Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Sergio Bedetti

Da Adria (RO)

Va e vieni

La Tilia la faséa la sarta...
La Tilia la faséa la sarta...
Laqua de Po la va senpre in zo, al mare, ma londa del mare la vien e la va. Cussì fa anca la zente: ghè chi va via pa la so strada, sensa mai voltarse indrìo e chi va e vien fin che l mare no l deventa lisso come in serte matine de bonassa.
La Tilia la jera ndà via chla jera poco più che putina; so sàntola, che la staseva a Milan da ani, na volta chlè vegnù zo a catare i sui, la ga domandà cossa che la faseva. "La sarta." "Ma ghe nato del lavoro?"
"Quelo el ghe sarìa anca, i è i soldi chi è senpre pochi, parchè la zente la paga quando che la pole." "Sa te vien co mi a Milan a te cato un posto sicuro da lavorare, dove i schei a ti vidi senpre e sicuri tuti i misi." E là ciapà el treno, quatro strasse, un ciao a tuti, e a Milan lè ndà inte na peliceria. La sà catà cussì ben che la sà casamentà là: la sà catà un moroso, la sà maridà, là mucià di fiòi.
Quando chè rivà la gran aluvion del 51, la zente del Polesine lè scapà de qua e de là indove che là catà àneme bone e acoliensa. Parici, co tuto sto scunpìlio, i à scoperto che in giro pa l mondo a ghiera da ciapare el franco mèjo che chì da nantri e i à fato sanmichiele na volta par tute. Lè stà cussì che lElsa sorela de la Tilia ? e so marì i è fenì a Milan, o lì par volta. Tuti i diséa Milan, ma el più de le volte i stava de casa in paesi lì intorno e Milan i lo vedeva qualche volta quando chi jera lìberi dal lavoro. In prinsìpio la Tilia la ga dà na man: par catar lalogio, par un lavoreto che andasse ben a lElsa so marì el leva catà prima de partire , par darghe qualche sugerimento indove far le spese a bon marcà, insuma tutte chele picole robete che chi chè sul posto da ani ben conosse e chi riva da via no l pol savere. Naturalmente có i podeva i se catava, co na scusa o co laltra o anca sensa scuse.
Drio lElsa è rivà nantro fradelo e po nantro ancora, fin che tuta la fameja, fora che i veci chi à preferì restare inte le so quatro piere e sapare el so orteselo, bruscare le so vide, brusare bruscole inte l fogolaro par far la polenta, i è fenì tuti a Milan. Vita dura ma palanca sicura. Ognuno à fato fameja, à tirà sù fiòi, i è deventà milanesi e có i tornava al paese a catare i veci i parlava in "nè" cussì come che ormai i sjera bituà. I fiòi i è deventà grandi, i sà diplomà, laureà o inpratichì de qualche mestiere, i è ndà in giro par lItalia e anca fora via, i à tendù i so afari de qua e de là e a catare i veci i ghe vegneva senpre manco.
Quii che invesse no i sjera desmentegà el giaron de Po, le fumare nostrane, la pachèa de listà e i giassun de Genaro, le carezà piene de fango dinverno e i stradun coverti de polvere distà, i jera i so genitori, come lElsa e Giàcomo: ciò luri i ghjera nati da ste bande, i jera cressù co la polenta de sti canpi e i gànbari de sti fossi. LElsa lè stà la prima chla sà conprà na casa arente ai sui, ormai veci e carghi de magagne; na casa vecia, messa discretamente, che la gheva bisogno de qualche sistemassion. Adesso el franco nol ghe mancava e cussì i la là fata métere a posto tanto ben chlè deventà nova. I ga messo dentro tute le comodità, come a Milan, e ela e so marì i vegneva da Pasqua a vèrzere casa, distà inte l tenpo de le ferie, da S. Belin par la fiera, da i Morti par métere du fiuri su le tonbe inte l so simitero, qualche volta perfin da Nadale par passare le feste in conpagnìa di veci. Naturalmente ogni volta a ghjera el giro di saludi a parenti, amissi e conossenti e i pochi o tanti giorni no i bastava mai, parchè i paesani i li considerava ancora di sui, anche se ormai a jera passà na vita da quando chi eva messo sù casa a Milan.
Co la scusa de la casa, no macava de far qualche scapadina anca i altri fradèi. El jera un vàntene e vièntene par tuto el tenpo de lano. Ma. come in tute le robe. è capità chelcossa chà fato molare le abitudini: i veci i è ndà a ingrassare la tera del simitero, Bepe, el marì de lElsa, là scuminsià a verghe poca salute e i viaj sù e zo i sà fato più ciari; i so fradèi, fra fiòi, magagne e veciaja, i è stà costreti a molarghe un punto anca luri; cussì, dopo che l Padreterno là ciamà Bepe a curarghe el so orto, anca lElsa la faseva più fadiga a far le so visite usuali, tanto più che el viagio ormai el ghe pesava un pocheto e la se faseva conpagnare da uno di so fiòi, e cussì la doveva spetare i comodi sui. Insuma, par farla curta, lè ndà a fenire che là messo la casa in man a nagensia e la sà contentà de ciapare chle quatro palanche chi ga oferto e i contati co qualchedun del paese i sà ridoto a qualche lunga partìa de ciàcole par telèfono co qualche amiga che gheva tenpo da véndare cofà ela.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo I dise che la sarà onistà poareta
Lo riferisse i dati riportà da giornài e TV: la sarà na stajon difarente da i altri ani: pi disocupazion, manco schei in circolazion, manco distrazion, rinuncia a tante robe... Sarà vèro?
de Mario Klein
 
Vìvare la vita
Leggi l'articolo Cunarse su na rama
de Ugo Suman
 
Da Belun
Leggi l'articolo Adolfo Crespan, "Dodo"
de Luigina Tavi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Le fàbriche de Habo e Candala
de Bruno Rossetto Doria
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Va e vieni
de Sergio Bedetti
 
Da Verona
Leggi l'articolo Maridarse... vestìo da sposo
de Giacinta DallOra