessa de esse a Maran e de parlà con la so amiga Elda a daghe quel fà. Ogni tanto la ghe diseva a so marìo Giancarlo: "Gìrete de l誕ltra banda, parché ti no te pol conprende quel che provo in sto momento là."
Gera passài trentatrè ani, romai, de quela volta che la gera 地dada via de Maran. Parla e parla gerévomo cascài col discorso de quela volta che a sbrissolà sul giasso in meso 値 canal, la gera 地dada soto, e deboto Carla la se negheva.
"Gereva in tel sinquantassie, in quela volta che se gera ingiassò duto el palùo, che se podeva 地dà sbrissolando fin Lignan", vevo dito, vignùo inamente che, là in tel giasso, a sbrissolà sul canal davanti le A.C.L.I, quela matina gero anca mi.
"Vevo quìndese ani e, spiricolada, sfidevo i fiòi de chi che veva più corajo de sbrissolà più rente el canal, là, 地dove che 値 giasso el gera più fin. Ricordo che tignivo le calse de lana fin parsora i sdinoci, che vevo un per de scarpe fate de pèssa. Mancomal che savevo nuà ben, cussì, co se veva roto el giasso, nacorta che vevo perso na scarpa, spasemada parché el Ferucio el me varissi copò de pache, se la perdevo, me gero metùa a sbisighà soto aqua fin che la vevo trovada.
単ena fora a rispirà ricordo che valtre fiole gerivi drio urlà come mate, spasemòe. Sul molo i òmini i sigheva. Me sorella Vanda la pianzèva parché ogni volta che la proveva vignì ciòme ghe tocheva tornà indrìo parché el giasso el feva duto un scricolèo davanti de ela. El giasso el se ronpèva 恥ena che fevo par montà sora. Romai avilìa, stanca morta gero drio lassame 地dà co lo vevo tastò. Qualchidun el me lo veva sporto un remo, lo vevo vantò e tignùo strento con le man par paura de pèrdelo."
"Te lo veva slongò el Nelo Stabile Zanina. Mancomal che elo veva capìo co che serviva par gavate fora de là", veva dito la Elda.
"Ricordo che 恥ena sul molo la Mery Boscolo, pòvara, gavò el capoto bagnò che tignivo la veva metùo sora le me spale el suo. Col fredo che gera la gereva restada sensa par covèrzeme, dàmelo a mi. Dopo, invissi de 地dà a casa indrumàn, parché vevo paura de me pare Ferucio, gero 地dàda a casa del Nossente. Gavài i vistiti che tignivo intorno, l誕gna Salute la me veva metùo indosso quìi de so fia Alba.
A casa, rivada in càmera me gero metùa indrumàn soto le coverte. Tremevo de fredo e de paura. Serchèvo de fame corajo intanto che spetevo me pare. Me mare la gera in leto grando con me sorela Dorotea, che la veva el mal de pansa; 恥ena inacorta che gero là, la veva tacò a fame mile domande. Par ela gera na roba fora de regola, vedeme in leto a le quatro de dopo mesozorno. Povareta me mare, no la podeva savè co che me gera tocò, che in quel mentre gero drio spetà so marìo, che 値 veva de rangiàme parché gero 地dàda a sbrissolà in canal dopo che luel me veva pruibìo de 創dà. Soto le coverte tirevo le rece, e ogni rumor che sentivo schissevo i oci de paura, anca se i gera serài. Dopo... elo, sto qua el xe elo, me gero dita.
Parebòn gera elo. Co Ferucio el veva tirò in banda la coverta, no me pareva gnanca vero de vede quel muso bonaciòn che 値 tirava fora co 値 gera contento.
In man el tigniva na scuela de late sbrovente.
"Ciàpa, fia, e bivi che te fa ben", veva dito me pare sporzèndome el late caldo. Gera anca la grapa, drento. Bevevo e in sbighès lo vardevo. El me studieva, sìto. Qualchidun almoto el ghe veva contò che deboto me neghevo. Dopo bevùo el late gero stada subito ben. La grapa la veva fato un miràcolo, e a le oto gero za drento de Madeo, là, a vardà "Lassia e radopia" de Mike Buongiorno sensa tirà gnanca un colpo de tosse. Gnanca sul doman no go vùo tosse, nissun segno de rafredòr.
Me nessa Alessia la se la godi dute le volte che ghe conto robe mie, co ghe di-
go tropo che 知o tribulò de fiole, in quìi ani che a Maran... gereva bondansia de miseria."

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Parché sti fiòi no i cresse?
Eco on argomento che scota anca se no semo in piena istà: i fiòi no se la sente de nar fora casa, i preferisse restare in fameja. Dopo tuto, no ghe dispiase gnanca ai genitori!
de Mario Klein
 
Sbiansi de sagessa antica
Leggi l'articolo Mafalda, sfolata spavalda
de Dinerio
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Giulia Bigolina
de Arturo Baggio
 
Da la Marca
Leggi l'articolo Memorie de piera
de Emanuele Bellò
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Alessia
de Bruno Rossetto Doria
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Otobre: vin e cantina da sera a matina
de Enzo Coltro