Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Pensare a la morte
Pi che na sagra… sto argomento el xe on pugno ’nte ’l stómego, però… se uno no ’l se mete in testa che tuto a sto mondo ga on prinzipio e na fine, o ’l podarà mai pensare che in coalsiasi momento el pole nare in catinora. Tegnere distante sto pensiero vol dire avere paura de vìvare.

Parché mi, care le me putine, no starò qua par senpre…
Parché mi, care le me putine, no starò qua par senpre…
Sto mese el xe quelo giusto che ne fa catare la forza de ciapare el trimo de la riflession senza védarse le buele in man. Pensare qualche volta a la vecia penela, senza ’ver la camisa che no toca la pèle, xe segno de grande maturità. Non solo, ma se podarà nare avanti senza sentirse tuti i giorni supiare so la copa el vento de la fine!
A dire la verità, anca mi a zerco de farme corajo, parché a son come tuti. Però, sicome uno che savéa el fato suo, Montaigne, el ga lassà scrito: “Chi insegnerà agli uomini a morire insegnerà loro a vivere”, a zerco co sti discorsi de inparare a vìvare, parlando del morire. A vìvare senza la paura de la fine. Tanto, paura o no paura, có xe la me ora, la rivarà istesso.
E ’lora… pitosto de star lì a dormire so ’l periolo, a me meto a pensare che, in fondo, la vita la xe come on zucaro che ’l gira intorno a se stesso, el fa i so fruti e po’ el se seca e el more: se trata de on ciclo de vita. Se trata del conpletamento de na storia – chi pi longa e chi pi curta. Na storia che finisse parché ga da scuminziàrgane nantra, che la gavarà condizion difarenti e che la sarà tuta da sperimentare.
Penso questo parché, a difarenza de le bestie, mi – e non solo mi – no go solamente l’istinto, ma anca l’inteligenza. Le bestie, al massimo le pole “sentire” che la fine la xe un fato naturale. Ma mi, èssare umano, me xe stà dà la possibilità de rèndarme conto de sto fato e quindi de sèliare na determinata strada anziché on’altra, andando oltre l’istinto.
L’omo che preferisse vìvare la so vita basàndose solo su l’istinto, come fa el mondo animale, el sodisfa solo la necessità de “sopravvivenza”. Al contrario, se l’aceta de “ragionare”, la so esistenza se veste ben de altri scopi e de altre azion, tegnendo conto anca del ben de i altri. Questo vol dire darghe a la vita on significato pi grande de quelo che se ghe dà a la morte. Chi ghe dà pi inportanza a la morte che non a la vita, el finisse de vìvare prima del so tenpo.
Quelo che inveze pole disturbare xe el non savere né l’ora, né el giorno del passajo a st’altra forma de vita, e in quale maniera vegnarà fato el canbiamento. E, pi che el quando, preòcupa el come. Par questo xe inportante prepararse, pensàndoghe, ne la convinzion che no ghe xe gnente de pi naturale, che se trata de on destin comune a ogni creatura e che, morendo… se va fora da tuti i problemi!
Ligà a l’idea de la morte, ghe xe na convinzion forte, che fortunatamente corisponde a realtà: quando more na persona, no xe che tuto finisse, parché la vita continua e non solo nel significato de la fede cristiana, ma anca in quelo tera-tera. El mondo, l’universo, la storia, le stajon, i afari, i amori, le guere, el progresso, la sienza, le sconfite, i torti e le reson: tuto va ’vanti, anca senza de noaltri. Parché? E qua tornemo da capo: parché veramente el conceto de vita include quelo de morte. Morte che, par chi ga fede, deventa solo trasformazion.
Questo vale par tuti, anca par chi perde a l’inproviso na persona cara, on amico che va in leto a la sera e che no se sveja pi la matina dopo. Ghe vole la fede che, propio quando tuto deventa teribilmente scuro e senza senso, la te invita a acetare la man amica de chel Dio che qua in tera el ga provà so la so pèle el dolore e la disperazion davanti a la tonba de l’amico Lazzaro. Forse solo cussì se podarà catare serenità davanti al pensiero del traguardo finale; solo cussì se podarà invocare l’eterno riposo, passando tra le tonbe del simitero, portàndoghe on saludo a i nostri cari defunti.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Pensare a la morte
Pi che na sagra… sto argomento el xe on pugno ’nte ’l stómego, però… se uno no ’l se mete in testa che tuto a sto mondo ga on prinzipio e na fine, o ’l podarà mai pensare che in coalsiasi momento el pole nare in catinora. Tegnere distante sto pensiero vol dire avere paura de vìvare.
de Mario Sileno Klein
 
Da San Giorgio in Bosco (PD)
Leggi l'articolo Justizhia somaria
de Luigi A. Zorzi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Salùdeme to nona Filomena!
de Bruno Rossetto Doria
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Anca sta volta la ne xe andà sbusa
de Renato Scarpi
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo L'Angeina
de Ines Scarparolo
 
Da Tombazosana (VR)
Leggi l'articolo Cari ricordi
de Carolina Guerra