Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Renato Scarpi

Da Lendinara (RO)

Antonio Cappellini
storico lendinarese

Có’l ga visto un gato nero drio traversarghe la strada, Ciano ga inciodà la màchina…
Có’l ga visto un gato nero drio traversarghe la strada, Ciano ga inciodà la màchina…
S’a zerchemo tra la zente de Lendinara, quela che se ga distinto nel canpo culturàe, salta a l’ocio la figura de Antonio Cappellini: storico, poeta, dramaturgo e studioso del dirito aministrativo.
De Antonio Cappellini ga parlà raquanti studiosi de valore, definéndolo come un omo de grande moraità e de nobili pensieri. Un vero credente de le idee maestre del secolo XIX, essendo lu nato nel 1868 in un mondo più serio, più in sèsto e stimàbie de quelo de oncò. Agetivi e sostantivi questi che i tegneva in piè i piastri de l’esistenza: Dio, la Patria, la fameja e l’onesta lealtà de la vita.
Lezendo ’na recension de i Grandi del Polesine, vien fora che, par tuta la metà del Novezento la ricerca storica sul Polesine se basava su tre grandi figure: Jacopo Zannari (1885-1961), Antonio Baruffaldi (1862-1940) e Antonio Cappellini par l’apunto, precisando che el lendinarese inte la so longa e fadigosa vita de scritore, ga dà vita a ’na “pubblicistica sterminata”. I so volumi i tratava de dirito aministrativo, de storia del Polesine, veneta e ligure.
Dovì savere che i Cappellini provegnenti da Legnago (VR), i rivava a Lendinara nel 1783 e da alora, i dissendenti i ga partorìo ’na ilustre fameja de preti, musicisti, studiosi e letarati. Antonio, anca lu nato a Lendinara el 10 novembre del 1868, da Gaetano e Leonilda Battizzocco ga continuà, con ecezionàe forza inteletuale, a tegnere alto el prestijo de la so casata. De la so zoventù poco se sa e, solo da grande lo trovemo menzionà, parché laureà su volere del pare avocato, in Giurisprudenza a l’Università de Bologna. Qualche tenpo dopo el se sposa e, co fiolo e mojere so le spale, se fa carico al so mantenimento, inpiegàndose nel Comune de Fiesso Umbertiano come Segretario Comunale. Na serie de trasferimenti lo porta da Pallanza, passando par Novi Ligure, a Lucca co la qualifica de Segretario Generale de la Provincia. In sto periodo el ne lassa de i scriti, quali: Relazioni e memoriali a stampa o, quei su la Provincializzazione del Manicomio di Fregionaia, o su L’impianto di Ferrovia economica in Versilia, su la riforma de la lege su i manicomi Memoriale per il Congresso Nazionale Psichiatrico di Venezia, 1907, per L’aggregazione della Garfagnana alla provincia di Lucca, 1923.
El servizio militare lo fa inte l’Arma de i Bersalieri come Tenente de Conplemento ma, essendo un socialdemocratico, el vien invità de dare le dimission dal Ministero de la Guera. Lu, fermo su i so ideai aceta el provedimento, risultando volontario dimissionario dal grado.
Uno de i primi lavori in canpo letarario che el Cappellini scrive, xe un libreto che porta el titolo “Guerra e Pace”, otegnendo i conplimenti da Ernesto Teodoro Moneta. Nantra òpara inportante da lu scrita, xe el “Compendio di Legislazione Sociale”, che risulta la prima publicazion in Italia par far cognóssare le legi de previdenza sociale.
A 55 ani, ormai pensionato, el nostro scritore xe ciamà dal Commisario Regio a Taranto per “L’impianto degli Uffici della nuova Provincia” e de seguito el Ministro de l’Interno, lo invita a “reggere l’Amministrazione straordinaria del Comune di Lendinara”. Inte ’l stesso momento el fa anca el Segretario de la Federazion de i Enti Autarchici de la Provincia de Rovigo e de Segretario del novo Consorzio de Bonifica de prima categoria de l’Alto e Medio Polesine.
Co decreto 26 agosto 1926 el vien nominà dal Ministero de l’Istruzion Publica, menbro de la Comission conservatrice de i monumenti de la Provincia de Rovigo e, con Decreto 24.12.1928 Ispettore onorario a i Monumenti per Genova. Inte la capitale Ligure vive za da tenpo so fiolo e lu, par starghe vizin el ciapa, el 1° giugno 1928, la nova residenza. In quela zità, oltre a publicare un futìo de scriti relativi a la Liguria, el vien incaricà de portar ’vanti la redazion de la rivista municipàe Genova. Nominà Socio de la Società Ligure de Storia Patria, el colabora intel Bollettino Linguistico per la storia regionale e, par i so scriti che parla de robe liguri, otien la nòmina a Socio de l’Accademia Linguistica di Belle Arti, classe scritori de Arte. Ne l’adunanza del 4.2.1956 da “l’Accademia Ligure di Scienze e Lettere”, el vien nominà Socio de létare e sienze.
El nostro grande, ne la so vita, otien anca la nominà a Presidente de l’Associazion de i dipendenti de i Comuni e de la Provincia de Lucca e, el jornale “L’Alba” de Pistoia, lo definisse: “Magnifico difensore dei dipendenti degli Enti Locali”.

Tanto el xe considerà da la zente e Aministrazion pùbliche che, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, ghe vien conferìo el titolo de Cavaliere de la Corona d’Italia.
A fare un elenco de tute le so publicazion, se dovarìa inpinire raquante pagine de sta rivista e, partanto, me lìmito a dire che chi volesse savérgane de più su quel che ’l ga scrito, el trovarà sodisfazione consultando la Biblioteca de l’Accademia dei Concordi de Rovigo. Altra roba inportante la trovemo ne la Biblioteca Civica de Lendinara, regalo che lu ga fato a la Fondazion nel 1955, che rancura cussì zinquezento volumi de vari autori e tuti i so libri publicà e da publicare. A la Fondazione Boldrin el lassa un saco de documenti de intaresse storico, leterario e privato.
Tornà a Lendinara nel 1957 e, a l’età de 95 ani, el stua par senpre la so ilustre vita.
Al so amigo Bepi Bonafin che tra l’altro ga scritto le so memorie, el Cappellini ga dito: “Nullatenente, son lieto d’esserlo, e che né capitali né beni immobili mi procurino la noia di doverli impiegare e amministrare.” “Libero da legami di parte – continua el Bonafin, mi disse – Il migliore partito è quello di amare con disinteresse la patria e la libertà.”

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Fameja: problemi novi
No passarà tanto tenpo che anca qua in Italia vegnarà fato quelo che xe ’pena sucesso in Francia, dove xe stà aprovà la lege che legaliza i matrimoni tra persone del stesso sesso: dona con dona e omo con omo. E in nome de i diriti civili de l’individuo, dovaremo ciamare ste union: “novo tipo de fameja”
de Mario Klein
 
Le storie de Dinerio
Leggi l'articolo Momi Portapégola
de Vittorio Ingegneri Dinerio
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Antonio Cappellini
storico lendinarese
de Renato Scarpi
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo La casa de Mòmolo
de Gianni Sparapan
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo La me sità in cartoina
de Ines Scarparolo
 
Da Verona
Leggi l'articolo La sospresa
de Giacinta Dall’Ora