Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bruno Rossetto Doria

Da Maran Lagunare (UD)

Salùdeme to nona Filomena!

Mi e i me òmini cuntinuèvomo contentasse de la zornadela…
Mi e i me òmini cuntinuèvomo contentasse de la zornadela…
Giri sera mi e Germano gerèvomo a la presentassion del libro de Gianni Bellinetti a Latisana e co lo go sintuo contà sta roba, pena rivò a casa me son messo subito a scrìvela. Germano el ga contò che de zovene el feva el pescaòr e che con la so barca, de Duin el ndeva ciapà le capesante, pescando con i ranpuni, oro i cunfini de la ex Jugoslavia.
“Le pescàe de quii che i ndeva drento le ne feva tanta gola” el veva dito, “ma vedendo che de tanto in tanto le motovedete slave le ciapeva qualchi barca, serchevo de tignime senpre fora del cunfìn, anca parché vevo na paurassa, massima dopo che gera scanpò el morto. Almoto, el mato, pena che la so barca la veva scapolò el cunfìn el se gera tirò zo le braghe mostràndoghe venessia a i slavi, cunvinto de vela scapolada, e invissi...
Quela volta gera le vose in ziro che serti che ndeva drento, i conpreva le capesante da i pescauri slavi e che dopo le vendeva el dopio pressio nte le nostre pescarie. Altre vose le diseva che serte barche d’acordo con quii de la motovedeta de turno, le ndeva a pescà drento come parone e dopo...
Mi e i me òmini cuntinuèvomo contentasse de la zornadela, sol che na matina la motovedeta slava, invissi de ciapà quii che scanpeva de oltra, passando oro i cunfini la ne ga ciapò nantre. Ogni sforso pa’ sercà de convinse el comandante che nantre no centrèvomo parché gerèvomo nte le aque taliane, gera come parlaghe al muro. Urlando e doprando brute maniere el comandante el ne veva fato capì che par lu gerevomo drento e cussì... sequestrada la barca co i ducuminti i ne ga portò a Capodistria e là, come se fussimo dilinquinti i ne ga serò in preson. Semo stai sinque zurni squasi sensa magnà, serai drento, esasperai anca parché nissun se feva vede. Po’, finalmentre, na matina gereva rivò un de grado alto e parlando in slavo, el ne veva fato capì che se volevomo gesse liberai e vè la barca vèvomo de pagà un saco de schei. Tornai a dighe che no gera giusto parché luri i ne veva ciapò fora del confin, elo no ’l ne veva lassò nissuna speransa.
Con i pensieri e l’angossia che ogni zorno la se ingrumeva, el tenpo no ’l passeva mai, anca parché vigniva senpre elo a interogane e senpre più rabioso, el se volteva verso de mi come se ’l savissi che lo capivo. Probabilmentre, leto el me nome su la licensa, el veva capìo che gerevo un esule.
Vemo bassilò par vé indrio le carte più de un mese e sol dopo fato rivà i schei de casa, pagada la multa e prometùo de no tornà più in quii giughi, i ne ga molò, lassò partì con la barca. Prima de dame i ducuminti el graduato el gera vignuo vissin e sensa fasse sintì de i me omini, par talian el me veva dito sotovose:
− Salùdeme to nona Filomena!
E chi xe sto qua che ’l cugnussi me nona, me gero domandò, scunbussolò, anca parché gera la prima volta lo sintivo parlà pa’ talian. Rivai a casa ghe go contò subito a me nona el fato, e ela:
− Come se ciameva sto omo, nevodo?
<<El veva un cognome croato, nona, me par che ’l se ciameva Mirko...>>
− Speta, speta! Go capìo de chi che te parli nevodo −, la veva dito, e po’ − Gera el fiol che ’l ziogheva senpre con ti in visinal pena rivai in Italia. Te ga inamente el fantulin picinin, quel bel moretin? Eco, me ricordo che ’l se ciameva Mirco Covic. In quii muminti bruti, nevodo, forsi la so fameja la veva più interessi de oltra, ma de sicuro gera anca parché pena rivai qua i taliani i ne tromenteva, disendo che gerèvomo fassisti. Gera sicuro par quel che, finìa la guera, luri i gereva tornai in Jugoslavia. Almoto, dopo, deventò grando, Mirko el ga insielto de ndà finansièr e cussì el se ga trovò drento la capitaneria de porto e leto el to nome... vignùo inamente chi che te geri el te ga dito de saludame.”

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Pensare a la morte
Pi che na sagra… sto argomento el xe on pugno ’nte ’l stómego, però… se uno no ’l se mete in testa che tuto a sto mondo ga on prinzipio e na fine, o ’l podarà mai pensare che in coalsiasi momento el pole nare in catinora. Tegnere distante sto pensiero vol dire avere paura de vìvare.
de Mario Sileno Klein
 
Da San Giorgio in Bosco (PD)
Leggi l'articolo Justizhia somaria
de Luigi A. Zorzi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Salùdeme to nona Filomena!
de Bruno Rossetto Doria
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Anca sta volta la ne xe andà sbusa
de Renato Scarpi
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo L'Angeina
de Ines Scarparolo
 
Da Tombazosana (VR)
Leggi l'articolo Cari ricordi
de Carolina Guerra