Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

La stela "Cogometa"

Quatro Ciàcoe
... la gera na stela picenina persa in meso a mejari de altre stele...
Questo xe el mese che tuti quei che scrive parlarà del Natale, co titoli diversi in prosa o poesìa. Lo fasso anche mi co un ricordo picenin e particolare tacà a un nome strapassà dal vecio Bepe. Un boaro par ecelensa, bon come el pan, che dopo na vita intiera dedicà ai paroni e a la stala, el se ga trovà solo e pien de miseria. No podendo più lavorare el se gaveva inventà un modo par aiutarse a vìvare. Ogni ano a la visilia de le feste più importanti el passava par le case de i conossenti par farghe i auguri e tirar sù qualcossa. A la visila del Natale el passava da noialtri par la mancia natalissia e par farghe i auguri a la parona de casa che sarìa sta me mama. Ela lo faseva comodare in tinelo e lu, sentà su na carega querta de paja - par guadagnarse la so parte - el ne contava la storia de la stela Cogometa, parché cussì ghe la gaveva contà i so veci. Noialtri boce scoltàvimo e, come ne gaveva insegnà me mama, no se doveva spiegarghe gnente sul nome de la stela e lassarlo racontare i fati a so modo, parché lu gera bon a contarli solo cussì. La me pareva na stupidàgine alora, na question de pietà umana, ma da grande go capìo che me mama lassava ch'el ciamasse la stela co quel nome, parché quela storia gaveva dentro la fede genuina e sèmplice de i ùmili che la xe na fede sempre grande.
De storie de Natale ghe ne xe a sentenari, in tute le lingue e in tuti i dialeti del mondo cristian e, in ogni modo de parlare e de contare, ghe xe dentro qualcossa che no se pol cambiare sensa ris-ciare de rovinarghe non solo l'armonìa de le parole più adate, ma anche l'ànima del raconto che xe quela che se rancura la fede e le tradission.
"A gavì da save-re che la Cogometa" partiva el vecio Bepe, meténdose in scarsela la pipa, parché savendo che el fumo ghe dava fastidio a la parona el se regolava de propòsito, continuando "la gera na stela picenina persa in meso a mejari de altre stele che nessun gaveva mai vardà. Par questo, povareta, la se sentìva abandonà da tuti, la gera sempre da sola e triste, tante volte la pianzeva, de scondon come che fa i òmani. Ma chi xe che pol scóndarse ai oci del Signore?" e qua el se fermava vardàndone uno a la volta par lèzarne la risposta ne i oci. "Nessun pol scóndarse ai oci del Signore. E Lu la ga vista e la ghe ga fato compassion, parché la gera pìcola e povareta come tanti de noialtri su sta tera. Anche de noialtri el ga avù compassion e par questo el se ga fato picenin, el xe vegnù a star de casa su la tera come che lo vedemo ne la capana del presepio. Cussì un bel giorno el ga pensà proprio a la stela Cogometa, fantolina. El la ga fata créssare, diventare grande e luminosa più de tute le altre e dopo averghe regalà na coa de lustrini de argento e de oro, el la ga mandà verso la tera parché i re Magi podesse védarla da distante. Savì che i re Magi gera òmani de siensa, e quando i la ga vista, conossendo le scriture, i ga capìo che la gaveva qualcossa da insegnarghe: la strada che portava a la capana dove gera nato Gesù. Na storia da gnente ma sapiente e antica che me ga contà me mono che se ciamava Bepe anche lu e come mi, el ga fato el boaro da i veci Pissinato, e mi go servìo i nevodi de i paroni de me nono. La storia de Gesù e de la note santa la savì tuti a memoria, come mi quela de la stela Cogometa, parché ve la ga contà le vostre mame. Adesso mi go finìo e ve auguro del ben a tuti, e che el Signore ve fassa passare un bon Natale e anche na bona fine e un bon Capodano. Ve saludo." El se tirava sù el capelo da la speràngola de la carega el faseva par andar fora ma me mama lo ciamava da na parte. E nel segreto de la cusina, la ghe regalava un salado e anche sinquanta schei (i gera i tempi de le palanche). Bepe ringrassiava contento, el ciapava la porta in confusion.
El gaveva passà na vita su la stala de i Pissinato, insieme a so sorela al servissio de i stessi paroni che gaveva donà do càmare tute par lori dove i abitava. Adesso el gera restà da solo e la miseria gera el so capitale. Ma in paese ghe gera anche tanta bona zente e lu gaveva le so poste da Natale e da Pasqua. In cambio de i auguri, conosséndolo da sempre, tuti ghe regalava roba da magnare e qualche scheo che a lu ghe bastava. I so paroni gaveva lassà le do càmare da abitare e lu in cambio - ma sensa nessun òbligo - quando el se la sentiva, el ghe dava na man ne i lavori lezieri come el vendemare la ua bassa e desfojare le panoce. No sò e no go mai savesto se el gavesse na qualche pension, ma no credo, alora ste robe no se conosseva e no ghe gera. I pòvari veri viveva de carità e i se rangiava come i podeva, contentàndose de quel poco che ghe bastava. "Fare la poesia a la miseria el xe un insulto a le tribolassion de i poveri". Lo ga dito el pàroco dal pùlpito - parlando del nostro pròssimo la doménica del buon samaritano - e xe proprio vero. Gnente poesìa ma solo storia vera de un tempo, na pagineta de bontà e de generosità umana, ne la povertà de quei ani. Un raconto de Natale sensa pastori e piègore, sensa la neve, le statue e la capana. Ma un ricordo de bon cuore e de solidarietà umana (na parola che no se conosseva) che fa sempre parte de quel Natale vero che dovarìa nàssare ogni giorno nel cuore de tuti i òmani de la tera.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Dissenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Voja de on Nadale putin
Se ga l'inpression che sia drio tornare la nostalgìa de on Nadale poareto, a descàpito de on Nadale sprecon, finto e inùtile
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo La stela "Cogometa"
de Ugo Suman
 
"La Sguaratà" - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo "Continua a fare quelo ca te fa"
a cura de Romano Beltramini
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo El presepio
Na antica tradission che ogni ano ne fa rivìvare el miràcolo del Nadale
de Bepin Daecarbonare
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Letarina de Nadal
de Enzo Coltro
 
Da S. Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Oci no solo par védare
de Antonio Corain