Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Ugo Suman

Devossion popolare

Un pan par do vite

Na procession del Corpus Domini d'altri tenpi, co la Banda comunale in testa...
Na procession del Corpus Domini d'altri tenpi, co la Banda comunale in testa...
Che sto mese de giugno par noialtri vèneti sia el mese del formento lo sa tuti, lo stesso vale par quelo che riguarda i nostri letori, el discorso sul miràcolo de l’Eucarestia, che nasse dal stesso pan che se nutre i òmani. E credo che anche le parole de sto "inno eucaristico" fra i più cantà sia conossùe e ricordà da la magior parte de i credenti, spero.
Meto su la pàgina le parole de sto "inno", parché go sentìo, da i balconi de na television nostrana, un comento a riguardo che me ga fato pensare. "Sotto il velo che il grano compose/ su quel trono raggiante di luce/ il Signor dei signori si ascose/ per avere l’impero dei cuor..." E eco come fra i partecipanti a la trasmission che go dito, (che doveva tratare del spiritualismo religioso atuale), xe nata na polemica fra quei del distinguo, a sto propòsito. L’autore del testo, che me xe ignoto parché no lo go sercà, el podeva – ga dito el più deciso – avere sostituìo la parola ‘impero’ co n’altra più adata par dimostrare l’amore de un Dio padre verso le so creature. E altri ancora nel tempo de la trasmission, co argomenti a cascata de fiume, ga criticà altre parole de sto benedeto "inno" che se cantava, e credo che se canta ancora ne la procession del Corpus Domini, fra le nùvole de incenso e i colpi de grancassa de la Banda comunale. Queste le parole criticà: "Dei tuoi figli lo stuolo qui prono", la parola prono evoca altre religion che prega el so Dio piegà fin co la testa par tera. Na umiliassion che par un fiolo fedele, davanti a un papà misericordioso la diventa par el crìtico de turno, un poco esagerà. Ma i se desmentegà, digo mi, che el Dio de quele parole ne le so cese, anche le più pìcole, desperse in tuta la nostra Pianura, gaveva el so tabernàcolo, al centro de l’altar magiore, co le portine dorate e le le tendine ricamà a colori. La pìsside d’argento dorata a l’interno che custodiva el grande Mistero in partìcole consacrà. El lumin a ojo co la fiamela tremolante, come la fede de i òmani, gera testimoniansa viva de na fede quasi eterna parché diuturna.
Un altro mondo, anche par la nostra fede che – e pare che tanti se lo ga desmentegà – la viveva e la vive anche de i so ‘vestiti’ esterni come ogni creatura. Quei paramenti sacri fastosi de na volta che signoregiava in tute le cerimonie e che donava decoro, rispeto, onore, importansa al nostro Dio e anche a la nostra fede, xe quasi sparìi del tuto, pare che i se vargogna a mostrarli. Un me amico, toso a so tempo come mi de Assion Catolica, quando se trovemo ne la nostra cesa el me confida el so disagio. "El Signore me fa pecà – el me dise – varda come che i lo ga ridoto. L’altare che na volta gera de marmo pregiato, tempestà de testine de angioleti, adesso l’è diventà na tavola da cusina co ma tovaja bianca par de sora. El tabernàcolo na scàtola de legno messa da na parte, e no parlemo de la pìsside che se ga ridoto a na ciòtola de legno come quele che se ghe dava da magnare al gato. Te par giusto? E dopo i se domanda parcossa la fede xe calà e i tosi no va più in cesa?" Queste xe le considerassion che rùmega dentro a tanti ansiani tuti i giorni, ma che se fa più vive ne le feste grande come quela del Corpus Domini, che ga la procession più solene de tuto l’ano liturgico. "Questa no xe e no vol èssare na critica – ga volesto chiarire el moderatore verso la fine – a quel modernismo, forse malamente interpretà, magari in pressa, da na bona parte de i preti dopo l’ultimo Concilio, ma solamente na sotolineatura umana che pol nàssare spontanea ne la mente de tanti credenti de na serta età." Verissimo! go pensà, parché (da le létere che ricevo da la me ventenale esperiensa televisiva) sto disagio, par tanti ansiani, xe na testimoniansa scrita. Credenti de na serta età che ga tribolà e trìbola sti cambiamenti, xe convinti che magari solo in parte, i sia la causa prima del calo de la fede e de la scarsa partecipassion specialmente de i zóvani.
Nel me albo de i ricordi a sto propòsito, trova posto un devoto particolare: Nicola de la Bina. Par vìvare el vendeva e mantegneva morbidi, petenàndoli, i materassi de lana, che gera pochi a quel tempo, e se curava volontariamente del baldachin e de l’ombrelo dorato col quale, al tempo, se tegneva coverto el prete che portava la comunion ai malà. Par la procession del Corpus Domini el puliva scrupolosamente tutto el grande quadrato de tela dorata co le frange, el controlava ogni bòcolo che pendeva e se i mancava de qualche cordonsin, el ghe lo tacava co del filo dorato. El tirava a lùcido le aste de fero che sostegneva tuto el grande aparato e dopo el se lo vardava co devossion. E sempre a spese sue, par de sora de le quatro aste de sostegno, Nicola gaveva fato métare quatro puntali de legno tornìi e dorati che, come tuto l’insieme, sluseva al sole durante la procession. E sicome Nicola se divertiva a fare l’intajadore, el gaveva scolpìo un graspo de ua e na spiga, sempre dorata, incolàndola par abelimento, al mànego sagomà de la ombrela che gavemo nominà prima. El faseva parte de i capati, i devoti più fedeli del Santissimo. La fede de quei òmani, che no gera rari a quel tempo, inluminava de riflesso anche i altri paesani, i gera come la famosa lampada sul poggio, na segnaletica sicura. Anche se qualche bocalon li criticava pa la tònega bianca che i se meteva e par i candeloti che i portava in procession.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La strada de casa
In sto groejo de strade, de trodi, cavezagne, vie traverse e tabele de indicazion, co sto destejo de apòstoli e profeti che prèdica vangèi falopi, xe senpre pi fadiga catare la strada de casa
de Mario Klein
 
Devossion popolare
Leggi l'articolo Un pan par do vite
de Ugo Suman
 
Novità Linguìstiche
Leggi l'articolo El "tesoretto" de Manlio Cortelazzo
In sti giorni ga visto la luce un lavoro linguìstico de l’ilustre professore emerito de Italianistica e de Dialetologia, el catedràtico Manlio Cortelazzo, gran benefatore de la cultura vèneta e sostegno par chi ama la storia e vol conóssare le propie orìgini
de Mario KLein
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo Ciósa medioevale
de Angelo Padoan
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo El papagalo
de Maria Penello
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo La festa del formento
de Luigi Ederle