Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

El mese del ricordo

Oreste el tegneva el simitero come un giardin...
Oreste el tegneva el simitero come un giardin...
Se tuto el nostro scrìvare e parlare (in particolare su sto mensile), no 'l xe altro che un ricordare perpetuamente un tempo e un vìvare cancelà, come se podarìa no ricordare quei che ne xe stà i più cari ne la vita: i nostri morti.
Questo, ne la nostra tradission, e anche in tante altre nel mondo, el xe el mese dedicà al so ricordo particolare: quelo de le singole persone e quelo de la intiera la comunità cristiana. Se dise anche che ognuno i so morti se li porta drio fin che 'l vive: la xe solo na sotolineatura de na verità.
La stajon la xe la più indovinà, la più propissia, par via de l'autuno, de tuta la Natura, che pare triste e malinconica anche par ricordare i defunti: "coloro che ci hanno preceduto nel segno della fede e dormono il sonno della pace." Credo che dal punto de vista religioso, parole più adate no se podarìa trovare. A proposito de parole, in tuta la baraonda giornalistica e televisiva che xe stà fata par la morte del tenore Luciano Pavarotti, un giornalista ga scrito, che a la so pìcola de tre ani, el gaveva dito: "Me toca andare par na turnée in paradiso, ma mi te speto là, come sempre, sentà su na panchina del parco co un gelato in man". Na inmagine poetica e umana che me xe restà dentro, anche se la fosse stà inventà dal giornalista.
La festa de tuti i Santi invesse, ne xe passà de corsa e magari sensa pensare che anche i santi fa parte de i morti. Na ricorensa, essendo i Santi quasi tuti estranei ai vivi, e za ne la gloria del paradiso, che xe andà via de tuta pressa a cavalo de i pensieri, portàndose drio solo qualche orassion in serca de aiuto. La ricorensa de i morti invesse vien celebrà, come ripeteva el povaro Oreste che ga fato el sepelitore, nel so simitero, e ga avù cura de i morti anche dopo la pension. Al so tempo le buse se cavava solo a man, col baile a feta dolce, quando la tera gera tenera, e col giasso d'inverno a colpi de picon, par rómpare la crosta. La zente lo ricorda ancora parché fin che el xe stà el responsabile a le dipendense del Comune, el tegneva el simitero come un giardin e sempre un par de buse pronte, in caso de ungenza. Dopo la pension el ga continuà a far visite al simitero par andare a trovare quei che 'l gaveva sepelìo, quasi tuti conossenti e tanti anche cari amici. Prima de èssare assunto dal Comune el gaveva fato el sagrestan volontario, e là, in sagrestia e in canonica da i preti, el gaveva imparà la devossion par i morti in genere e par le anime sante del purgatorio in particolare: potenti più de ogni altro santo par intercession.
El gera un tipo particolare, alto, robusto e sempre disponibile: un omo da nolegio, diseva la zente. No avendo na fameja sua el gera de casa in tute le fameje, pronto a dar na man ne i campi par ogni necessità, e più ancora in caso de malatie. L'unico in paese che come un infermiere el faseva le punture, co la siringa de vero e i aghi sterilisà su l'acqua de bojo. Lo gaveva amaestrà el farmacista e, secondo quel che riferiva quei che gaveva avù bisogno, el gera na bona man, leziera e veloce, co na passiensa granda co i putèi. Alora i paroci e i sagrestani andava a la serca, na sorte de questua anuale par le fameje a sostegno de la parochia. Oreste se provedeva un musso col careto e acompagnava, na volta el paroco e na volta el capelan, e sempre gratis (la gera la so oferta). Par tuto l'otavario de i morti, a quei tempi tanto partecipà, el ghe meteva de i lumini su le tombe che no li gaveva o gera abandonà. Lumini che lu se fabricava in casa co la cera che cascava da le candele in cesa. Na figura paesana come tante quela de Oreste, el cavabuse, una de quele che se nessun le ricorda le ga caminà su sta tera come na nuvola in cielo, sensa assar segno. A sto proposito vorìa dire, come ga osservà uno de i letori che me telefona, che tuti i ricordi va in desméntega, dopo na generassion o poco più. Na volta morti i familiari e qualche parente streto, basta, sparisse ogni ricordo, come la nuvola. E no se pol dir de no parché la xe la realtà del vìvare e de i òmani. Eco parcossa quei che scrive e mete ste figure ne le parole de un libro, de un mensile o dentro na poesia, lo fa parché i spera che sto ricordo possa durare un poco de più, se qualcun vorà andar a lézarselo.
E no xe solo par ricordare cussì, somariamente persone tante volte da poco, ma parché noialtri credemo, come i ne ga insegnà, che nessuna creatura ga vissùo inutilmente e tanto manco i òmani. Questi, par quanto miseri e incolti, ga sempre avù na so funsion, dentro la comunità ne la quale i se ga trovà a vìvare. E quasi tuti quei che vien ricordà, de solito, ne ga lassà un esempio da rivìvare, valido par tuti i òmani de bona volontà e de ogni tempo. Questo xe el motivo più importante del ricordo, dopo l'intimità de i afeti: riportare a la ribalta le virtù, i valori, morali, religiosi e sociali, che li ga fati distìnguare in vita e che pol tornare a farne scola. Ma a proposito de i nostri defunti, tuti quei che crede ne la resuression de i morti, come se recita nel Credo, ga na speransa in più: quela de poder rivédarse 'n'altra volta come su la tera.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Chi prima, chi dopo...
Se no se metemo in testa che tuto a sto mondo ga on principio e na fine, no saremo mai boni de 'bituarse a pensare a la morte. Senza sto pensiero, gavaremo senpre paura a vìvare
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo El mese del ricordo
de Ugo Suman
 
Memorie de na sentenaria
Leggi l'articolo La cusina de la bisnona
de Luigi Frosi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo La ceseta de San Domeni
de Maria Damonte
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo La patata mericana
de Sergio Bedetti
 
Da Verona
Leggi l'articolo Paolo Caliari, dito "el Veronese"
"L'è la... sentà sul scragno, in cao i giardini sospeso col dedrìo tuto da sanca come el gavesse un fià de mal de pansa o 'na çerta tension nel star sentado!
de Wanda Girardi Castellani