Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

L'Aria de Dio

Quatro Ciàcoe
L'Aria benedetta che tuti respiremo: l'Aria de Dio...
Sto mese che ghe spalanca le porte a la primavera, anche se le stajon ga perso un fià del so smalto antico, l'è el sòlito fassinaro de santi dal primo a l'ùltimo de i so giorni, e sensa contare la Pasqua. E sicome ogni santo ga el so altare e le so devossion, xe ben che queste no fassa barufa fra de lore, magari solo par invidia, mèjo assarle in pace e parlare de na devossion che gaveva un ùnico apòstolo, ma no un solo devoto: la devossion de l'Aria. Forse la gaveva inventà un imbriago - diseva la zente - o forse un gran poeta de quei che no ga stampà gnente su la carta, parché el ga assà scrite solo ne l'aria le so storie de poesìa, de amore e de vita, e solo quei che gaveva avù la fortuna de sentirle le conosseva.
L'Aria de Dio gera la devossion più grande de Toni Balei, un omo de tante parole e de altretanto savère, uno che incantava la zente ne i marcà e, par vèndare la so crema da scarpe (la pàtina), el tirava in balo el vangelo, i santi, la Madona e tute le storie che ghe passava par la testa, compresa la so devossion particolare: l'Aria de Dio.
Aprile el gera el mese forte par la so assienda, parché se meteva via le scarpe da inverno e bisognava darghe na man de pàtina al curame par tegnerlo mòrbido fin a la pròssima stajon. Naturalmente, solo lu gaveva sotoman e vendeva a un presso miseràbile, in scàtole de lata co l'apertura a scroco, la crema miracolosa che conservava le scarpe come nove, anche par do ani de sèguito se le gera tegnùe al suto e fora da l'aria. E gera proprio a sto punto che el tacava a sproloquiare su l'Aria benedeta che tuti respiremo e nessun vede, nessun ghe pensa, e se va a sercarla solo quando la ne manca par no morire. "Se no ghe fosse l'Aria - el scominsiava, vardàndose torno par tirare l'atension - no ghe sarìa la vita, nessun èssare vivarìa e gnanche el mondo restarìa in piè. Solo sto pensiero povero e nudo come un verme l'è bon de farve capire tuta l'importansa de l'Aria benedeta: l'Aria de Dio. Parché xe stà lu a inventarla, a fabricarla e xe sempre lu a mantegnerla in movimento de dì e de note, de festa e de giorno de lavoro, solo parché el mondo viva, e col mondo anche noialtri, anche Toni Balei, che ga de i fioi da mantegnere.
L'Aria de Dio la xe el sostegno del mondo, la strada de ogni pensiero e de ogni parola: voialtri me sentì parché ghe xe l'aria che ve porta le parole fin dentro a le rece: se no ghe fosse l'aria, mi diventarìa muto e voialtri sordi. L'Aria, quela de Dio, la tien su le nùvole, la tempesta, la porta in giro le semense de le erbe, de i fiori e de le piante de ogni sorte. E dove credìo che se sentarà el Padreterno el giorno del giudissio universale? Sora un cussin de aria come le nùvole, e cussì anche i angeli e tuti i santi che ghe starà torno, quei che sona i pìfari d'oro e quei che canta nel coro celeste, che se ciama cussì parché el ga el colore de l'aria de matina bonora prima che spunta el dì. E sensa contare che ormài semo dentro a la primavera. No sentì quel che gira ne l'aria e va dentro par el naso fin su i polmoni? Sta carga de odori de piante, de tera, de verde, de fiori, de profumi mai sentìi che quasi ne imbriaga come el vin novo, sensa che ghe femo caso. E chi credìo che se toga la briga de cargare sù le corenti de l'aria tuta sta grassia de tesori che se ciama primavera? L'è sempre e solo Lu, el Padreterno, che xe el Dio de tuto e de tuti e anche de l'Aria. Par questo, secondo mi, l'Aria de Dio dovarìa avere, come i santi, la so cesa, la so catedrale e anche la so pala de altare, che sarìa fàssile da disegnare: bastarìa darghe a la tela na man de celeste de diverse gradassion e po' lustrarlo par rèndarlo trasparente, no ve pare? "
A sto punto qualcun se stufava e tajava la corda sensa dar ne l'ocio, ma i più restava incantà da sti discorsi e i comprava la patina par sostegnere un omo de tanto savere, costreto da la sorte a vèndare pàtina par campare. Capitava anche - ma solo qualche volta - che fra i tanti ghe fosse el furbeto che tentava el colpo gobo par farlo confóndare co na domanda a ponta de ago: " Ma anche el temporale xe aria, solo che la porta tempesta e la fa disastri e alora, xela aria de Dio anche quela? "
Ma Toni no se perdeva par cussì poco e replicava, a bòta calda: " Bravo el signor, questa qua sì che la xe na domanda inteligente, lo sa anche i pessi che se i vien fora da l'aqua co l'aria i more, solo che lori no parla. Sicuro. Come ne la natura ghe xe el belo e 'l bruto, el ben e 'l male, el seren e 'l temporale, cussì anche l'aria ga dentro de tuto, ogni belessa più bela e anche el temporale più bruto, che el vien par farne capire, a meso Aria, che semo tanto picenini e che ghe xe Uno che, par fortuna, pensa a far vegnere l'arcobaleno dopo la tempesta, e tuto parte da novo."
La magior parte de la zente restava convinta, i più dondolava la testa in segno de muta aprovassion e de maraveja. Toni Balei gera proprio un genio, incompreso e sprecà a vèndare pàtina da scarpe. Questo solo par dire che anche ne i marcà de un tempo, serti giròvaghi, gera boni de interpretare la vita e parfin l'Aria de Dio, come na devossion da cristiani.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Aprile:

Editoriale
Leggi l'articolo Europa: con o senza Dio?
Le règole de la futura convivenza quasi quasi le xe drio desmentegarse de i valori religiosi de la nostra civiltà. Dove pensemo de rivare?
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo L'Aria de Dio
de Ugo Suman
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo El ponte de Vigo
a cura de Angelo Padoan
 
"La sguaratà" - Ciàcole polesane
Leggi l'articolo Artidoro
a cura de Romano Beltramini
 
Da Verona
Leggi l'articolo Pasqua con l'agnel
Giacinta Dall'Ora