Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bepin Daecarbonare

Da Thiene (VI)

La "Nina Gigante"
Ne le noti prima de Nadale, un canto dolse e deicato se sente ne 'e vece contrà de Thiene. El xe el canto de 'a "Nina", dove na popolana anunsia la nàssita del Redentore ai so paesani, che in coro, i risponde co l'ansia de conòssare ogni particolare del grande avenimento

Quatro Ciàcoe
Na sugestiva imÓgine de 'a "Nina Gigante" in piassa Chilesoti.
Le tradission xe l'anima de un pòpolo... Vicensa par sonare, Schio par balare, Thiene par cantare: un deto a l'inissio del secolo passà. Thiene 'ndava famosa pa i so canti: filande, ostarìe, corte gera i loghi dove de sòlito e soratuto spontaneamente, se cantava. Ne 'e corte cantava tuti, anca i putèi, parché, el canto gera, alora, na normàe conponente de 'a vita. De note girava i "vagabondi delle stelle", co le so serenate che tante làgrime de comossion faséa sbrissiare zo par le massele de chi li scoltava, de 'e tose in particolare. Co dissenbre se scomissiava a "cantar Nadale", tradission tanto sentìa dal ceto popolare; cossì, in che 'e frede serate, da 'e so corte, i Thienesi, cantando el stesso messagio de pace e speransa, tramandà da pare in fiolo, finiva in pace l'ano, sia con Dio che co i òmini.
Ancora 'desso sta tradission, ne 'e tre sere prima de Nadale, ogni ano se ripete col canto de 'a "Nina" ne i rioni o contrà par conclùdare, la sera del 24, visilia de Nadale, catàndose tuti in piassa, Nine e Cori par la "Nina Gigante".
Go sercà, traverso ricordi orali de 'e Nine, de Thienesi, e chel poco de scrito che me xe stà possìbie lésare, de ricostruire el susseguirse de 'a tradission nel '900. Go scomissià sta risserca par pura curiosità par 'vere na idea de come gera la "Nina" de na volta; ma l'entusiasmo e la comossion con cui i nati a cavalo tra l' '800 e el '900 parlava, i me ga strassinà in sta "aventura". Spero che ogniun possa trovare, lesendo, calche raisa de se stesso e 'vere na conossensa più profonda de 'a nostra cità, co sto sguardo al "recente passato".
Infine un doveroso ato de riconossensa verso quei che, col so lavoro e sacrificio, ga creà le premesse a l'atuale svilupo de 'a nostra Thiene.
Questa l'introdussion de Carlo Restiglian, autore del libro "Thiene racconta la Nina", na pressiosa testimoniansa de tradission popolare cara ai Thienesi, tanti de i quali protagonisti, nel rispóndare a 'e domande de l'autore che ga permesso la realisassion de l'òpera.
Eco calche testimoniansa rancurà da l'autore:

LA CONCA RACCONTA
Piero (classe 1892)
Fine secolo abitavo in Conca. Qui ascoltavo la Nina in corte dell'Osteria all'Alleanza, dove ostessa era la Marianna Pegoraro... c'era un "cornolaro" dove saliva la Nina. Nina dell'800 , ricordo, la Gigia Ori e poi sua cognata Pina Ori. Nel coro era brava la Italia Talin e una bella voce avevano anche la Nina Zanoto che abitava in questa corte e i Talin: Vittorio e Checo. Immancabili erano Piero Burcio, e i Jacinti (Tita Fabro e le tre sorelle)... la Nina si cantava allora dall'inizio di Dicembre, alla Vigilia di Natale, dopo la Nina, chi poteva, faceva una cena.

LA NINA
Anna Talin (Classe 1897)
Ancor signorina cantavo in corte dell'Osteria di Momi Castagna.
Si appoggiava la scala alla mura di confine con la proprietà De Meda. Organizzava il tutto Neo Pansa. Si cantava con qualunque tempo e una volta cantai con l'ombrello e il canfin sotto una nevicata di quelle...


IL BELVIGO RACCONTA
Sante (classe 1922)
Nato in via S. Maria Maddalena ascoltavo la Nina in Belvigo... ricordo in particolar modo gli anziani, con le voci basse che facevano il controcanto, tutti con il tabarro e Piero Motterle in mezzo al gruppo che dava gli attacchi alle varie voci. Andavo da giovanetto accompagnato dagli zii, i "tosi" della Nea Orsa, che erano tutti bravi coristi, ex allievi del maestro Bacco. Del coro, fra gli altri ricordo: Bastian Zaccaria, Ninin Maldo, tenore, i vari Miotto, le Scarparete e qualche volta anche Barba Sogaro.

LA NINA
Maria Stella (classe 1937)
Nata in via Colleoni, andavo a cantare la Nina in Belvigo nel dopoguerra. Si attendevano con ansia quelle tre sere. La zia Laura andava e noi, tutti ragazzi, dietro; ci si fermava davanti alla corte dei Calierari dove altri ragazzi si univano al gruppo e in compagnia si arrivava in Belvigo. Si cantava in corte dei Prodòssimi e bello era l'appello che si faceva prima di cantare: "Ghe xe i Catean, xe rivà el grupo de la Laura, ghe xe le nassie, xe rivà i Pelanda". Dopo, ancora: "Pìcoi davanti e grandi de drio, ti tasi parché te si stonà, ti va vissin to mama, ecc." ...Ricordo quando hanno registrato i dischi della Nina, il nonno, Bepi Campanaro, ha suonato appositamente le campane a corda... Dall'inizio anni cinquanta fin dopo il 1960 ho cantato da solista.

Ghe sarìa ancora tanto da dire, ma el spassio che me resta me serve par farve savere che anca st'ano la sera de 'a visilia de Nadale, le Nine e i Cori de: Ca' Pajella, Castelletto, Stazione Centro, Bosco, S. Vincenzo, Rozzampia, Conca e Santo-Lampertico se catarà in Piassa a cantare insieme a tanta gente, vignù anca dai vissini paesi, la "Nina Gigante".

Da: "Thiene racconta la Nina" de Carlo Restiglian. (Ed. Meneghini 1985)

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Dissenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Nadale, na bona ocasion par dire grazie
Cossa ghe xe de pi belo de esprìmare la propia riconossenza pa 'l grande dono de storia, de inteligenza e de civiltà
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo Un presepio vivente
de Ugo Suman
 
Tradission de Nadale
Leggi l'articolo Quando la storia incontra la vita
de Mario Galdiolo
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo La "Nina Gigante"
Ne le noti prima de Nadale, un canto dolse e deicato se sente ne 'e vece contrà de Thiene. El xe el canto de 'a "Nina", dove na popolana anunsia la nàssita del Redentore ai so paesani, che in coro, i risponde co l'ansia de conòssare ogni particolare del grande avenimento
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo 'Na voçe da l'aldelà
de Wanda Girardi Castellani