Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Da Trieste

Zente de piaza Vico

Piaza Giambattista Vico a Trieste.
Piaza Giambattista Vico a Trieste.
L'irlandese James Joyce nel 1915.
L'irlandese James Joyce nel 1915.
Targa che xe stà messa al n. 5 de piaza Vico a Trieste.
Targa che xe stà messa al n. 5 de piaza Vico a Trieste.
“Có son lontan de ti, Trieste mia, mi sento un gran dolor e più che tento de scazzarlo via, più me se ingropa el cor. Dó làgrime me cori zo pe ’l viso e digo tra de mi, che no ghe esisti un altro paradiso, più splendido de ti. Un buso in mia contrada, un vecio fogoler, un sial che pica in strada, dó rose in un piter. De sora quatro nuvole, de soto un fià de mar, xe el quadro più magnifico che mai se pol sognar.”
Ma in piaza Vico no ghe xe tuguri, e le strade xe tute drite.
Son tornado dopo tanto tenpo e la go trovada bela e ordinata come ’na volta. Solamente al numero 5, là dove comincia la fila de i casegiati soto al monte Pontini e indove abitava i mii amici Giuseppe e Luigi Lanza de Casalanza, go trovado una targa in ricordo del scritor irlandese James Joyce (Dublino 1882 – Zurigo 1940), quela che vedé in fotografia.
Dove finissi la via Bramante va in su la scaleta Segantini, che da poco la ga ciapà el nome de scala James Joyce. Forsi al Segantini i ghe ga dedicà la rotonda superiore che porta a l'osservatorio astronomico, quel de Margherita Hack.
L'irlandese James Joyce jera insegnante de inglese a la Berlitz School de Trieste e come podé lèger in te la fotografia el ga scrito in piaza Vico el libro “Gente di Dublino” e terminado “Dedalus”; el ga scrito el drama “Esuli” e el ga incominciado “Ulisse”. I disi che “Ulisse” sia el su più bel lavor, ma a mi me piasi de più “Gente de Dublino” e adesso dirò perché, però prima scoltemo un passagio:
“La sera calda e grigia d'agosto era scesa sulla città, e un'aria tiepida e dolce, a ricordo dell'estate, circolava per le vie. Davanti ai negozi, chiusi per il riposo domenicale, affluiva una folla variopinta di persone che accendeva le strade di vivaci colori. Come perle luminose, le lampade risplendevano dalla sommità degli alti pali, sulla viva tessitura di sotto, la quale cambiando incessantemente di forma e colore, esalava nell'aria calda e grigia della sera un continuo e incessante mormorio. Due giovanotti scendevano per Rutland Square...”
Capitolo “due galanti”. L'autor te fa rivìver momenti vissudi anche da mi, però la doménica sera piaza Vico, dove vivevo, jera senpre silenziosa.
Seguendo el raconto me pareva de èsser là co el mio amico e conpagno de scuola. De sto libro ghe xe varie edizioni, ma a mi me piasi quela de Feltrinelli perché la ga l'introduzion de Italo Svevo, el gran scritor triestin, autor de “La coscienza di Zeno”.
Incomincia Svevo in te la longa introduzion: “James Joyce arrivò a Trieste nel 1903. Fu un caso. Cercava un impiego e lo trovò presso la Berlitz School ...” Svevo continua a parlar de la vita e de le opere de l'irlandese e el finissi disendo de i aprezamenti de Freud in te l'inpianto cultural de James Joyce.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Che bocaze in Tv!
No la xe tuta cussì la nostra television, ma bona parte sì, parché se ga spostà i paleti de confine de quelo che xe permesso dire in pùblico e de quelo che inveze xe ben tegnerse tra i denti. No la xe na novità ma, dài oncò e dài doman, la “volgarità” xe drio deventare “normalità”. Cossa fare?
de Mario Sileno Klein
 
Le storie de Dinerio
Leggi l'articolo Tuto te na note…
de Vittorio Ingegneri Dinerio
 
Da Trieste
Leggi l'articolo Zente de piaza Vico
de Luigi Perini
 
Curiosità venessiane
Leggi l'articolo El profumo a Venessia
de Armando Mondin
 
Da Lugo de Vicensa
Leggi l'articolo La cóa de l’autostima
de Giuseppe Segalla
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo La passion de balar
de Lucia Beltrame Menini