Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

Che miracolo svejarse…

Slonga le to man e senti come che la xe fresca…
Slonga le to man e senti come che la xe fresca…
Parfin l’arte la ne insegna a regalare na careza… (Canova, Venere e Adone)
Parfin l’arte la ne insegna a regalare na careza… (Canova, Venere e Adone)
Mama mia, come che ’l xe zolà anca st’ano! El xe za drio mostrarne i segni de quel novo! De piova el ne ghe ne ga regalà assè, cussì che, quando qualche giorno ne riva el sole, lo vardemo come un calcossa de più prezioso. Lo gustemo de più, parché de le volte quelo che ne vien dà gratuitamente, giorno par giorno, ne pare che ’l ne sia dovùo.
De le volte a penso che la sia cussì anca par la nostra vita. Poche volte se se sveja, pensando che ’l xe za un miracolo svejarse, poder vardarse ’torno e védare tute le robe bele e preziose che xe lì e che quasi le ne varda par dirne calcossa, un calcossa che podarìa èssare:
“Te si vivo, te ghè i oci par védare le beleze de la natura. Varda quanto che ’l xe belo azuro l’ultimo fiore de radicio che ’l xe lì tacà a i to piè. Te ghè le rece par sentire: scolta come la canta l’aqua del fosso che riceve quela del calto, che vien zo saltando de sasso in sasso fin a deventare ciara, lìnpida. Slonga le to man e senti come che la xe fresca e come la te scapa tra i déi.
’Desso le to man le sarìa nete e pronte par dare na careza. A chi? Le sarìa tante le persone che ga bisogno anca solo de un soriso, de na careza magari fata solo co i oci. Ma chi mai ga tenpo par fermarse un àtimo, solo un àtimo? Tuti se sara in casa, in sto nostro tenpo. Le careze, i sorisi, na bona parola, un saludo…: dove xeo ’ndà tuto questo?”
Na volta le case le gavéa le finestre verte, come se le fusse i so oci. Có gero pìcola, me ricordo i silenzi terìbili de quando passava Pipo, el bonbardiere. Ogni sfesa la vegnéa inbotìa de strasse: guai se se vedéa na luce. ’Desso, grazie a Dio, no se xe pi in guera. Ma, no ve pare che la nostra no la ghe someja a na guera silenziosa? Forse sto esagerando, ma mi me ricordo le mame che le metéa fora la testa da la finestra co le làgrime a i oci, ma da la felicità, e le diséa: “La xe finìa! Xe finìa la guera!” E sventolava la bandiera tricolore so ’l pin piassè alto, vizin a la cesa.
Adesso, ghemo altre dificoltà, ma semo oncora siuri al confronto de alora, anca se semo de i “poveri silenziosi, mendicanti d’amore”.
Ma, come go za dito, semo vivi, e questo el xe za un miracolo. Alora viva la vita! Viva l’amicizia! Viva la fameja de Quatro Ciàcoe che la sa ’ncora parlare, domandare, scoltare. Questo xe el mio… el nostro augurio par el Novo Ano!

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Ano novo, vita nova. O quasi?
Chel vecio proverbio che se sente a l’inizio de l’ano che ’l gabia ancora valore o che ’l sia solo na spintonà par nare ’vanti? Epure ogni ano che passa calcossa de novo el ghe xe: l’età, la TV che da “digitale” la deventa “satellitare”, i schei che da euro i deventa “bitcòin”… Che ’l sia questo el “novo” de st’ano?
de Mario Sileno Klein
 
Da l’Alta Padovana
Leggi l'articolo I 800 ani da ’a rifondazhion de Sitadèa, tra storia e fantasia
de Luigi A. Zorzi
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Che miracolo svejarse…
de Gemma Bellotto
 
Da Gavello (RO)
Leggi l'articolo Par ricordare el me amigo Piero Casotto
de Gianni Sparapan
 
Da Isola Rizza (VR)
Leggi l'articolo La dentiera
de Giuseppe Lavarini
 
Da San Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo La gioia de ritrovarse
de Antonio Corain