Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Bastarìa manco violenza
Xe qua l’Ano Novo: tenpo de auguri, prevision e promesse. Come senpre le xe tante le robe che se vorìa védare canbià e realizà: tra tute, credo che se vorìa manco violenza, in casa, in fameja, in strada, in television… Insoma, che ghe sia na s-cianta piassè de pace e de armonia.

Una delle due cartoline
Una delle due cartoline
Na mama e so fiolo i còpa uno che ghe vanza schèi e i tiene sconto el so corpo drento te on bidon par on mese, fintanto che i se procura l’acido par desfarlo. On toso tira zo da le spese so pare e so mare; na mama se tole la vita insieme a i so dó putini; on omo e na dona i massacra quatro persone vissine de casa…
I cronisti i va a parlare con chi ghe sta tacà de casa, o con quei de fameja e la risposta la xe senpre la stessa: “Ah… tute persone par ben, on toso tranquilo, na dona normale, na fameja a posto, mai dà segni de gnente… Chi lo gavarìa dito… robe de l’altro mondo! No ghè mai stà gnente da dire… persone gentili… le staséa so le sue, ma no le ghe daséa fastidio a nissun…”
Insoma a se ghemo talmente abituà a ste brute robe, che quasi quasi a no ghe femo pi caso… a no semo pi boni de distìnguare i segnài che preanuncia violenze e violenze. Stando cussì le robe, tuti i giorni, có nemo fora casa, ris-cemo de catarse vìtime de violenza de ogni gènere e de ogni colore; vìtime de na socetà che ghe dorme sora a sti problemi e che ghe fa senpre manco caso, parché se xe difusa na idea assurda de la vita, che ormai la vale gran poco, par no dire gnente. E spesso semo davanti a na violenza tuta nostrana, che xe el risulato de na moralità finìa in frantumi, insieme a l’idea de giustizia, de fede e de obietività.
Anca se no la xe conpletamente sua, ghe vien atribuìa a Karl Marx la frase: “La religione è l’oppio dei popoli”. Noantri che ghemo i caveji bianchi a ghemo fato ora a vegnere “drogà” da la religion, coando se naséa a “dotrina”, e ne xe stà insegnà el grande valore de la vita che ne jera stà donà: bisognava inparare presto a difèndarla, rispetarla, amarla, sia la propia che quela de i altri.
In realtà, Marx ga fato el furbo, canbiando la definizion scrita dal poeta Heinrich Heine: “Sia benvenuta la religione se versa nel calice amaro delle sofferenze umane gocce dolci e soporifiche di oppio spirituale e gocce di amore, speranza e fede” (1840).
Chi, come l’ultimo delinquente ciapà in Spagna, dopo che ’l ga copà zinque persone, no ga vudo la fortuna de incontrare l’opio de la religion, no ghe fa né caldo né fredo cavare da le spese chi ghe se para dinanzi. Speremo almanco che elementi del gènare i vègna condanà a vìvare fin che no ghe riva el rimorso a rosegarghe l’ànema.
No go la presunzion de insegnarghe a i altri a stare al mondo, e tanto manco quela de métarme a fare el predicatore, ma, vista na situazion che pegiora de giorno in giorno, vol dire che semo na socetà che dorme, che ghe passa sora a tuto. Cussì cala la fiducia anca ne le istituzion e questo fa on gran male al vìvare civile.
Ciapando el treno de l’ANO NOVO, cossa podemo fare, nel nostro pìcolo, par no sentirse in colpa, davanti a tuta sta violenza? Darghe valore el pi possibile a la vita, tegnere i oci verti, e fare calcossa prima che na discussion, on ràdego, na barufa se trasforma in tragedia.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Bastarìa manco violenza
Xe qua l’Ano Novo: tenpo de auguri, prevision e promesse. Come senpre le xe tante le robe che se vorìa védare canbià e realizà: tra tute, credo che se vorìa manco violenza, in casa, in fameja, in strada, in television… Insoma, che ghe sia na s-cianta piassè de pace e de armonia.
de Mario Sileno Klein
 
Un poca de storia
Leggi l'articolo La meraveja sconta de na italiana
de Luigi Frosi
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Có se punciava i calsiti
de Sergio Bedetti
 
Ciàcole visentine
Leggi l'articolo El “Don Camillo de La Longa”
A vinti ani da la so sconparsa, el Comune de Schiavon ga publicà la storia de don Marco Gasparini (1913-1997), pàroco de Longa de Schiavon ’nte ani difìssili de la resistensa e del dopoguera.
de Giordano Dellai
 
Da Verona
Leggi l'articolo La testa de la Strapparava
Cronaca nera veronese (d’altri tempi)
de Mirco Castellani
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo El prete de le bànbole
de Luigi Ederle