Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Antonio Giraldo

Da Arzergrande (PD)

Quando che no ghe jera el teèfono

Quatro Ciàcoe
Quando che no ghe jera el teèfono… Eà senbrarìa na frase senza un senso preciso, soratuto par i tosi che, senza, no i poe stare gnanche un minuto, ma anche noialtri adulti se semo abituà; noialtri che da zóvani no savévimo gnanche cossa che ’l fusse el teèfono. Capitava de ’vérghene de bisogno in serte ocasion, tante volte par mae e ne ’e grande feste, quando che se faseva sentire forte eà voja de parlare co i nostri parenti distanti.
El teèfono eòra, jera presente in quasi tuti i comuni, soto forma de centrain, gestìo da privati che gaveva un esercissio. De sòito un bar ma, qua a Arzergrande, el jera gestìo da na laterìa. E quando che ciamava un parente, el gestore vegneva casa o ’l mandava qualcun a avertire che fra un’ora, i gavarìa ciamà e quindi de èssare là, pronti a rispóndare.
Quando che no ghe jera el teèfono, par comunicare se scriveva na létara e se spetava na risposta che pareva no eà rivasse mai. Restava eà incognita che eà ’ndasse persa e se se sentiva come desmentegà da eà persona che se gaveva scrito. Spetare na létara, de ’e volte deventava na soferenza, ma anche na vera, unica gioia quando che eà rivava.
Qua, a casa mia, eà linea teefònica xe stà instaeà nel 1982 e, prima, oltre al centrain, ghe jera na fameja amica che abitava a un chiòmetro, che gaveva el teèfono e tante volte i parenti i ciamava là.
Go senpre in mente sta cara amica de fameja, che, co ’l soe, co eà piova, co ’l vento, de istà e de inverno, eà se partiva in motorin par vegnerne a comunicare che dopo poco ghe sarìa stà na chiamata. No i go mai ringrassià abastanza par el so modo de èssare disponìbie: un vero esenpio de amicissia.
Oncuò semo tuti bersalià da oferte continue, de matina presto, de dì, de sera tardi, de teèfoni che de teèfono i ga poco se pensemo a tuti i opsional zontài.
’Desso, oltre che sentire par vose, te mandi messaji, fotografie e so un àtimo eà persona co eà quae te si drio parlare, eà sa cossa che te pensi.
Xe stà disintegrà chel senso de sana incertessa, quando par giorni e giorni uno se domandava cossa che ghe sarìa stà risposto a eà létara che ’l gaveva invià diese giorni prima.
A contarghe ste robe a i tosi ghe vien da rìdare e invesse a mi me vien quasi da piànsare, no parché no me fassa piassere eà situassion atuàe (in fondo so’ drio usufruìrghene anche mi) ma me rende un fià pensieroso e malinconico par na bea roba ’ndà persa.
Digo na roba bea parché quel senso de atesa, de trepidassion, eà jera comunque na roba che faseva parte de tute ’e persone come mi, inserìe so quel contesto de tenpo, ’ndove se viveva dì par dì na vita fata de robe sènplici ma dal vaeore imenso. El teèfono, oncuò, ne porta a far parte de tute quée robe che vien definìe “istantanee o estemporanee”. Femo parte de un tenpo e de un mondo che no amete ritardi…

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La forza de le bone maniere
Dopo tuti sti mesi de alti e bassi – pi bassi che alti – dovemo pur rivare a na coalche conclusion par métare in crivelo “virus e dintorni” e rancurare quelo che de bon ne resta so ’l tamiso, par realizare quela che viene ciamà la “ripartenza”
de Mario Sileno Klein
 
El tenpo passa
Leggi l'articolo Festa de i Noni
de Luigi Frosi
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Quando che no ghe jera el teèfono
de Antonio Giraldo
 
Da Venezia
Leggi l'articolo Case e paeassi venessiani
de Armando Mondin
 
Ciàcole visentine
Leggi l'articolo Pelè o Maradona?
In sto mese, i do sportivi, considerài da tuti i mèjo canpioni del balon, conpisse rispetivamente 80 e 60 ani: ma chi xe stà el pi forte?
de Giordano Dellai
 
Da Verona
Leggi l'articolo El machinon
de Giacinta Dall’Ora