Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

Sanremo! E l’Italia cantava

Du “fiuri” de i Sanremo passà: Sergio Endrigo, Adriano Celentano.
Du “fiuri” de i Sanremo passà: Sergio Endrigo, Adriano Celentano.
Torna el Festival de Sanremo! Sentendo sto discorso, quasi quasi, me son sentìa na spece de contentessa in tel core. Dopo on ano de discursi, de notissie brute che piovéa da tute le parte, beh! eco che finalmente se gavarìa sentìo parlare de musica e de cansonete: Sanremo! E subito me son butà, colgà, dirìa me nono, drento in te on celo celeste ricamà de musica. E gera come se dopo piovesse zo da le nùvole, trovàndome a noare in te on mare de ritornèi cantà a vosse alta, sberegando a pi no posso, col core pien de contentessa, de voja de vìvare. Sì, co la spensieratessa, de quee che solo i ani pi verdi, pi bei sa darghe a tuti.
Le canson e la musica xe senpre stà par mi na roba inportante, quasi s’a fusse cressù co pan e cansonete. Sanremo po’, che go scoperto on dì có gera proprio in tel tenpo de i sogni, eco che me ga fato subito inamorare. Me muciava i pochi schei de mancia e me faseva portar casa da on toso che ’ndava a studiare a Este in bicicreta, el libreto co tute le canson stanpà insima. Cussì, al momento de la prima serata che scumissiava el Festival, gera pronta a cantarghe drio. Anca la me fameja canterina de oto persone, gera schierà davanti a la television. E in sto momento me par de védarli tuti, là rente al fogolaro, la mama, el popà, el zio, le do zie e noantri tre tusiti che se ghe saltava ’torno.
Ècolo el momento de la canson pi bea, che tuti insieme se ghe cantava drio: “Amore ritorna, le colline sono in fiore, ed io, amore, sto morendo di dolore…” Ma eco che ghe ne rivava nantra ancora pì bea: “Ho preso la chitarra e suono per te, il tempo di imparare non l’ho e non so suonare, ma suono per te. La prima cosa bella che ho avuto dalla vita è il tuo sorriso giovane, sei tu. I prati sono in fiore, sorridi anche tu…” “Che bela! Che bela!” diseva popà e le zie gera d’acordo. Anca la mama, che la parlava poco, se zontava al grupo. Eco on altro momento, regalo de la me memoria: Endrigo che cantava “Partirà, la nave partirà, dove arriverà questo non si sa. Sarà come l’Arca di Noè…” Canson cussì sènplice e alegra che el dì dopo tuti la cantava. Eh sì, parché a chel tenpo tuti cantava ste canson, anca par la strada: el fornaro, el pessaro, el moeta, el gainaro che passando de casa in casa, co le so bicicrete i sercava de ciapare qualcossa par tirare avanti la vita.
Nantra canson de Endrigo che me trovo in te la mente la xe: “Io che amo solo te, io mi fermerò e ti regalerò quel che resta della mia gioventù…” “Quanta poesia! Quanta dolcessa! Che melodia!” diseva el popà che in te chel momento el gera drio ’ndare in leto e el se gavéa fermà proprio lì, co la manilia de la porta in man, incantà a scoltare.
Ma in te la me folà de ricordi eco che riva Antoine co la so canson. Seco, alto, co i bafi el se gavéa ciapà la sinpatìa de la zia Mània. “Sirà parché el ghe someja al so moroso vecio, morto in guera” la toleva in giro la zia Gilda, tanto pi zóvane e l’ultima de la coà de oto fradèi, se no sbalio. Ma la zia Mània se dava on scorlon in te le spale e la cantava drio a sta canson: “Se sei bello ti tirano le pietre. Se sei brutto ti tirano le pietre…” e se rideva tuti in conpagnìa, prunti l’ano dopo a scoltarlo cantare: “E per colpa di una sottana ho perduto la tramontana…”
Quante canson, gente, ano dopo ano, se ga scoltà. Mi oltre che de Endrigo, gera inamorà de Claudio Villa, e me lo vedo in chela sera che le amiratrici da l’entusiasmo le lo ga tirà zo dal palco, in mezo ai fiuri. E Achille Togliani con la sua: Signora di trent’anni fa…” E la Milva col so vestito bianco, che la cantava: “Vieni a vedere il mio mare, io lo tengo nel cassetto…”
Modugno po’, el me incantava. Le so canson gera tute bele: “Ciao, ciao, bambina” la riussiva a farme sognare. “Nel blu, dipinto di blu…, L’uomo in frac…, ecc.” No parlemo po’ de Celentano (la me passion) co i so “Ventiquattromila baci … Sta lontana da me…” che me piaseva proprio tanto. E chissà come, me salta fora da on canton de la mente on ritornèo che dise alegramente: “Aveva un bavero color zafferano e la marsina color ciclamino…” No me ricordo pi chi che lo cantava alora. E subito nantro: “Lei aveva un mazzolin di fior e le fragole nel cappellino, ogni fragola un bacin d’amor, ed il tempo volò…” Sì, questa che ghe piaseva tanto a la zia Mània, la cantava Aurelio Fierro.
Ma, e la Cinquetti? Col so museto neto, che cantava, quasi a fil de vose: “No, non ho l’età per amarti…” incantando tuti, anca la giuria che ghe gavarìa dà on primo premio. E la Nada, anca éa pìcola, co pochi ani vojo dire, che la cantava cussì ben: “Ma che freddo fa…” da sentirse i sgrisoluni de fredo, basso par la schina. “Che brava” diseva anca la mama che in forsa de védarne noantri tuti eletrizà, la gera deventà na esperta de canson anca ela.
Mi no posso de serto cantare in te ste righe tute le canson che me ga emossionà in sti tanti Festival de Sanremo che go seguìo, posso però dire che in fondo no l’è stà tenpo sprecà, questo de cantare, anzi mi credo che i sia stà momenti vissù ben, in alegrìa. E in chel tenpo la gente cantava, tuta l’Italia cantava le cansonete del Festival.
’Desso, no se canta, no se ride, no se dise pi “grassie”, no se saluda la gente par strada. Dove xe ’ndà la creansa, la sensibilità, l’intaresse par el beo de sta nostra vita cussì pressiosa? Dove xele le canson e cossa xe che le dise? Dove ze le musiche, le paròe de amore, de sentimento che ne insucarava el core?
Saro i oci e vedo tuta intiera la me fameja ’torno el fogolaro che la canta: “Vola colomba bianca, vola…. Nel blu, dipinto di blu, felice di stare lassù…”

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Largo ai zóvani!
Giusto: el futuro xe de i zóvani! Ma bisogna che no i pretenda de fare solo de testa soa, ignorando l’insegnamento de chi ga za caminà so la strada maestra de la vita
de Mario Klein
 
Memoria viva
Leggi l'articolo La sità e la canpagna de più de un secolo fà
’Na sera passà a filò co’ i contadini. La me stupida osservassion che ’l leto gera fredo. El Papà me conta la situassion generale de sinquant’ani prima
de Gigi Vasoin
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Sanremo! E l’Italia cantava
de Gemma Bellotto
 
Da la Marca
Leggi l'articolo Freya Stark
l’ultima regina de Asolo
de Emanuele Bellò
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Le “Puppen”
de Maria Damonte
 
Da S. Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Le lasagnone
de Antonio Corain