Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Enzo Coltro

Da San Bonifacio (VR)

Letarina de Nadal

Quatro Ciàcoe
Ve pararà forsi inpossìbile, ma a mi, a la vigilia de le feste pi grande, me vegne oja de scrìvar 'na letarina. De çerto no contarìa mia le busie che scrivéa da butin par aver un regaleto o calche ciucio, però el spìrito el sarìa ancora quelo, anca se i ani in più i è deventà un bel mucio.
Ogni tanto da calche parte sbrissia fora 'na letarina de me fiole có le era picinine e alora le parole le me se nebia senpre de pi man man che lezo... Nò! No l'è mia 'n inizio de catarata che me inpedisse de védar, i è le làgrime che le cata 'na rosta su la so strada e no le riesse a scórar zo par le ganasse. La letarina la te fa le garìssole ne l'ànima e la te inpiza rento un calcossa che no te sè definir.
I buteleti i scrive romai tuti in talian e no l'è mia belo par un giornal come Quatro Ciàcoe riportar de le frase ne la lengoa mare, cossì çercarò de far la traduzion in dialeto:
"Caro Banbin Gesù, in ocasion del Santo Natale prometo che sarò pi obediente e che non farò dispeti al gato tacàndoci i bussoloti dedrìo la coa. Non tirarò pi i cavéi a mia sorela pi granda e non robarò pi la Nutela dàndoci la colpa ai altri. A scola non farò più rabiare la maestra Angelica e gnanche tute le altre del mòdulo, che tute non vedono l'ora di nare in pension anca se ci mancano un saco de ani. Non farò pi schersi a la me conpagna de banco e non ci magnarò pi la so marenda che lei crede che invece è il Sisto che ciapa oni olta el castigo al posto mio. Se mi porti quela bànbola che pianze, ride, fa pissin e popò, ciama papà e mama, ciucia el biberon, se senta par tera, se alsa e camina, fa el rutino, móe la testa par dire sì e nò e vèrze e sèra i oci, ti prometo che non scondarò el baston a nono Balsemin e non ci metarò pi el péaro ne la pipa de la nona Bia. Basta! Me pare di averte promesso tuto anca che sarò pi bona, la banbina Serafina. Me racomando la bànbola che fa tute chele robe."
Sta chì l'è na letarina da buteleti, ma mi cossa ghe scrivarìa al Banbin Gesù par Nadale? De çerto no ghe domandaria pi zugàtoli, anca se me farìa ancora 'na bela partìa a cianco o se vegnarìa zo a tuta bira da la pontara del ponte de la Mota sul caretin a cussineti... Nò! No ghe domandarìa mia zugàtoli, purtropo. Ghe domandarìa tanta salute par tuti i me cari, amiçi conpresi; pregarìa el Signor che 'l fasesse vìvar serene me fiole co la so fameja; Lo inplorarìa de no farme pi tribular co i denti, ma soratuto ghe dirìa de vardar un fià de pi qua soto e de scancelar tuta la cativeria che ghè in sto mondo.
El prete in ogni Messa el dise senpre: "Scanbiève el segno de la pace!" e alora scanbiémose sto segno benedeto e che l'omo el torna a èssar tale e no che 'l sia un lupo par 'n antro omo. L'è ora de finirla co sta storia!
Te inpizi la television e te senti parlar de guera, de scanamenti, de rapimenti, de deliti, de disgrazie, de rapine, de robamenti, de zente copà in casa, de mame che còpa i so buteleti, de trufe, de inbròi, de fameje che se sfassa, de tanti che no i riva a fine mese co i schei, de malatìe... No te senti 'na bona novità gnanca a pagarla a peso de oro. Mi son senpre chì che speto che un dì i trasmeta che in casa de Tano Marasca da Volpin è nato un bel butin de quatro chili e mezo, che tuto è nà ben e che i ghe ga messo nome Beniamin. E inveçe solo morti e desgrazie in sorte...
E alora mi ghe scrivarìa sta letarina a Gesù:
"Caro Gesù Banbin, Te prego, fa' che 'l mondo el torna a èssar tondo come 'na olta. Fa' che l'omo el torna a èssar come Te l'è fato Ti, col so giusto sal in zuca. No lassar che 'l desfa tuto chel che T'è fato, anca se Te ghè messo solo 'na stimana e la doménega Te Te si sponsà. Càleghe le arie a ci ghe n'à massa e ilùmina, co 'na lengoa de fogo a testa, i polìtici in modo che finalmente i veda pi ciaro chelo che i fa e chelo che ghè da far. Per mi Te domando solo che la me pension, che co l'Euro la val la metà de prima, no la gabia da sbrissiar ancora pi zo, parché alora, caro Gesù Banbin, sarìa proprio el caso che co la to infinita bontà Ti te provedessi a far végnar zo dal cielo 'n'antra bela nevegada de mana, in modo che mi e tanti altri pensionati se possa ancora magnar! Te ringrazio de tuto chel che Te podarè far. Enzo."

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Dissenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Voja de on Nadale putin
Se ga l'inpression che sia drio tornare la nostalgìa de on Nadale poareto, a descàpito de on Nadale sprecon, finto e inùtile
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La stela "Cogometa"
de Ugo Suman
 
"La Sguaratà" - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo "Continua a fare quelo ca te fa"
a cura de Romano Beltramini
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo El presepio
Na antica tradission che ogni ano ne fa rivìvare el miràcolo del Nadale
de Bepin Daecarbonare
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Letarina de Nadal
de Enzo Coltro
 
Da S. Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Oci no solo par védare
de Antonio Corain