Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Antonio Giraldo

Da Arzergrande (PD)

Considerassion

Se vegnesse catarme calchedun…
Se vegnesse catarme calchedun…
Quatro Ciàcoe
Savere de podere oncora contare qualcossa, a na serta età, xe inportante, parché se se rende conto che se xe oncora vivi. Èssare considerà, avere el rispeto de ’e persone, soratuto quée pi vissine co ’e quai se vive tuti i dì, porta l’omo e la dona a védare eà vita co ’n’altra visuàe.
Savemo ben quanto che xe inportante avere un posto e un ruòeo so sta socetà, magari anche marginàe ma avere eà convinsion che eà jossa che semo fa parte del mondo.
Ne ’a vita go avùo a che fare co tanti anziani e me so’ fermà a ’scoltarli, tuti senza distinsion, co l’unico obietivo de farli sentire oncora vivi, nonostante i vivesse so de ’e fameje che i faseva sentire manco de gnente. Persone messe in parte come na roba de eà quae vargognarse parché tanto, i xe veci e no i conta pi.
Na dona anziana eà me gaveva cossì tanto a cuore che eà me spetava co candenza setimanàe, parché eà diseva che eà fasevo sentire oncora viva dentro eà casa de riposo ’ndove che eà jera. E me vien spontaneo pensare a quante volte che go incontrà par eà strada persone anziane a fare na passejata, che me ga saeudà pur no conosséndome.
E in efeti no serve èssare anziani, no serve conóssarse o èssare zóvani par saeudarse parché el saeudo el xe un segno de rispeto, de benevoenza; el xe qualcossa de positivo, de beo. Qualcossa che protende a eà vicinanza pitosto che a eà distanza; parché semo tuti uguài so sto mondo de soferenze e se ne incorzemo propio so i casi de malstare, magari dentro un stanzon de ospedàe, quanto che xe inportante avere na persona amica che passa a saeudare, a domandare come che eà va.
Eà considerassion par un anzian, voe dire speranza e se no ghe xe considerassion voe dire che xe finìo tuto, che no scalda pi gnanca el soe de agosto, che tuto ga na patina de coeori che tende a eà sfumatura.
Eco parché no ghe moeo de scrìvare de sto argomento; parché se sente poco parlare de questo e parché me piasarìa tanto che tute ’e persone che no xe vece ’e provasse a pensarse tai par qualche minuto al dì.
’E gavarìa modo de rèndarse conto che eà vita xe vita fin l’ultimo istante, fin l’ultimo soriso ricevùo.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo A l’inproviso, l’istà!
Se sa che co i averbi xe mèjo no scherzare, ma co quelo de sto titolo no se ris-cia: a l’inproviso, dopo na penosa primavera piena de piova, senza nessun preaviso… l’istà la xe rivà e la s’à fato subito sentire co i so 27, 28, 31, 34 gradi (almanco qua da noantri) in pochi giorni. Cussì par Lujo e Agosto a semo a posto.
de Mario Sileno Klein
 
Padova viva
Leggi l'articolo Aldo Rossi e la Ragione
Architetture 1967-1997
de Lidia Maggiolo
 
Da l’Alta Padovana
Leggi l'articolo El tendon
de Luigi A. Zorzi
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Considerassion
de Antonio Giraldo
 
Da Venezia
Leggi l'articolo Na paròea venessiana
de Armando Mondin
 
Da Verona
Leggi l'articolo A proposito de neodi
de Giacinta Dall’Ora