Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
a cura de Angelo Padoan

Robe de Ciósa

I primi stabilimenti balneari a Sotomarina

Cartolina publicitaria del stabilimento balneare “Margherita” (primo ’900).
Cartolina publicitaria del stabilimento balneare “Margherita” (primo ’900).
El “Clodia” ne i ani ’40 del secolo passà.
El “Clodia” ne i ani ’40 del secolo passà.
La locandina del “Lido di Padova” (ora stabilimento bagni “Clodia”).
La locandina del “Lido di Padova” (ora stabilimento bagni “Clodia”).
Sémo arivà, co la storia de i stabilimenti balneari de Sotomarina, a i primi del Novesènto. Proprio in ’sto periodo nasse el lido de Sotomarina. El 1901 ze l’ultimo ano de atività de i dó stabilimenti balneari galezanti “Salute” e “Saline” de i quali avemo parlà ne la puntata passà. Questo perché nel 1900 se costruisse el primo stabilimento costruìo in spiagia, ciamà “Margherita” in onore de l’alora Regina Madre omonima e situà un poco pi a nord del posto dove adesso ghe xe el stabilimento “Astoria”. El parón ze un dotore marinante. Tre ani dopo nasse un altro stabilimento, sempre in spiagia, che a fa anche da ristorante. I lo ciame “Mira-mar” (pi tardi “Miramar”) e i dó proprietari i entre inevitabilmente in conflito fra de lori per motivi de concorensa. El dotor Boscolo provede a publicare un opuscoleto publicitario dal titolo “La cura marina”, esaltando el so stabilimento. A ze costruìo su palafite in riva al mare co ’na parte, quela de i camerini, che dà diretamente su l’aqua per permétare un pi comodo acesso a le bagnanti. A ze elegante, caraterìstico e in stile “vistoso”, oviamente in legno. De fianco a le capane, el stabilimento à un gran salon co locali destinà a caffè e ristorante, ’na terassa sul mare granda e spassiosa coverta co tende, saloti per letura e musica, servissio de biancarìa, bagnini, ecc., el tuto iluminà da la luse elètrica. Da notare che i camarini i ze costruìi in modo che le signore le possa vegnire zo sensa caminare su la sabia, credùa a chéi tempi “sostansa pericolosa”, fare el so bagneto lontan da i oci indiscreti de la zente. ’Na dieséna de ani pi tardi el “Marghertita”, nel 1917, se trove pi lontan dal mare a causa de l’avansamento de la spiagia. Poco lontan ghe ze el “Miramar”, press’a poco dove adesso ghe ze le scuole elementari de Sotomarina. A chel tempo, e no come adesso, tuti i fiòi ciosòti no andeva in spiagia, ansi! Difati, nel 1905 ghe arive al sindaco ’na istanza firmà da ’na quindeséna de citadini per segnalarghe “la bruttura scandalosa dei fanciulli che in costume adamitico fanno il bagno nel canal Vena nei pressi del ponte Scarpa” co preghiera a le guardie munissipali afinché “venga tolto questo oltraggio al pudore che ripugna ai onesti cittadini e padri di famiglia che non sempre possono essere vigili presso le loro prole per evitare un orrendo spettacolo” (altri tempi alora!...). In spiagia intanto se vede le prime capane: in prinsipio fate co teloni ligà a de i paleti e messe de sbiègo, dopo fate de legno e disposte in órdene e ben in fila. Intanto continue a sengiósso le proteste de i citadini contro el… malcostume. ’N’altra petission arive al sindaco, datà 25 setembre 1909: “Nella spiaggia di Sottomarina di Chioggia e con grave disdoro al decoro del paese è concesso ai poveri di spogliarsi liberamente sulla spiaggia e di prendere il bagno in costume poco decente. Uno spettacolo allegro ma immorale e vergognoso non solo per la Città ma anche per i poveri stessi.” Ma de ’ste proteste al sindaco ghe ne arive in continuassion… ’N’altra de queste rèssite cossì: “I più sfacciati (bagnanti, ndr) e senza pudore fanno i loro comodi vicino alle capanne tanto che gli occupanti devono assistere mentre i forestieri non nascondono la loro nausea e il loro biasimo.” In spiagia se registre el primo negà de la so storia: se trate de un zóvane