Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Sileno Klein

Editoriale

Che bocaze in Tv!
No la xe tuta cussì la nostra television, ma bona parte sì, parché se ga spostà i paleti de confine de quelo che xe permesso dire in pùblico e de quelo che inveze xe ben tegnerse tra i denti. No la xe na novità ma, dài oncò e dài doman, la “volgarità” xe drio deventare “normalità”. Cossa fare?

Se no saremo boni de canbiare calcossa, i nostri fiòi i gavarà na pessima maestra ne la television.
Se no saremo boni de canbiare calcossa, i nostri fiòi i gavarà na pessima maestra ne la television.
Tra la zente in generale, ma soratuto in tanti canài de la television le parolaze, le biasteme e la “volgarità” le xe deventà on linguagio comune. Xe veramente na vergogna, soratuto quando che ste robe le càpita co persone de on zerto livelo, e i presentatori no i ghe fa in nessun modo capire che ghe xe da rispetare le regole de la bona educazion.
Na volta, ma anca ’desso, se diséa de canbiare canale, ma cossa vuto canbiare canale: se no la xe supa l’è pan bagnà. Questo pare che ’l sia ormai el linguagio a tuti i livèi: parfin Trump, in canpagna eletorale, el ga doparà parole da boaro (senza ofesa pa ’l boaro che magari el xe mèjo de qualche altro!). Senza la parolaza el discorso el xe manco credìbile, e ’lora… parla come te magni!
Se el zugadore de calcio che ga fato gol no ’l se cava la malia in canpo, xe come se no ’l lo gavesse gnanca fato, ma el so gesto el vien punìo da l’arbitro co ’l cartelin zalo parché la regola del zogo dise che questo no se pole farlo. Al contrario, in television, a quelo che dise la parolaza, no ghe vien dito gnente, anzi, el vien ripagà dal pùblico co on grande aplauso e co ’l soriseto de “compiacenza” del condutore.
Se ga senpre savùo che la massa libertà, la massa mànega larga no porta a gnente de bon. Basta vardare ne la scola: dove che i professori no i xe stà boni de insegnarghe a i tosi el rispeto de le regole, ’desso i ghe ne porta le conseguenze.
Cussì sucede a la television: lassar passare par roba normale zerti discorsi e linguagi che ofende el senso comune de la decenza no pole che portare dano al vìvare civile, se non adiritura far créssare la violenza e non solo a parole. Dopo tuti sti esenpi cativi, ocore che chi fa television e informazion se toga le so responsàbilità: purtropo, tante trasmission televisive RAI no le vien programà su criteri morali e, spesso, gnanca estetici: a chi organiza ghe intaressa l’audience de i spetatori.
No se capisse parcossa ocora senpre urlare par dire le propie rason; anca el pùblico presente in sala (o studio) el fa altretanto con urli, ofese e fis-ci verso el personagio o el giurato che ghe xe antipatico par el giudizio o el voto: zerte trasmission pi che “in studio” pare che le vègna fate ne la giungla.
El virus de le parole fora posto, insieme a le barufe, a i toni maleducati e violenti el se ingrassa in ste ocasion. Tolerando tuto questo, ghe xe chi che se sente autorizà a farlo liberamente: cussì se slarga el sbrego!
No sò se ghi fato caso: da quando ne i telegiornài viene tegnù el conto de le done copà da l’inizio de l’ano, el “feminicidio” el xe in aumento. No disemo che dipenda da l’informazion, ma no va gnanca ben insìstare massa in sto “dovere di cronaca”, parché pol capitare de “svejare el can che dorme”.
E i citadini che se acorze de tuto questo, cossa gai da fare? I ga da far savere che no i xe d’acordo e che xe ora de fare pulizia, eliminando el malcostume e insistendo parché se faza Tv in modo diverso. Na television che par farse clienti la permete parolaze, dopi sensi e volgarità, vol dire che semo rivà a la “frutta” e che el livelo culturale el sta toccando el fondo.
Stessa roba ghe sta capitando al cinema: tanti film de oncò i xe pieni de parolaze, no i vien premià e no i ’tira tanto pùblico ne le sale. Quindi, anca nel nostro bel Paese, la maleducazion la xe partìa da la Tv, la xe passà tra i banchi de scola, prima de finire su i social, i mezi de comunicazion digitali.
Sta bruta fine la jera stà prevista dal stesso Pier Paolo Pasolini: “Superficialità, banalità e ignoranza porteranno a uno spaventoso regresso di genocidio culturale per due terzi degli italiani.”
Dovemo fare calcossa par ciamarse fora da i due terzi de sti italiani!

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Che bocaze in Tv!
No la xe tuta cussì la nostra television, ma bona parte sì, parché se ga spostà i paleti de confine de quelo che xe permesso dire in pùblico e de quelo che inveze xe ben tegnerse tra i denti. No la xe na novità ma, dài oncò e dài doman, la “volgarità” xe drio deventare “normalità”. Cossa fare?
de Mario Sileno Klein
 
Le storie de Dinerio
Leggi l'articolo Tuto te na note…
de Vittorio Ingegneri Dinerio
 
Da Trieste
Leggi l'articolo Zente de piaza Vico
de Luigi Perini
 
Curiosità venessiane
Leggi l'articolo El profumo a Venessia
de Armando Mondin
 
Da Lugo de Vicensa
Leggi l'articolo La cóa de l’autostima
de Giuseppe Segalla
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo La passion de balar
de Lucia Beltrame Menini