Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Romano Beltramini

“La Sguaratà” - Ciàcole adriote

Piero “Càncaro”

Piero (ne la foto con Romano Beltramini) el gera pìcolo de statura e bruto, tanto bruto da meritarse la nomenaia de “Càncaro” da parte de i so amici.
Piero (ne la foto con Romano Beltramini) el gera pìcolo de statura e bruto, tanto bruto da meritarse la nomenaia de “Càncaro” da parte de i so amici.
Nel Dicenbre 2010 emo portà via Piero ”Càncaro”. El so nome vero, Piero Natale Trombini, classe 1941, morto el 22 Dicenbre 2010. Sessantanove ani de onestà, de bontà, de sinpatìa. La cesa gera piena; ghe gera fin tre sìndaci de aministrassion passà e el finanziere Mattia Mincuzzi, co la generosità e afeto ca lo ligava a Piero da ormai qualche ano, el ga dedicà na bela gratulatoria funebre a fine messa. E dizemo che Piero che el gera pìcolo de statura e bruto, tanto bruto da meritarse la nomenaia de “Càncaro” da parte de i so amici, soranome che lu l’aveva acetà co spirito de sinpatìa, scalsando el so cognome per acetare el novo apelativo.
Vegnù a sonare, un giorno, a casa mia, a la richiesta de me muiere “Chi è?”, l’aveva risposto “Piero, signora, so’ mi, Piero Càncaro.” El viveva co modestia ma co onore sensa fare malegrassie a nessun né malani controlege. No ’l vantava schei o patrimoni. Solo ’n apartamentin a le case popolari del quartiere “Ciapara”, lassà da i genitori e usà da lu per grassia anca de i fradèi e sorele che i ghe voleva tanto ben. Ma, ghe ne volévino tuti. Piero “Càncaro” se spesava col conprare e véndere ogeti sènplici e co na modesta pension. Ghe piaseva el goto che, de serto, lo aiutava a no pensare a le dificoltà de la vita e de la so solitudine. Có ghe sucedeva de alsare el gunbio, te lo vedevi trabalare per strada fin che el rivava a casa.
Piero, se ciamà, el svodava le vece case a la morte de i ultimi proprietari e el ghe n’aveva fato mestiere, tanto che el gaveva un pìcolo mezo e, dedrìo, el gaveva tacà el cartelo “Se hai qualcosa che t’intriga, chiama Piero che ti sbriga”, distribuendo, po’, per tuta Adria, el so messagio. No senpre le case, le sofite e le cantine, gera nete, né mancava ingrati roditori tanto che el m’aveva cuntà de avere svodà na casa dove viveva, in miseria soma, un poro omo solo. L’aveva trovà ”boca mia, cossa vòto” e, po’, l’aveva sentì supiare e l’aveva visto do grossi oci ca lo vardava. Co rapida mossa el gaveva fugà drio un tòco de legno, copando na pantegana grossa, dizeva Piero, come un bosgato. Quelo che el trovava de recuperabile el lo rancurava ricavàndone qualche magra palanca. El se prestava per piasseri e pìcoli servissi e, un giorno, i gaveva domandà de fare de le fotocopie. Lu el gera andà, per ne spèndere schei, in Comune a l’uficio associassion dove, in te l’atrio, ghe gera la fotocopiatrice in uso ai diversi sodalissi. Piero aveva tacà el so lavoro, peraltro, sensa permessi e, quando na inpiegata gaveva domandà cossa che el faseva, lu, pronto, el gaveva risposto che i lo aveva ciamà per giustare la fotocopiatrice e che el gera lì proprio per quelo.
Nel pien de i festegiamenti estivi de “Adria d’Estate”, in tel Canalbianco ca traversa la cità e Piero conpletamente vestì e sostegnù da qualche onbra, no ’l gaveva pensà sù do volte e, pur no savendo nodare el se gera butà, salvà, po’, da du adrioti, Marco Gorda e Ruggero Giribuola che i se gera subito butà in aqua per tirarlo a riva. Moio, infredolì, no l’aveva voludo né l’anbulansa né dotori né ospedale e i l’aveva assistì solo co pani e coverte.
“Sti politici i fa schifo” el me cuntava e, a le ùltime elession comunali in tel 2009, per scherso, el se gera candidà a Sindaco e in tel 2010 l’aveva ripetù la sèna per ’ndare a palasso Balbi co le regionali formando la so ”Lista Càncara” sostegnù da na parodia fotografica realizà da Mattia Mincuzzi, esperto fotoamatore oltre che finanziere. Co slogan ”Vota Piero Càncaro”, co tabloid e propaganda el se gera fato fotografare co tuti i candidati sìndaci de le altre liste e l’aveva esposto le so fotografìe, richiamando la sinpatìa de tuti e otegnendo anca più de qualche voto! No mancava i so boni programi, se eleto, come quei de sistemare le piasse co fontane e fiori in Adria, de drissare la goba del ponte Bettola sul Canal Bianco, vera oferta de incidenti per le màchine, de darghe un posto de lavoro a tuti i povriti ca domanda la carità per strada, de sistemare el Teatro Comunale e la so piasseta e de giustare i marciapié che, fati novi da qualche ano, i é za tuti a remengo co gran strussio, dizeva el candidato Piero “Càncaro”, de i nostri schei, anca se lu, in verità, el ghe n’aveva pochi.
Da quasi un ano Piero gera dimagrì in modo inpressionante. Ricoverà in ospedale i gaveva trovà uno de chi soliti maledeti mali. Lu no lo saveva, per fortuna. L’aveva inputà tuto al bévare e, lassà vegnere fora per na breve licensa, no ’l tocava più vin tanto ca me fermava, có lo vedeva al bar col so goto de aqua davanti. “Come vala, Piero?” “Eh… a te vedi ca me so’ messo in riga. Grassie, sa, a te voio ben perché a ti è proprio un amico.” El m’aveva cuntà che so sorela, ca stava a Cavarzere, la gaveva domandà de conpagnare so nevoda a l’altare per el matrimonio. “A go dito de sì, ma ne l’aveva mai fato. Po’, a l’ò conpagnà, tacà a brasso, in cesa e a ghe l’ò consegnà al moroso che el spetava vissin al prete. A go dito: – Eco qua, e ’desso, tòtela e ne sta’ più rónpere i …”
El gera s-ceto, el gera spassoso. Rientrà in ospedale el spunciava i infermieri perché i fusse alegri e no i gavesse el muso da pesson. El ne gera più vegnù fora se non per el so funerale. Poro Piero, a te gavaremo senpre in tel cuore e, ’desso, é sicuro ca te te trovi in te la luce del Signore perché a te geri un’ànema serena e che, co umiltà, onestà e senplicità, te savevi trasmétere bon umore e sinpatìa a tuti.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Calcossa deve pur canbiare
No xe nostra abitùdine tratare, so ste pagine, argomenti de tipo polìtico, econòmico o inteletuale ma, davanti a la brentana de manifestazion de protesta come quele che se sta fasendo in sto periodo, no ne pare giusto far finta de gnente e girarse da chel’altra parte
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo Le anime vaganti
de Ugo Suman
 
Patrimonio de arte e de fede
Leggi l'articolo L’Eremo dei Romiti
de Daniele Marcuglia
 
“La Sguaratà” - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo Piero “Càncaro”
de Romano Beltramini
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Tunpinare e cassavidi
de Sergio Bedetti
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo El portegheto
de Luigi Ederle