Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Renato Scarpi

Da Lendinara (RO)

Xe senpre festa quando sona la Banda çitadina

La Banda de Lendinara el 25 aprile 2010 a la parata per la “Festa della Liberazione”.
La Banda de Lendinara el 25 aprile 2010 a la parata per la “Festa della Liberazione”.
El “Corpo Bandistico Città di Lendinara” a le celebrassion del 2 giugno 2015, in colaborassion col Gruppo Risorgimentale e con la Scola Elementare.
El “Corpo Bandistico Città di Lendinara” a le celebrassion del 2 giugno 2015, in colaborassion col Gruppo Risorgimentale e con la Scola Elementare.
“… Esiste più la banda çitadina, direta par vent’ani da Palaro, cussì brava, da i piati a l’ocarina, da bàtare anche quéa de Castagnaro?...” (Angelo Rasi)
Alora dovì savere che dal 1859, ano de inaugurazion de la Società Filarmonica, par strumenti a arco e ramo banda, a Lendinara, la Banda la se sente stronbazare par strade e piaze. Che la sona arie reijose, oparìstiche, sinfoniche, marcete, la porta senpre in chi la scolta, un senso de frescheza e alegrìa. Gera squasi ’na rarità avere ’na Banda in zità al tenpo ca ne comandava i ’Striaci, parchè durante la so parmanenza in Polesine, i gaveva proibìo a le Bande municipali de sonare. Da ’na nota de archivio, inveze, salta fora che el Comune partecipava al so finanziamento, co 245 fiorini anui. Comunque spetava solo a quele militari l’onore de sonare inte i concerti pùblici e che, solo co l’arivo de i Francesi sto divieto xe stà tolto, consentendo cussì a la nàssita de nove formazion bandistiche municipài, in tuta la provincia de Rovigo. Un ricordo caro ligà a sto grupo musicale lo tegno drento al cuore, quando da picinin, ani ’50, me popà me portava in piaza Risorgimento a scoltarla. A chel tenpo no capivo cossa che i sonasse, ma sta de fato che gera belo star lì vizin a lu, co le me man a strènzare le sue.
Sfuregando tra i veci ricordi e che riguarda la Banda, me vien inamente el palco de legno sistemà in piaza, fato a fero de cavalo, sul quale ’na sessantina de òmani, co i so strumenti slusenti, i andava drio a la bacheta svolazante del mestro. Da le tronbe, tronboni, clarineti, saxofani, grancassa, piati e quant’altro, la Banda la spandeva intornovìa ’na forte musica, nel più reijoso e rispetoso silenzio de i presenti. A ogni concerto proposto da la Aministrazion Comunale, la piaza se stofinava de zente vestìa a festa: i òmani, col capèo in testa e le done inveze, le se disdingueva tra quele col fazoleto ligà soto la sbèssola, e quele co un bel capelin pozà su le ventitrè, tuti a scoltare in piè. Chi disturbava durante l’esecuzione del concerto vegneva subito bachetà e, a difarenza de oncò, nessun putin se parmeteva de zigare o far versi. De sicuro, el ris-ciava de ciapare ’na bona gratona e tuto parchè, la musica co la “M” maiuscola, la va scoltà co tanta atenzion.
Altra roba che go inparà da grande, xe la fama che la Banda se ga fato quando la sonava anca fora de Lendinara. Concerti a Rovigo, Nogara, Treviso, Verona, Padova e altre zità ancora, interpretando co grande abilità, sinfonie e arie de òpare liriche. E riva anca la volta che me so’ iscrito a la scola de musica par banda. Da subito, i me ga messo in man un saxofano tenore più vecio del cuco e, dopo raquanti mesi spesi a fare solfeji a no finire, go messo la boca sul strumento. Ghe sopiavo drento co tuto el fià ca gavevo e, co le note un poco trabalanti vegneva fora anca de i supi strani. Più tardi, go capìo che i tasti no i sarava ben i busi. Gera davero ’na roba disgustosa da sentire. Comunque, me consolavo quando a le prove, co tuta la Banda riunìa, me saltava a le rece altri supi ca produseva le tronbe e qualche altro strumento. E rivava anca el momento de métare a novo tanti sonadori, che ormai veci e senza denti, i pantezava. A la fine de le prove, no ve digo quanta aqua vegneva fora da i strumenti, tanto che el pavimento zigava ajuto. Go tegnù duro istesso, parchè la voja de sonare in Banda la gera deventà granda e, volevo anca mi esibirme in piaza o par le strade de Lendinara. Go passà cussì raquanti mesi a far prove inte i posti più inpensà, parchè in casa e a i vizini dasevo fastidio. Alora, anca s’a gera inverno e faseva un fredo boja, so’ andà in canpagna, e fin ca gero sentà drento la màchina e sonavo, la zente ca stava internovìa la me vegneva a vardare e la rideva. La me gheva ciapà par mato. Cussì go canbià posto e so’ andà su la riva de l’Adase, indove ca no passava squasi mai nissun, ma anca lì, i curiosi i me mostrava i denti. Stufo de sta situazion, a malincuore, go dà indrìo a la benemerita Banda el so strumento. Co questo, no vol dire ca go perso l’amore par la Banda parchè, quando la sento sonare par le vie o par le piaze de la me pìcola zità, a coro a scoltarla.
’Desso, i strumenti no i supia più come ’na volta, parchè novi, bei lustri, e la zente che li sona xe zóvane e brava, co davanti un bel futuro. E alora? Viva la Banda!

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La guera de le brute notizie
Quela atuale xe stà definìa “la società della comunicazione”, ma sarìa pi giusto ciamarla “società delle brutte notizie”. Tuti i giorni semo bonbardà da fati che ne disorienta. Xe proprio necessario vegnerli a savere?
de Mario Sileno Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo La passegiata de ’a doménega
de Gemma Bellotto
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Xe senpre festa quando sona la Banda çitadina
de Renato Scarpi
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo El moleta
de Sergio Bedetti
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo Farse bèi a Primavera
de Ines Scarparolo
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo “La festa de ci ga ’oja de far festa”
de Luigi Ederle