Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Wanda Girardi Castellani

Da Verona

'Na voçe da l'aldelà

Quatro Ciàcoe
Gh'era in arivo un nebion de l'altro mondo...
La dimanda più insistente, desperada, che tuti se femo da quando tachemo a pensar a quando ne resta un fil de fià, prima che strapiomba la note, l'è: "Ma che ghe sia qualcosa, dopo...?". El fato l'è che par tuta la vita gavaréssimo avù le prove de 'na risposta afermativa ma no' le avemo individuà o, pèso, individuàndole, emo senpre çercà de negarle ne la pocia de la rason. Ma, bon Dio, come se fa a 'doparar la rason par rispóndar a 'n astrato cusì grando da no' poderghe inmaginar, gnanca co' la più scadenà de le fantasìe, i confini?
A mi, tra le tante altre robe inspiegàbili, m'è sucesso che...
S'èrimo nel 1948. Da butelota, ò conossù Michele, 'na persona speciale, L'èra za su la çinquantina ma co' un caràtere e 'na maniera de mòvarse e da parlar che te avaressi dito che no 'l gaveva più de vint'ani e l'era un Poeta co' la maiuscola con a zonta n'arte recitativa più ùnica che rara. Alegro, no' ricordo de averlo mai visto inmusonà o anca soltanto co i labri steti, tanto che 'na volta vedéndolo pensieroso me son preocupà: "Come mai cusì serio? Risposta: "Ma mi quando son serio no' lo son par gnente in quanto no' son mi stesso; mi son serio quando che son alegro" (uno de i so sòliti silogismi "pirandeliani" che el più de le volte el doveva "tajarme-zo" a tocheti). Da lu ò ciapà el gusto par la bona mùsica, defenestrando finalmente a favor de Mozart, Sibelius, Cherubini, Beethoven, ecc. i dischi de Toni Dallara e soci. Inoltre, al posto che par Liala, el m'à tacà la passion par Luigi Pirandello, fasendo de mi, come che l'era lu, n'altra fanàtica del grande siracusan, premio Nobel par la leteratura.
Malà de 'n bruto mal da diverso tempo, l'è spirà a le 20 del 21 dicembre del 1974. A le 5 dopodisnar, nel saludarlo su la porta dde la so camareta, a l'ospedal de borgo Roma, l'ò saludà: "Ciao, Michele, se vedaremo diman!" E lu, co 'un fil de voçe el m'à risposto: "Nò... diman no' che sarò più, ma po' te darò un segno!"
El 23, giorno considerà a quel tempo el più nebioso del sècolo, dopo la messa funebre a San Nazar, 'na funsion curta e sensa 'na nota d'organo par lu che l'avèa amà tanto la mùsica, son montà in màchina par andarghe drio al cimitero, ma el motor no 'l s'à invià.
Dopo vari inutili tentativi, ò ciamà dal telèfono de'n bar me marì che quasi do ore dopo l'è vegnù col mecànico. Anca lori i à proà a far partir la me "A 111 Autobianchi" ma no' gh'è stà gnente da far. Intanto era vegnù le 8 de sera e mi, dentro la màchina, bagolava dal fredo. A la fine el mecànico el s'à deciso a tacar el traino, pareciandose a rimorchiarme. Propio alora alsando i oci ò visto la nebia sparir e aparir al so posto un cel pien de stele.
O' girà la ciaveta e el motor l'è andà-via che paréa che 'l cantasse! Sùbito m'è vegnù inmente quel... "te darò un segno!". Passà i ani, la note del 21 dicembre 1994, me son sveià co' 'na data fissa nel çervel: 21 dicembre 1974. Cosa che la rapresentasse, vint'ani dopo, propio no' me lo son de paca ricordà. Pensa che te pensa, eco, alora è morto el me amigo Michele! A la matina ò telefonà a l'uficio de l'albergo "ai du leoni" (cimitero monumental) e ò savù che gh'era oramai solo 24 ore de tempo per ricuperar i resti de Michele dal "campo" za spianado e che passà quel giorno tuto sarìa finì ne la tomba comun.
Alora ò çercà i so parenti che i sta via da Verona e, da lori autorisada, ò provedù a la traslassion. La setimana dopo, spolvarando la biblioteca m'è cascà praticamente in testa la poesìa che 'l me amigo el m'aveva dedicà un mese prima de 'bandonar 'sta val de lagrime.
"Ma che ghe sia qualcosa dopo?"... Beh, mi dirìa proprio de sì e ciamo a testimonio un grande Santo, Francesco di Sales: "I morti sono invisibili ma non assenti. Essi lasciano la terra ma non la vita".

La Siepe

Ho chiuso il mio cuore entro una siepe
invarcabile a facili mani,
vili, tessitrici d'inganni.
Ho chiuso il mio cuore entro una siepe
alta, perché il sole
vi piova dal cielo
limpido,
il raggi non guasto
da impuri contatti terreni.
Ho messo una siepe di rovi pungenti
attorno al mio cuore
perché più non pianga
ma attenda una mano
che sappia il dolore,
che lacera arrivi al mio volto
in una carezza
che lasci impronte di sangue
.
M. B.


[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Dissenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Nadale, na bona ocasion par dire grazie
Cossa ghe xe de pi belo de esprìmare la propia riconossenza pa 'l grande dono de storia, de inteligenza e de civiltà
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo Un presepio vivente
de Ugo Suman
 
Tradission de Nadale
Leggi l'articolo Quando la storia incontra la vita
de Mario Galdiolo
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo La "Nina Gigante"
Ne le noti prima de Nadale, un canto dolse e deicato se sente ne 'e vece contrà de Thiene. El xe el canto de 'a "Nina", dove na popolana anunsia la nàssita del Redentore ai so paesani, che in coro, i risponde co l'ansia de conòssare ogni particolare del grande avenimento
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo 'Na voçe da l'aldelà
de Wanda Girardi Castellani