Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Frosi

El tenpo passa

Festa de i Noni

Disegni fati a la scuola d'infanzia da la nostra ultima nevodina.
Disegni fati a la scuola d'infanzia da la nostra ultima nevodina.
Quatro Ciàcoe
Anca sto ano xe rivà otobre co la festa de i noni: “Angeli caduti dal cielo per il troppo peso”.
Na volta el 2 de otobre se ricordava la “Festa degli Angeli Custodi” e co ’l tenpo calchedun se xe incorto che i Angeli i esisteva par davero, in carne e ossi, persone reali e viventi: “I NONI”.
Sto ano, purtropo, co la scusa del virus i noni xe restà forsatamente in ferie: chi no viveva in casa co i nevodi po­deva comunicare co lori solo par tele­fono e védarse co ’l videotelefono par “WhatsApp”. Sto periodo de distaco da i nevodi, a nialtri noni, ne ga fato vìvare momenti de nostalgia e de ricordi: pen­sando a lori ghemo rivivesto el momento de la vita có semo entrài ne la fase del “nonato”, có semo deventài noni. ’Desso che xe passà l’entusiasmo de la novità de alora, semo ancora là, testimoni nel védarli créssare a vista de ocio, fasemo parte co i nevodi de i sucessi e insucessi che la vita xe drìo darghe. E ’lora ghe semo vissini par sercare de capire i sogni e le speranze che i ga par la so vita, i sforzi che i fa par rivarghe, semo là par incorajarli e spronarli a fare quelo che ghe piase, a sercare de realizare le anbission e le passion che i ga par la testa.
Oramai xe passà tanti ani da quando mi e la me sposa a semo passài in te sta categoria de noni, in parte ghe ghemo fato l’abitudine anca se ogni dì se meravejemo e godemo de come i nostri nevodi afronta la vita. A ghi nemo: tre del pi vecio e dó del secondo; sinque mondi diversi tuti da scuèrzare e capire, sinque caràteri difarenti ne l’afron­tare le fadighe e i entusiasmi, sinque personalità da acetare co rispeto e tanto amore.
El pi grando, 15 ani, oramai el ne ga superà in altessa, el fa za le superiori e el studia par deventare geometra; “el ze de poche parole” dise la nona: “sì e nò, pèso de so nono”; pare che ’l te scolta có te ghe parli, el xe rispetoso, a la fine però el fa quelo che ’l vole lu. El vive ritirà ne la so càmara co la so musica rap e, nel tenpo libero, el se sfoga in palestra in te na ginàstica particolare “Par Kour ware”, na nova dissiplina dove se se rànpega, se salta e se core. A la matina sveja presto: dó chilometri de bici par rivare a la stassion, ciapare el treno par vignere a Pàdoa, el bus par córare a scola drio al Domo. Stessa solfa al ritorno par tornare casa a le tre e finalmente magnare. La seconda la xe na fémena tuta sorisi e cocolessi; questa la ga 14 ani, la fa la tersa media e la pensa de deventare na barista par fare i aperitivi che ghe insegna so popà: “scecherare” i vari smissioti e servirli co’ conpetensa e gusto. No la ga mai vussudo restare a dormire in casa nostra de note: forse la sarà stà spaventà quando la ’ndavo a tore a l’asilo, la portavo casa e ghe preparavo da magnare, dopo la metevo in leto co mi par fare un pìsolo, tanto ghe fa ben a i putèi dormire. De norma, mi me indormensavo par primo e sicome có dormo ronfo cofà un tratore ingolfà, penso proprio che la putina se sia spaventà e par quelo no la se ga mai fermà de note da nialtri, gnanca ’desso che la xe granda.
El terzo, un mas-ceto de 13 ani. De questo sarìa da scrìvare un romanzo, démoghe però el spassio de tuti. Par so sfortuna el xe nato co na malatìa rara che se ga fata viva dopo qualche ano: un toseto normale, scaenà come tuti, solo che ’l ghe vedeva poco e par ani el portava el cerotin su un ocio parché i diseva che l’ocio sinistro el jera pigro. Che fadiga, poarin, senpre co sta strasseta su un ocio e i ociài par jutare st’altro a rinforsarse. Dopo qualche ano però, le robe se ga fato pi serie e da l’ano passà el xe deventà ceco conpleto; e pensare che ’l jera ’passionà par i lego e a lèsare tuti i libri che ghe capitava soto man. Ne la so disgrassia no ’l se la cava gnanca male, la casa la conosse in tuti i so angoli, visto che prima el ghe vedeva, a scola el ghe va normalmente e el lavora co un compiuter speciale, parlàndoghe insieme; el scolta la letura de libri e riviste, ghe piase la musica e el serca de sonare la pianola; el xe inpegnà anca par inparare la scritura e lèsare el Brail.
La quarta la xe n’altra tosatela de 11 ani: na mamona. Xe fadiga che la se vèrza co nialtri, cussì la conossemo poco e le poche volte che la resta se sentimo in dificoltà parché la vol stare senpre tacà so mama.
L’ultima la xe n’altra toseta, sorela de i dó mas-ci; la ga na ciàcola che te fe fadiga tignerla, anca se la ga solo siè ani la sa quel che la vole e, se la va ’vanti cussì la ghe magnarà i bisi in testa anca a so fradèi.
Anca se la vita ne riserva grosse sorprese, serchemo de fare nostre le parole de Madre Teresa de Calcutta:
“La vita è un inno, è gioia, è mistero, è lotta, pace, bellezza, è sogno, è amore e beatitudine, è felicità e croce, è una avventura, è una promessa e vale comunque la pena di viverla.”
Bona festa a tuti e eviva i Noni.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La forza de le bone maniere
Dopo tuti sti mesi de alti e bassi – pi bassi che alti – dovemo pur rivare a na coalche conclusion par métare in crivelo “virus e dintorni” e rancurare quelo che de bon ne resta so ’l tamiso, par realizare quela che viene ciamà la “ripartenza”
de Mario Sileno Klein
 
El tenpo passa
Leggi l'articolo Festa de i Noni
de Luigi Frosi
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Quando che no ghe jera el teèfono
de Antonio Giraldo
 
Da Venezia
Leggi l'articolo Case e paeassi venessiani
de Armando Mondin
 
Ciàcole visentine
Leggi l'articolo Pelè o Maradona?
In sto mese, i do sportivi, considerài da tuti i mèjo canpioni del balon, conpisse rispetivamente 80 e 60 ani: ma chi xe stà el pi forte?
de Giordano Dellai
 
Da Verona
Leggi l'articolo El machinon
de Giacinta Dall’Ora