Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bepin Daecarbonare

Da Thiene (VI)

Tenpo dopo Pasqua,tenpo de i matrimoni
Dopo la nàssita, nel propio anbiente l'avenimento più importante gera el matrimonio che inpienava la casa de fiòi e de nevodi

I do sposeti, felissi, i posa per una foto-ricordo.
I do sposeti, felissi, i posa per una foto-ricordo.
Sentimo cossa diseva i nostri cari veci riguardo al:
FIDANSAMENTO
I fidansamenti tra giovani de paesi difarenti gera pitosto rari, te podevi contarli in te i dii de na man.
Sto fato capitava sia par la dificoltà de conóssare prima e de nar catare dopo persone fora dal propio anbiente, e anca par l'astio che i giovanoti de ogni paese i gavéa ne i confronti de quei che vignéa da fora a sercare le tose de 'e so contrà, come che i ghe robasse un bén che ghe aparteneva de dirito. De 'e volte i giovani del logo organisava vere e propie "cacce" contro i pretendenti che vignéa da fora.
Se diseva che le tose de fameje che in te l'orto o vissin casa gavéa de i oleandri, le sarìa stà da maridare. Par questo le tose no le voléa ste piante in casa e le faséa de tuto parché le fusse strapiantà pi distante possìbie.
Có se vodava da bévare, no bisognava mai zontare vin tel bicère gnancora vod del conpare o de l'ospite, parché senò sta persona no se gavarìa maridà.
Se credeva che chi gavesse magnà in un pignato, na tecia, o in te na pignata invesse che doparare un piato, fusse destinà a maridarse te un giorno de piova.
In serti paesi se diseva che na tosa che magnando lassava cascare poche frègole, gavarìa sposà un siòr (in altri posti invesse che la gavarìa maridà un poareto).
In qualche posto i contava che chi magnava el "bocon de la vargogna" (l'ultimo bocon che restava nel piato comune dove gera stà oferto el magnare ai ospiti) fusse destinà a sposarse entro l'ano.
A chi gaveva conbinà el matrimonio ghe spetava un paro de scarpe nove o un paro de sopèi.
Se par nove sere de sèvito se scalumava e se contava nove stele e l'ultima sera se dormiva dopo co un specio soto el cussin, se insognava la persona co la quale se se gavarìa maridà.

LA DòTA
La tosa scommissiava a farse "la dòta" ancora prima de catare el moroso, doparando tuti i schei che la riussiva a métare da na parte. Na dòta "tipo" gera fata de 4-6 nissuli, de solito de cànevo, 8 forete, 5-6 sugamani, 2 coverte de lana, un covertòro, de i vestiti e de la biancarìa personale; no mancava quasi mai na tovaja ricamà da métare sora l'armaro in càmara par quando vignéa portà 'l Signore (Viàtico) a un malà in casa.
Tuti sti capi gera messi in te na cassa che la faseva parte de 'a dòta stessa.
Tenpi indrìo, ne la dòta gera conpreso anca qualche arnese da cusina.
La dòta vignéa stimà e fato un documento uficiale de 'a stima; el so valore gera tirà via, dopo, da l'eredità.

EL MATRIMONIO
Drìo la strada de ritorno da la cesa dove gera stà fato el matrimonio, el pi de 'e volte capitava che 'l corteo nussiale, catasse vissin casa, la strada sarà da "la siésa".
La "siésa" gera un sbaramento fato da pali, tole, reticolati, tràpole varie e atressi pi o manco veci e adiritura careti o altro.
Tocava al sposo o al conpare liberare 'l passajo, versendo un spirajo traverso la "baricata" in modo che la gente podesse andar vanti. In serti loghi gera tradission che la roba che gavéa servìo da sbaramento fusse dà al sposo o a chi gavéa verto el passajo, invesse a chi gavéa fato la baricata ghe spetava solo che un goto de vin.
La "siésa" gaveva un significato sinbòlico de felice riconossimento; la voleva dire che la sposa gera vergine.
Durante el tragito da casa a la cesa, la sposa no doveva mai voltarse indrìo, quasi a significare el distaco dal mondo che 'a lassava par farse na nova fameja. Voltarse indrìo gera considarà segno de malaogurio.
Quando el conpar d'anelo (el testimonio de nosse) diventava sàntolo (padrino) del primo fiolo, e sàntola (madrina) gera la so morosa, i do no i podeva sposarse prima de un ano parché, se diseva, i "entrava" in parentela.
Marìo e mojere no i doveva mai cavarse "la vera", l'anelo matrimoniale, dal déo, soratuto có uno de i do gera in viajo, se no i voleva èssare tradìi. Cavarse l'anelo gera segno de cativo agùrio, e significava che i raporti tra i do scomissiava a rónparse.
Màssima la dona no doveva cavarse la vera se no la voleva che 'l marìo se fasesse male.


Notissie e foto da: CIVILTà RURALE DI UNA VALLE VENETA, La Val Leogra (ACC. OLIMPICA VICENZA, 1976)

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo I boni sentimenti
In sto mondo che pare de giazo, che mucia scoaze par strada,che brusa le usanze pi mèjo... ghè 'ncora el canton de i pensieri,che jèrimo usi incontrare ne l'omo de jeri?
de Mario Klein
 
Sbiansi de sagessa antica
Leggi l'articolo Aldo Botaro, on re del "buso"
de Dinerio
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo La galina nata ben
de Maria Da monte
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo I Canozi
capolavori fati co' l legno e su tarsia
de Renato Scarpi
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Tenpo dopo Pasqua,tenpo de i matrimoni
Dopo la nàssita, nel propio anbiente l'avenimento più importante gera el matrimonio che inpienava la casa de fiòi e de nevodi
de Bepin Daecarbonare
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo Radecio rosso de Verona
de Luigi Ederle