venessian, vegnùo a Sotomarina, che s’à despogià in te ’na capana de i privati e dopo èssere andà in aqua a s’à negà senza che nissun coresse a darghe ’na man e riportarlo a la riva. Questo perché no ghe ze nissun che controle né in tera né in aqua, nissun barcariolo e nissuna barca de salvatagio! Curioso che l’idea de le capane ghe sia vegnùa a la mugere de uno de i paroni del “Miramar”: la ze andà al lido de Venessia, l’à visto le capane e l’à deciso de farle uguali anche a Sotomarina. Scomissie intanto anche el fenomeno de le colonie marine: le prime ze quele formà da fiòi provenienti da Piove de Saco. Arive la grande guera e la stagion continue fin a l’ultimo ano, el 1918, quando el sindaco dispone de le precise limitassion a i bagni e a i stabilimenti, ma poco dopo arive la proibission a l’apertura. Che riprende dopo la guera co l’autorisassion a altri gestori de sfrutare altre zone de la spiagia, sempre a serte condission de pulissia e decoro, cossì che nel 1921 i operatori impegnài nel turismo balneare i xe oramai sete. L’ano 1922 ze l’ano storico che vien costruìo el “Clodia”, tutora esistente sepur modificà diverse volte, un edificio mondo grando, tuto in legno de larice, posà su un’enorme palafita, tanto che solo l’entrata gera su la spiagia. I costrutori del “Clodia” ze dó padovani, Angelo Zanivan e el socio Chiamolera, e a vien costruìo pi a nord rispeto a l’atuale. Qualchedun lo definisse el pi bel stabilimento balneare d’Italia…: 250 capane, 114 a destra e 102 a sinistra, frequentà per la magioransa da padovani, tanto che a vien indicà ben presto co la denominassion de “Lido di Padova”. L’à un stile, podaréssimo dire, “liberty” e a ze permanente. A ofre, oltre a i soliti servissi, anche altri de novi: dó barche per escursion in mare e un bragosso destinà a la pesca per i turisti.
Nasse anche i primi alberghi: “Anzoletti”, “Villa Marina” e “Villa Malatesta” e i primi… “locali noturni” come l’Excelsior, el Trieste, l’Ortensia e el Belvedere. Scomissia a rivare anche i turisti da Verona, anche perché nasse l’atività de i cosideti “fitacàmare”, che dà in afito a i cosideti “foresti” le so case. E fra questi anche i primi turisti stranieri; uno de i primi grupi vien da l’Olanda e ocore un interprete per capirse (e se stente a trovarlo…). El belo ze che la gran parte de ’sti turisti i arive a Sotomarina provisti de tende che i monte in freta e furia su la spiagia: insoma i pole dirse i antesignani de i moderni “campeggiatori”. I ciosòti alora come ora i ze i pi numerosi frequentatori de la spiagia de Sotomarina e i ghe reste da la matina a la sera, fazèndose da magnare ne la capane fornìe de bombole e fornèi. Alora no ghe gera el ponte che univa Ciósa a Marina e i primi bagnanti ciosòti i veniva a bordo de i vaporeti (1900) che fazeva la spola, po’ dopo traverso ’na passarela del legno (1930) e finalmente traverso un bel ponte in cemento, che a ze quelo de adesso, sepur ingrandìo.
E qua se fermémo perché la storia deventarave massa longa e podarìa stufare i nostri letori.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Ghe vole pi corajo e speranza
Sicome le xe massa le robe che no va, bisogna farse corajo e vardare avanti, volere a tuti i costi che la se canbia, che no ’i sia senpre tenporài e tenpesta: chissà che ’l celo se stufa de “cicloni” e “anticicloni” e possa rivare finalmente el seren!
de Mario Sileno Klein
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo La vaca “fantasma”
de Roberto Soliman
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo I cunsili de Nasrudin
de Bruno Rossetto Doria
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo I primi stabilimenti balneari a Sotomarina
a cura de Angelo Padoan
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo La càmara
de Sergio Bedetti
 
Da Verona
Leggi l'articolo Grassie!
de Giacinta Dall’Ora