Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

La santa Providensa

Có se dise la Providensa... mi tegno senpre vardà la Rita Levi Montalcini: 100 ani el prossimo 22 aprile...
Có se dise la Providensa... mi tegno senpre vardà la Rita Levi Montalcini: 100 ani el prossimo 22 aprile...
La zia Margari (che se ciamava Margherita) par ricordare che se usava la abreviassion de i nomi anche ne le campagne de quel tempo el 1918. La Margari, alora, apena xe finìa la prima guera mondiale gaveva quarant’ani; la gera ancora nubile e convinta, come tanti altri del resto, che la santa Providensa fosse na santa, come santa Rosa o santa Barbara. El prete, che conosseva sto crédare balengo, el gaveva el so bel da fare a spiegarghe, dal pùlpito tute le domeniche che la Providensa el xe Dio stesso, e no na santa qualunque da portarghe na candela. Solo che come adesso, anche alora, ghe gera zente testarda che no ghe credeva gnanche al prete, se sta devossion ghe la gaveva insegnà so nona. "Se me nona Lorenza, me ga insegnà a pregare la santa Providensa, vol dire che va ben cussì, el prete pol dire quel che ’l vole."
Segno del tempo e de i tempi anche parché i òmani xe sempre stà uguali anche se adesso i sa le lingue foreste. Ma fora da ste ciàcole de introdussion, par noialtri che savemo che la Providensa no la xe altro che Quel che move el sol e le altre stele, come diseva Dante ne la so lingua, se dovarìa riconóssarla e ringrassiarla più spesso, e ricordàrsela anche, specialmente quando la ne va ben e magari ghe demo el merito a la fortuna. "Quella che gli uomini non di rado chiamano fortuna, fa sempre parte della Provvidenza, come tutto il resto, anche se a volte ci dispiace." Lo ga scrito el cardinale Pacelli, su un giornale catòlico de l’època, prima de diventare papa.
E pensare che tuto sto discorso xe nato da na telefonata da Milan da un me compagno de le elementari, che ga nome Andrea, che ’l xe andà a Milan dopo la guera e ’l se ga laureà, el ga fato cariera, diventando docente de Storia a la Catolica de Milan. Adesso el xe in pension e ridoto su na carossela, par diverse malatìe che lo ga tormentà. Posso dire che l’è stà l’unico de quela quinta B col quale semo stà sempre in contato, magari na volta l’ano quando el vegneva da i parenti. El leze sempre el me "Orto de Casa" sul Gazetin tramite internet, e qualche volta el me telèfona. Stavolta el lo ga fato par ricordarme che, quasi tuti de quela quinta gera del 1929, "... ma in sto mese e ne lo stesso giorno, solo mi e ti compimo i ani: stessa classe, stesso mese, stesso giorno, e tanti auguri."
So papà gera morto in guera e so mama ga trovà un lavoro a Milan da na sorela, el xe andà via dopo le medie e basta. Quando la parlava del so Andrea. so mama diseva che el ghe voleva cussì tanto ben che no ’l se ga gnanche sposà. Morta so mama el vive in un Istituto Universitario par ex docenti non autosuficienti. El ga volesto ricordarme, par filo e par segno, un particolare che me gavevo desmentegà no sò da quanto. La nostra maestra inamorà de la poesia e de le stajon, la ne faseva imparare na poesia par ognuna de queste, e par el mese de Marso: "La primavera vien danzando..." "Prima la ne la faseva scrìvare in bela scritura e dopo imparare a memoria e recitarla ‘co grassia, sensa scapussare su le parole’, come la ne diseva. Quela volta, nel marzo del 1940 te ghè vinto ti, te lo ricòrdito, Ugo? La maestra gaveva finìo i penini che la regalava de solito al più bravo, e la te ga donà na caramela a l’anice. Tornando al banco te ghè dà sono na snasada e, sicome a ti l’odore de l’anice no te piaseva, te me la ghè regalà a mi, che me la so’ magnà de scondon da la maestra. Te lo ticòrdito o nò?"
So’ restà muto, non solo pensando al ricordo, ma pensando a lu che gaveva avù sto pensiero gentile. Go risposto de sì, go ricambià i auguri e go domandà da ebete: "Come se sta a otant’ani a Milan?" Andrea se ga messo a rìdare come da bocia e el me ga risposto: "La Providensa!, Ugo, la Providensa! Semo ancora vivi e drio parlarse, bisogna che la ringrassiemo. Qua co mi che xe persone che xe stà de i luminari ne la so materia, che ga scrito libri, che ga preparà la tesi de laurea a sentenari de studenti e adesso no i sa gnanche de èssare al mondo. Qualcuno de quei che gavemo lavorà insieme na vita ne la stessa Facoltà universitaria, no me riconosse più, el me confonde col bidelo o co un so alievo. Semo fortunà, Ugo, che se parlemo ancora e podemo ricordare, el nostro tempo: ringrassiemo la Providensa. Ciao, Ugo! Me fasso sentire mi, no preocuparte."
Go risposto un ciao fiapo parché gavevo un gropo in gola. E pensare che Andrea el gera el più bravo de tuti a saltare la cavaleta, quando zogàvimo nel cortile durante la ricreassion el saltava cussì in alto che pareva che ’l volasse e adesso, da na carossela, el schersa ancora, ringrassiando la Providensa. El ga fato in tempo a dirme anche che: "Secondo le ultime ricerche sientìfiche, la media de la vita umana, se ga slongà e ga paregià co quela de le done: otanta ani e sette mesi par tuti. Ne resta pochi mesi de vita, secondo la media – el ga concluso, ridendo – ma mi tegno sempre vardà la Rita Montalcini, no se sa mai..."

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Basta violenza su le done!
Xe ora de inpegnarse tuti par far cessare la straje e la violenza contro le done,a partire da quela che ghe procura dani e soferenze fisiche, sessuali e psicologiche, in casa e fora casa. Xe ora de afrontare el problema seriamente!
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La santa Providensa
de Ugo Suman
 
Cultura orale
Leggi l'articolo No xe custion de fame
de Dinerio
 
Storia e Leteratura (in triestin)
Leggi l'articolo Isabella Teotochi Albrizzi e Melchiorre Cesarotti
de Luigi Perini
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo El primo zorno de Quarésema
de Maria Damonte
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo A marso in Bragonza
Belesse naturali da gòdare e, soratuto, da protègere
de Bepin Daecarbonare