Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Romano Beltramini

“La sguaratà” - Ciàcole adriote

Ghe gera voia de gite…

I treni gera tirà da cle bele locomotive a vapore…
I treni gera tirà da cle bele locomotive a vapore…
Ghe gera voia de gite…
… perché el mese de Aprile gaveva tute le carte in regola e, anca se qualche pioveta lavava i canpi, la gera bela legerina e la pareva quasi na caressa a consolassion del duro inverno ormai passà. Viageti curti o lunghi, tuti col so fàssino particolare.
I treni gera tirà da cle bele locomotive a vapore. Le vegneva alimentà a carbon e ogni stassion gaveva la so cisterna de aqua per inpenire le vaporiere. Gran sbrufoti de fumo ca no mancava de lavarghe (se fa per dire) la facia a quei ca gera al finestrin. Oci rossi, làgreme e tosse co scufioti a i bocia ca ne doveva spòrzerse. Tre classi per i viagiatori: prima, seconda e tèrsa, naturalmente in scala per i aredi. La prima gera de lusso, co tanto de veludo su le banchine, speci e tendine a i finestrini. No mancava i quadreti co fotografie de la bela Italia. La seconda gheva un fià manco. Veludo più sbriso, gninte quadri né speci, ma se stava più comodi che in te la tèrsa dove i sedili gera de legno e bisognava stare un poco strifelà o méterse in t’i coridòi quando ca ne ghe gera più posto.
Le valize gera ben acomodà su le redine in prima classe, un fià manco in seconda e tegnù anca su i zenoci in te la tèrsa. Có se rivava a na stassion, el capotreno verzeva le porte e el sigava el nome de la località. Quei sordi e quei ca se indormensava, ris-ciava de ’ndare avanti e finire in qualche posto magari da fine corsa. Cussì ghe tocava pagare el bilieto de diferensa e anca la multa!
I òmeni portava quasi tuti i bafeti, d’istà la paieta in testa e d’inverno la bonbeta. Più de qualchedun gaveva la bagolina, segno de distinsion, più che de necessità. Le done gaveva vestiti larghi a canpana e capelini co la veleta. Naturalmente questi gera i àbiti da siori. Più modesti quei ca no gaveva palanca e ca se meteva, comunque, el vestito mèio che i gheva, pur de conparire in viagio.
Fora de la stassion spetava i brossini col cavalo, pronti per i sioroti e i fachini per sgravare dal peso i viagiatori ca doveva portarse pesi e che i gera scarsi de forsa o stava massa distante. I fachini serviva anca a portare i “bagagli” fin sul treno quando ca se partiva. Ogni stassion gaveva la so bilieterìa co i ferovieri ca dava le giuste indicassion anca e sopratuto a quei ca faseva pochi viagi e ca se trovava in dificoltà. Ancuò ghè le machinete ca se ronpe nove volte su diese, cussì come i obliteratori, ma modernismo e sparagno ciama ste magre solussion. Più che magre “frede” perché le manca del contato umano.
Ghe gera el so bar in ogni stassion, grande o pìcola e le so fontanele d’aqua per inpenire le butiliete ca assisteva in viagio. I gabineti gera tegnù discretamente, sensa tante scrite né scondarole per quei ca se sbusa, come sucede ancuò. Nota dolente perché tanti servissi igènici à dovudo èssere serà.
Le sale d’aspeto fra un treno e l’altro, gera divise anca lore in tre classi e aredà dal mèio, al poco e al manco a scominsiare da la prima e fin a la tèrsa. No l’è, po’, che i treni fusse tanto neti né che i finestrini no fusse infumegà co la diferensa che, alora, i mezi ’ndava a vapore e ancuò, co locomotive più moderne, resta i stessi problemi, almanco su i treni de i pori pendolari.
El quadro ilustrà se riferisce a la prima metà del Novesento e anca a qualche ano de la seconda metà. Le gite gera in aprile, comunque, bele e, rivà a destinassion, se portava chi viagi, comodi o scomodi, in tel cuore. Dopo aprile saria rivà el tenpo d’istà, co mare, monti, laghi e canpagna e, sopratuto, co le ferie e vacanse.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La sfida de Papa Francesco
Con Papa Francesco tornemo indrìo de dumile ani. Quelo che predicava Cristo, sostegnù con forza, a metà strada (tra XII e XIII secolo), dal “poverello d’Assisi”, xe de grande atualità: “povertà, semplicità, servizio e rispetto della creazione per far risplendere la stella della speranza”.
de Mario Klein
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo Le vendorìgole
a cura de Angelo Padoan
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Un filo de fantasia
de Laura Viaro
 
“La sguaratà” - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo Ghe gera voia de gite…
de Romano Beltramini
 
Da Isola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo Có riva chel tenpo
de Gianni Fioretto
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo È scopiá la belessa de la Lessinia
de Luigi Ederle