Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Maria Damonte

Da Maran Lagunare (UD)

Le “Puppen”

Le “Puppen” nel museo de Linz.
Le “Puppen” nel museo de Linz.
Tenpo fà son stada invitada da ’na me cusina, maranese doc sposada a Linz (Austria) e ben volentieri go acetò l’invito, sicura che varissi visto robe de interesse, che le varissi aiutò el ricordo ne le longhe e noiose zornàe de l’inverno. Oltre che a le belissime cese, la me ga portò a festegià el 25º ano de ’na Galeria d’Arte a Traun.
I responsabili par sta circostansa, oltre che al ricevimento, i ga fato a la fine anca i fughi artificiài, che i me ga fato ricordà quìi fati a Maran l’ano passò in ocasion de la festa “Trienal”, ne la sera del 15 Agosto. Semo stàe anca a teatro, ’ndove che xe stò rapresentò ’na parte del programa de Otobre, e de i misi del 2011. Me ga fato vignì i sgrìsoli a sintì tochi de opere de Puccini cantàe in talian; el coro del “Trovatore” co le so vose elte e armoniose le riveva al cuor emossionàndolo fin a le làgreme, parché la vera arte questo la riessi a fa. Savendo che me piaseva le pipine (che par esigenza ciàmarò bànbole) e che me varissi fato piasser, me cusina la me ga portò anca a vede el musèo de le bànbole, che in todesco le vien ciamàe “Puppen”. Sto qua el xe stò alestìo da la siora Grete Temper, che par ben 30 ani la ga colessionò (conpràndole) più de 300 bànbole, la magior parte antiche, fin a rivà a la moderna Barbie che nel 2009 la ga festegiò i so 50 ani de vita. La siora elta e bionda, nel spiegà le diverse varietà de le so creature, la parleva todesco, a parte le informassion de me cusina, có son tornada a casa go vesto el desiderio de documentame su sto argomento e sintetisàndolo penso de contà sensa pretese quel poco che go inbastìo.
L’origine de le bànbole la xe antica; par che le sia stàe creàe par fini religiusi, infati le vigniva scolpìe col legno o ne l’osso, par donale a le varie divinità come ex voto. Le prime bànbole le vigniva fate co l’argila cota, o cera, e le rafigureva done non più zòvene.
Le bànbole confezionàe dal grupo “Mamma Margherita” (2009).
Le bànbole confezionàe dal grupo “Mamma Margherita” (2009).
Nel 1780, un talian de nome Domenico Pierotti, el verzi in Inghiltera la prima fàbrica artigianal de bànbole. Le prime in porcelana le xe stàe fate nel 1800, ma gran successo le lo ga vesto nel 1840, quando la porcelana bianca non ancora smaltada la vigniva cota do volte, invesse de aplicà el smalto al secondo fogo. I lineaminti i vigniva realisài a bassa tenperatura cussì de otignì un risultato più natural; sta lavorassion la vien ciamada “biscuit”.
In Germania e in Francia gera i più grandi produturi de ste bànbole, in Francia de tanto bele che i le feva le vigniva ciamàe “Le Parigine”; par la ricercatessa de i particolari e par el so modo de vistì le deventeva anca manichini par provà abiti, cavì e gioièi par la corte de i regnanti. Le bànbole in porcelana o in ‘biscuit’, le gera destinàe a fantuline de alto rango, parché dotàe de un coredo fato de àbiti che i veva un costo piutosto elevò.
Più ’vanti nel 1880, Emile Jumeau, el riessi a produse 10 mile bànbole a l’ano dute de porcelana: ste qua xe le più ricercàe da i colessionisti. Dopo la guera, nel 1919, a Torin, la siora Elena Konig Scavino la se miti a fa bànbole de stofa co le teste e le man tignùe da un fero sotil: ste qua le xe deventàe famose col nome de la marca “Lenci”. ’Desso torno al museo de Linz, parché voi parlà de un ziogàtolo par fiòi che ’l me xe stò inpresso. Sto qua xe un vero altar col prete che ’l fa messa, conpleto de ogni ocorente, duto in dimension pìcole, pìcole. A fine visita un altro ricordo bel che me xe restò, xe de ’na banboleta vistìa a la francese che ’na volta caricada col spartito davanti, la suneva el violin.
A la fine de duto sto raconto voi mensonà el grupo maranese ciamò “Mama Margherita”, conposto da done de bona volontà che le lavora squasi duto l’ano, confessionando, el più de le volte ricamài, biancherìa, induminti e robe varie utili per la casa. Forsi le bànbole sora citàe no le ga paura de confrunti, ma anca nel nostro grupo xe man che confessiona bànbole porta-sachiti: ste qua de la foto le xe stàe realisàe l’ano passò. E pensà che ’l muso el xe de stofa, i oci xe do botuni, l’espression ghe la ga dada Elisa, ghe xe bastò vè ’na pena rossa e una negra in man e la so bravura, par daghe ’na bela espression; posso dì co sicuressa de causa che ste bànbole le xe stàe tanto apressàe. El ricavò de la vendita el vien devolùo ai nostri do Missionari Maranisi che i ne rapresenta in Africa e in Brasil, ’ndove che i porta el messagio evangelico, testimoniando co la vita.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Largo ai zóvani!
Giusto: el futuro xe de i zóvani! Ma bisogna che no i pretenda de fare solo de testa soa, ignorando l’insegnamento de chi ga za caminà so la strada maestra de la vita
de Mario Klein
 
Memoria viva
Leggi l'articolo La sità e la canpagna de più de un secolo fà
’Na sera passà a filò co’ i contadini. La me stupida osservassion che ’l leto gera fredo. El Papà me conta la situassion generale de sinquant’ani prima
de Gigi Vasoin
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Sanremo! E l’Italia cantava
de Gemma Bellotto
 
Da la Marca
Leggi l'articolo Freya Stark
l’ultima regina de Asolo
de Emanuele Bellò
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Le “Puppen”
de Maria Damonte
 
Da S. Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Le lasagnone
de Antonio Corain