Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Maria Luisia Furin Zilio

Protagonisti de la scola

Na vita che sparsora d'amore

La maestra Maria Bonollo da zóvane tra i so scolari
La maestra Maria Bonollo da zóvane tra i so scolari
Rivare a çento ani, dopo ’ver insegnà par quaranta ne la scola elementare e, na volta in pension, par altri venti, fin oltre i novanta, a on grupo de ospiti de l’OPSA de Sarmeola de Ruban (el Cotolengo veneto), xe on fato più unico che raro. E chi xela sta persona straordinaria?
La se ciama Maria Bonollo, nubile, nata a Mestrino (PD), ùltima de sete fradèi, la ga dedicà la so vita ai altri: a la fameja, ai nevodi, e ai çentenari e çentenari de putèi ai quali la ghe ga insegnà a lèzare e a scrìvare. De caràtere forte, pretendeva prima da se stessa e po’ da i altri, la ’rivava senpre al scopo che la gaveva in testa.
Sobria, de poche parole ma de na umanità profonda, spece verso i scolari "meno dotati" da i quali la riussiva a tirare fora (infati educare dal latino ex ducere vol dire trarre fuori) quel tanto che gera necessario par non farli sentire manco de i altri. Al contrario de come me ricordo mi, che, có fasevo la quinta ne la me classe ghe gera la fila de i "mussi". Sta maestra, davero "grande", la ga messo in pratica quelo che ga scrito el famoso insegnante de retorica Quintiliano (35-96 d.C.) "Maxima debetur puero reverentia", al bambino si deve un grande rispetto.
La ga studià nel colegio de S. Croce de le Suore Salesie a Padova.
No la badava ai sacrifissi, difati la ’ndava scola tute le matine in bicicleta da Mestrino, fasendo 10 Km de andata e altretanti de ritorno.
Quatro Ciàcoe
La so prima sede de insegnamento xe stà Vipiteno (BZ), adatàndose a vìvare in on sotoscala. Benvolùa da tuti, la ga dovudo inparare el tedesco e ladino, la insegnava, però, in italian. Go leto la dichiarassion del 1934, rilassà da "l’Opera Nazionale di Assistenza all’Italia Redenta" che dise... "La signorina Maria Bonollo ha dimostrato non comuni attitudini didattiche e coscienziosità nell’adempimento del proprio dovere di educatrice." La ga insegnà anca a Trambache, Lissaro e, più de tuto, a Mestrino, el so paese. La Diretrice didatica Olga Zanetti, che go vudo anca mi, ne la relassion del 1959 su Maria, tra l’altro la scrive: "Influisce in senso positivo sulla formazione spirituale degli alunni. Ottimi risultati sia ai fini della formazione del carattere che quello della preparazione alla vita, proprio come l’antica massima: ‘Non scolae sed vitae discimus’, impariamo non per la scuola ma per la vita."
Dopo la pension, par altri vent’ani, la ga continuà la so opera educativa a l’OPSA dove, a on grupo de òspiti la ghe ga insegnà a lèzare e a scrìvare, a cusire e a ricamare.
Par questo, nel 1981, la ga ricevùo la targa del "Servire" da parte del Rotary Nord a Padova, nel corso de na cerimonia sènplice ma comovente.
El pàroco de Mestrino, Don Sergio, ne la Messa celebrà el 19 agosto passà, giorno del so centesimo conpleano, ne la cesa stracolma de zente de l’OPSA, dove la xe òspite de tre ani, el ga sotolineà el dovere de ringrassiare el Signore par el dono grandissimo de la vita, insieme a la maestra Maria, che la xe stà on dono d’amore par tante e tante creature.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Par conbàtare sta crisi...
Capi de Stato, presidenti, ministri, papi, premi Nobel, esperti de economia: tuti i zerca el ponte d’oro par passare de là del fosso. Nissun pensa e parla... de farse na puntura de esperienza e de tradizion popolare...
de Mario Klein
 
Protagonisti de la scola
Leggi l'articolo Na vita che sparsora d'amore
de Maria Luisia Furin Zilio
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo Quei che vive al de là de la vita
de Ugo Suman
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Poareti ma larghi de mànega
de Renato Scarpi
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Che belo el tenpo "dei Morti"
...L’autuno che ne dava el vin novo e tanti fruti, gera benedìo...
de Bepin Daecarbonare
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo El diploma de "Nono Felice"
de Enzo Coltro