Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Angelo Padoan

Robe de Ciósa (VE)

I modi de dire

Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Forse lo gavarà cità anche l’amico Mario nel so pressioso glossarieto puntualmente curà òni mese per la nostra rivista. Questo: “Passare da strìmboli in stràmboli”: a ze un classico modo de dire veneto, che se traduse in italian co un altro modo de dire: “Saltare di palo in frasca”. La sola citassion de ’sto “modo de dire” ne fa capire che ’sti “modi de dire” altro no ze che ’na frase usà per esprìmare un sèrto conceto atraverso ’na espression de senso “figurato”, cioè dal concreto al “metaforico”.
Chi lezarà ’sto articolo avarà za dedó­to che ’sti modi de dire i ze fruto de l’esperiensa o de la sagessa popolare, ma i ze anche modi che se use al mo­men­to giusto per rèndare mègio el con­ceto. No i significarìa gnente se i se usasse “fuori contesto”. De modi de dire ze piene le fosse (podemo dire), parafrasando… un modo de dire. Òni dialeto à in repertorio i so modi de dire. Figurémose quelo veneto! Ansi quasi òni provincia del Veneto ga i sói!... Podaréssimo dire quasi òni sità, come che se deduze da la magior parte de i modi de dire “esclusivamente” ciosoti riportài de seguito in ’sto articolo. Ovio amé­tare che ancùo oramai i ze finìi quasi tuti in dimenticatoio…

Avanti de ’sta cassèla (avanti sempre allo stesso modo).
Fare el so asso (fare a modo sóo).
No dare ala (non dare retta).
Fare ala (tenere bordone).
Stare badiale (trovarsi bene).
Dare impasso (dare noia).
Caminare a gatognào (andare carponi).
Védare e no védare (essere incerto).
Missiare ostro e tramontana (non capire più nulla).
A moradèi (per amor di Dio).
Métare la pesséta (metter la lingua a sproposito).
M’ò arlievào la bisinèla de oto fiòi (ho tirato su la bellezza di otto figli).
Avere l’ocio imbisatào da sunansa (avere l’occhio stanco da chi ha fatto indigestione).
Èssare a i óri (essere quasi riempito).
Venire le petéce (avere le scalmane).
Avere mondo de pèra (avere molta pratica)
El sole à la panocia (è offuscasto, circondato da un alone di nubi).
Èssare in rùsola (ridere, essere allegro).
Fare àsio (fare posto, fare largo).
M’à dào el crin (mi è venuta la passione).
Stare a la remòcia (mettersi al riparo).
Andare a segonda (lasciarsi portare dalla corrente).
Andare a scornacion (andare alla cieca).
Caminare papote-papoti (camminare passo passo).
Fare le tàmbure (avere moti convulsi).
Capitare a scuèle lavàe (arrivare quando tutto è finito).
Capitare co le pompe al culo (capitare molto in fretta).
Èssare in arion (essere affaccendato).
Andare col brenton (andare in fretta).
Ciapare ’na bria (prendere una buona andatura).
Èssare in campiero (essere indaffarato).
Fare ’na càndia (fare una lite - eco della battaglia sostenuta dalla Serenissima per il possesso dell’isola di Càndia o Creta).
Sentire i cantini (sentire pettegolezzi).
Èssare in chìgia (avere sempre freddo – chìgia = freddoloso).
Ciapare la bigarèla (guadagnare qualcosa).
Incaratarse co bigonsoni (intrupparsi con scioperati).
Bisi e risi mai passion, petenèla fassoleton (stare contenti anche con un solo piatto di minestra - bisi e risi - e, per le donne, con un fermaglio – petenèla - o con uno scialle – fassoleton).
Avere bogiaisse (avere rabbia in corpo).
Métare in borésso (instillare allegria).
Fare uno maùro (riempire uno di botte).
Èssare ’na ménola (essere sempre in giro senza far nulla).
Andare in pachéa (appisolarsi).
Èssare a pagiolo (trovarsi in miseria).
Fare parapatatèo (fare strepito).
Fare i piangini (fare le bizze).
Fare patàfia (fallire: si riferisce al gioco cosiddetto a buso patàfia, cioè giocare a fare un buco sulla creta o a fallirlo: pezzi di creta, resi concavi, venivano lanciati a terra dai ragazzi, la pressione ne faceva talvolta saltare il fondo e si aveva il buso, tal’altra invece rimanevano integri e c’era la patàfia).
Fare pèmpa có se camine (non guardare dove si mettono i piedi quando si cammina – si riferisce al gioco del ‘campanon’: si diceva ‘pèmpa’ quando si lanciava la pietra con troppa forza e finiva fuori del limite).
Fare le pignatele (fare un incantesimo).
Andare a scuola de caca e pissin (frequentare la scuola materna).
Andare da caligo a stravedamento (passare da un eccesso all’altro).
Métare sufo, safo, servèlo (dedicarsi con tutte le proprie capacità).
Molare i supioni (sparare i fuochi artificiali).
Alora tira, mola, la bóge, la scote, la ze crua, la ze cota, tipe-tope (una parola, un’altra, tanti pareri diversi, ma niente da fare…)
Ti ze perso co un tantonero per ca’ (sei fritto se hai uno scocciatore in casa).
Èssare a grongoloni (essere bagnato fradicio – da ‘grongolare’=grondare).

Da notare, infine, che esiste fior de vocabolari su i modi de dire de i diversi dialeti veneti. Dó esempi: G. Tiozzo Netti, Come dolce canto. Parole e modi di dire di Sottomarina (Art&Print Ed., Piove di Sacco, 2018); I. Cacciavillani-V. Pampagnin, 200 e più modi di dire dei nostri veci (Elzeviro Ed., Treviso, 2016).

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Tenpo de selte
Quelo che che ne se para davanti el xe on tenpo de selte. Naremo mèjo o pezo? No se sa! Xe oncora presto par dirlo. La pi parte dipendarà da quelo che ghemo inparà te i dì de clausura. Dovaremo ’bituarse al canbiamento, rinunciando a zerte esagerazion e comodità che prima le ne paréa robe normali.
de Mario Sileno Klein
 
Rovigo viva
Leggi l'articolo El teritorio de la Grande Quercia
de Lidia Maggiolo
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Nessun gavarìa mai pensà…
de Antonio Giraldo
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo On tratore salva pecatori: el Landini
El Landini a testa calda el ga rivoluzionà l’agricoltura dopo i poco afidàbili tratori a petrolio, che i morìa de colpo in mezo al canpo, tiràndose drio tante maledission!
de Roberto Soliman
 
Robe de Ciósa (VE)
Leggi l'articolo I modi de dire
de Angelo Padoan
 
“La Sguaratà” - Ciàcole adriote
Leggi l'articolo Case ca ride
de Romano Beltramini