Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Michele A. Cortelazzo

Osservatorio linguistico

Cronache dialettali

Ma che struma (fatica) lavorare! (Telemaco Signorini, L’Alzaia, 1864; ojo su tela, 54 x 173,2 cm; col. privata)
Ma che struma (fatica) lavorare! (Telemaco Signorini, L’Alzaia, 1864; ojo su tela, 54 x 173,2 cm; col. privata)
Che pena vedere strussiare (distruggere) l’aria, l’anbiente, la salute…
Che pena vedere strussiare (distruggere) l’aria, l’anbiente, la salute…
Io non sono dialettofono. Però ho vissuto, fin da piccolo, con genitori che tra di loro parlavano dialetto, ero affezionatissimo a mia nonna paterna che parlava dialetto, da più grandicello ho frequentato aree del Veneto diverse dalla Padova in cui sono nato, dove ho sentito molte persone che parlavano dialetto, nella mia attività scientifica, per quanto mi sia concentrato soprattutto sull'italiano, ho avuto moltissime occasioni di confrontarmi con testi veneti, dal Medioevo a oggi. E ora, da qualche anno, leggo con piacere "Quatro Ciàcoe". Ma ci sono ancora molte parole venete che mi capita di sentire o leggere per la prima volta.
Nel numero di novembre ne ho trovate due. Una è struma. La usa due volte Sergio Bedetti, nell'articolo L'arpidio, a p. 31: "la sera andare a serare la porta da basso jera na struma" e "Però ranpegarse dessora da sti anfibi la jera na struma". Dobbiamo localizzare questa parola nel Polesine. Il significato in questo contesto è chiaro, e comunque ci aiuta il Vocabolarieto vèneto, che a dire il vero attribuisce la voce al veneziano, e spiega che significa 'sofferenza' (possiamo aggiungere 'fatica, difficoltà'). La voce è attestata in diversi dialetti, prima di tutto nel cosiddetto veneto centrale (oltre al polesano, nel vicentino e nel padovano), ma anche in testi del Cinquecento, pavani (la Betia di Ruzante: "Siché haì gran faiga, / struma e briga / a far che la sea onesta") e coneglianesi (Egloga pastorale di Morel: "Che tu no me darès pi duogia o struma", dove struma 'tormento' è abbinato a duogia 'dolore'). Ma la voce si è estesa al valsuganotto, dove ha dato luogo al verbo strumàr 'stentare (nel fare una cosa)' e al feltrino strùmia. Circa l'etimo, Prati è lapidario: "etimologia sconosciuta". E se lo dice lui…
L'altra parola che non conoscevo è strussio 'affanno, disagio, sofferenza', usato da Liliana Bellemo di Chioggia a p. 23 (Gera ora): "Dopo tanto strussio e palpitassion, vacanse a i monti e al mare, pare che se scominsia a lavorare". Pare variante, con cambio di declinazione, del più diffuso strussia, attestato al maschile anche nel padovano e nel bellunese. Strussia è usato anche da Goldoni, nella Buona madre ("Se trata de un fio che m'ho arlevà con tante strussie") e anche nel sonetto Squarzo de' matrimoni che succedono al giorno presente, a lui attribuito ("tutto angustie e miserie e patimenti, / incaenai, desperai, strussia e malanno"). Lo si trova anche negli autori pavani (per esempio nelle Rime di Magagnò: "'l me cuore si è co è quel lin, che da tutte le hore pruova tanto brusore e tanta strussia" o del Forzatè: "Vu ch’al cantar d’un puovero boaro / le faighe, le strussie, i sbatiminti / a’ sbrefelè le recchie e i sentiminti / che ’l par que ’l me stentar ve supie caro"). In pavano si trova anche la variante maschile: "Qualche pazzia, / che vuoi ch’ei dica? - Poh, mo che gran strusio!" (ancora Forzatè), con l'accrescitivo strussion nell'Alfabeto dei villani ("Con hagom del ben el svola via in un subio, / stentomo in tanta duogia e strussion / ch’agom la vita amara co è ’l marubio). Nelle sue diverse varianti, viene dal verbo strussiare, che può essere voce onomatopeica (secondo il parere di Prati) o può derivare da un lat. volgare *extructiare 'logorare lentamente', creato a partire da destruere 'distruggere', con la caduta della consonante iniziale, ma al tempo stesso con l'ampliamento del suffisso (come ritiene, invece, Bondardo).

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Sarà Nadale anca st’ano!
Tra poco sarà Nadale e de sicuro, anca st’ano, el sarà condizionà da l’epidemia del Covid e el vegnarà festejà a la bona, ma in modo sincero. Gesù Banbin no ’l ghe metarà tante scale par nare a portarghe aiuto a chi ga bisogno de Lu e de tuti. Questa xe anca la nostra speranza.
de Mario Sileno Klein
 
Osservatorio linguistico
Leggi l'articolo Cronache dialettali
de Michele A. Cortelazzo
 
Da Brugine (PD)
Leggi l'articolo ’E musiche de Nadàe
de Michele Varotto
 
Da la Marca
Leggi l'articolo El vin alchemico
de Emanuele Bellò
 
Fresco de stanpa
Leggi l'articolo NOMEN OMEN, un nome un destin
Xe stà presentà a fine novenbre l’ultimo libro de Giordano Dellai
de Giordano Dellai
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Onore al “Milite Ignoto”
de Lucia Beltrame Menini